Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Editoriali

Grazie cari lettori e buon Primo Maggio!

Pubblicato

il

In aprile terzo miglior risultato in termine di visite della storia di Vino al vino

Mi corre obbligo, oggi Primo Maggio, festa dei lavoratori, una festa, si badi bene, che è di tutti, non di una sola parte politica che con il suo consueto modo di fare disonesto e bugiardo come l’ideologia che la anima se n’è appropriata negli anni, ringraziare tutti i lettori di Vino al vino. Nel mese di aprile Vino al vino ha fatto registrare la terza performance assoluta di visite della sua storia.

Solo nel mese di dicembre 2020 e nel gennaio di quest’anno avevo avuto più visite. Ma se a fine 2020, avvicinandosi il Natale e il fine anno era normale che, come avvenuto su Lemillebolleblog, si registrasse un picco di accessi, e se i risultati di gennaio 2021 erano stati in qualche modo “drogati” dai piagnistei e dalle accuse nei miei confronti, più patetiche che vergognose, diffuse via video da una furbetta che mi aveva fatto passare per uno stupratore via Web e che aveva fatto ricorso a tutte le sue consumate doti di commediante per catturare l’attenzione su di sé, e che avevano portato a visitare Vino al vino torme di erinni invasate, tardo femminarde e ogni genere di casi da TSO, non era scontato che l’interesse dei lettori per questo blog continuasse a crescere.

E così, dopo la normale, e salutare, normalizzazione dei dati delle visite del mese di febbraio (quando il blog fortunatamente aveva perso la zavorra di visitatori che arrivavano qui solo spinti da motivazioni ideologiche o di genere o catturati dalla sceneggiata napoletana messa in scena dall’orobica – californiana, che sta elaborando un progetto nientemeno che con Slow Food, per la serie il  Diavolo li fa e poi li accoppia…) avevo visto con grande piacere la crescita di marzo. Ma non mi aspettavo che aprile vedesse ancora confermare il trend di crescita, come invece puntualmente è accaduto.

Io, a differenza di qualche furbo collega che sul suo sito sbandiera numeri relativi alle visite la cui veridicità sarebbe interessante verificare, sono molto contento dei risultati che Lemillebolleblog e questo blog stanno ottenendo. Posso solo dire che per Vino al vino nei primi 4 mesi del 2021 siamo già oltre due terzi delle visite avute in tutto il 2020. Questi sono numeri documentabili, non balle.

Colgo pertanto l’occasione di ringraziare gli importatori che anche nel 2021, come era già avvenuto a partire da metà 2020, hanno scelto di essere presenti con un loro banner sui miei blog (una presenza assolutamente libera e non condizionante in alcun modo i miei giudizi, buona parte degli Champagne che loro importano sono di qualità indiscutibile e come si può facilmente verificare ne ho scritto già anni prima che apparissero i loro banner su Vino al vino e Lemillebolleblog…) e, ovviamente, i miei collaboratori, Valérie Humbert, Lucilla Andrich, Renato Gangemi, Simona Paparatto, Ekaterina Esechkina, Paola Gula, Maria d’Ignazio, Alfonso Stefano Gurrera (e gli altri con cui mi scuso se ho dimenticato di nominarli) che con i loro eccellenti articoli hanno contribuito a rendere più interessante e variegata la proposta di Vino al vino.

Per i prossimi mesi cercheremo di fare ancora meglio, alla faccia dell’Ordine dei Giocherelloni, delle furbette dalla lacrima facile, di qualche loro mal stagionata sostenitrice…

Buon Primo Maggio!

n.b.

non dimenticate di leggere anche il nuovo blog personale www.francoziliani.it e Lemillebolleblog www.lemillebolleblog.it e il mio nuovo canale You Tube https://www.youtube.com/channel/UCVXjB6pMu52N9Z3AZbgSEaA

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Livio
Livio
5 giorni fa

Ziliani però il numero di visite non centra nulla con la qualità di quello che so scrive. E tantomeno con la condivisione delle idee. Vale per lei come per qualsiasi altro sito.

PS. Ma più o meno, di quante visite parliamo? Non ne ho idea. Grazie

Livio
Livio
4 giorni fa
Reply to  Franco Ziliani

Guardi che non ci conosciamo.

È lei che ha tirato in ballo i numeri. A sto punto è più giusto citarli

Trentino al Sud
Trentino al Sud
4 giorni fa

Da dove risulta ciò ? C’è un contatore autonomo e inconfutabile ? PUBBLICO?
Faccia attenzione perché chi si loda si ..sbroda: forse i suoi più frequenti e attenti lettori sono quelli che lei pone sotto il segno del “vaffa”.
Da oggi ce ne è uno di meno: io.
Lei contento e io di più !
Ma ricordi che l’onanismo anche se vitivinicolo alla fine rende ciechi, noiosi, solitari e ……….

Trentino al Sud
Trentino al Sud
4 giorni fa
Reply to  Franco Ziliani

Non volevo offenderla, non volevo ….mi creda signor Ziliani

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

8
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x