Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Editoriali

Sospensione dall’ODG: evviva, tra tanti conigli un giornalista con le palle!

Pubblicato

il

…“peccato” per i maschietti pavidi che sia una donna, si chiami Rosanna Scardi e scriva “solo” sul Corriere della  Sera

Farsa sospensione dall’Ordine dei Giocherelloni il giorno dopo. Non faccio altro che ridere, non si può fare altrimenti di fronte a tanta suprema stupidità, a tale e tanta dimostrazione di conformismo, assenza di spirito critico, mentalità da piccolo Apparatčik sindacale (ovviamente di sinistra) che si esprime con la classica langue de bois dei funzionari mediocri e tristi, leggendo (ieri vi ho anticipato il “succo” domani forse vi farò leggere tutto il comico carteggio) quello che mi ha notificato, con tanto di atto giudiziario, il gran giurì del Consiglio di Disciplina Territoriale dell’Ordine degli Zuzzurrelloni (dovrei chiamarli giornalisti, ma sono solo dei comici e d’infimo ordine, roba tipo Vauro). Ovvero la mia sospensione, ma domani farò partire il ricorso, per mesi dodici da quell’ODG di cui faccio parte dal 1981.

Rido, e ho brindato con un grande Champagne, il Blanc de Blancs 2014 di Deutz, una delle mie Maison favorite, alla salute degli stolti e mi ripromettevo solo di dedicare due righe, di più non le meritano, all’insieme multiforme e variopinto dei miei colleghi, giornalisti e non, che scrivono di vino, anche persone che mi conoscono da una vita, che pur informati del pronunciamento dell’Odg a mio carico, con le lodevoli eccezioni di due amici, Tommaso Farina ed Emanuele Bottiroli, e di Raffaele Minervini, che ringrazio, non hanno speso una sola parola, né in privato né in pubblico, di solidarietà nei miei confronti. Hanno invece espresso, ma non tutti, e ne prenderò debitamente atto, sostegno i collaboratori dei miei blog.

Volevo dire loro cosa penso di loro, ovvero che siano dei conigli, pavidi conformisti, gente senza attributi e, in alcuni casi, degli infami, illustrando e sintetizzando le mie parole con una serie di immagini eloquenti, quando il comportamento, isolato, ma lodevolissimo, di un collega che, lo premetto, non conosco personalmente, non è mio parente, ci ho solo parlato due volte al telefono, mi ha fatto esclamare: “c’è un giornalista a Bergamo!”.

Quel giornalista non sono io, visto che in base al diktat stalinista dell’Odg, mi trovo tra coloro che stanno in sospeso tra cielo e terra (ma mi sento molto più giornalista io, seppure sospeso, di quei pavidi burocrati che mi hanno condannato e un milione di volte di più dell’Italian wine girl che così facendo è solo riuscita a farsi un po’ di pubblicità e mostrare la sua totale inconsistenza professionale e morale) ma è una collega, una donna, una giornalista con gli attributi più di tanti suoi colleghi maschi, che corrisponde al nome di Rosanna Scardi e lavora alla redazione di Bergamo non del Bugiardino (alias Eco di Bergamo) bensì del “prestigioso” (si dice così anche se il direttore oggi si chiama Luciano Fontana e non Piero Ostellino, Giovanni Spadolini, Paolo Mieli o Ferruccio De Bortoli) Corriere della Sera.

Avevo già segnalato il comportamento, impeccabile, esemplare, della collega, quando lo scorso 6 gennaio, come avevo scritto qui, aveva reso conto in maniera perfetta, oggettiva (da donna non aveva ceduto alla facile tentazione di solidarizzare con un’altra donna, aveva fatto la cronista e nel migliore dei modi) della querelle in corso tra la cosiddetta esperta di vino che trova sentori di linoleum nei vecchi Bourgogne ed il sottoscritto.

E torno a complimentarmi e dirle grazie e augurarle sinceramente una luminosa carriera giornalistica, sa scrivere, è onesta, coraggiosa, non sembra il tipo che si faccia influenzare da ragionamenti di comodo, letto l’articolo che, oggi sull’edizione on line, ha inteso dedicare alla mia vicenda.

Questo, cari lettori di Vino al vino, quanto Rosanna Scardi ha scritto dopo aver letto la documentazione che ieri pomeriggio avevo pensato di farle avere. L’ho fatta avere anche ai due cialtroni della Zanzara di Radio 24, ovviamente nessun riscontro.

Per ora grazie e complimenti a Rosanna ed un vergognatevi ai “colleghi” tartufi, ipocriti e senza coraggio che hanno preferito far finta, da conigli e servi mentalmente come sono, nulla mi fosse accaduto…

“La disputa sul vino e i commenti sull’aspetto di Laura Donadoni. L’esperto Franco Ziliani espulso dall’Ordine dei Giornalisti. di Rosanna Scardi

Lui ironizza sula decisione: le sue critiche alla blogger e scrittrice bergamasca riguardavano il libro «Come il vino ti cambia la vita»

Franco Ziliani, ideatore di Vino al Vino e Lemillebolleblog, è stato sospeso per un anno dall’Ordine dei giornalisti della Lombardia. La decisione è stata presa dal Consiglio di disciplina territoriale. Il motivo sono i riferimenti, in un articolo su Vino al Vino, all’aspetto fisico della collega Laura Donadoni, bergamasca con base a San Diego, in California (il trasferimento negli Usa dopo la bufera giudiziaria che aveva travolto il marito, Marcello Moro, allora assessore comunale a Bergamo e presidente del Consorzio di Bonifica).

L’esperto di enogastronomia, che vive a Stezzano, ha scritto dell’Italian Wine Girl, «le cui recenti foto mi fanno pensare che sia profondamente cambiata dalla very charming lady che era una volta visto che è diventata magra stinca da mettere tristezza (sarà mica diventata vegana?)». La giornalista è autrice di «Come il vino ti cambia la vita». Nel suo articolo, Ziliani l’ha definito «uno dei libri sul vino più inutili». L’esperta è stata criticata per le sue considerazioni sul ruolo dello zucchero nell’invecchiamento dei vini. «Non bisogna essere winemaker per capire che è inesistente, stendendo un pietoso velo», ha scritto Ziliani. E per aver parlato dei «profumi di linoleum in qualche Bourgogne invecchiato». «Ma dove vive e che vini assaggia e con quale naso e palato costei?», si era chiesto l’esperto.

L’atto dell’Ordine è stato consegnato martedì a Ziliani che, con la consueta ironia, ne ha dato subito notizia sul suo blog, pubblicando il documento. «Questo Consiglio di Disciplina Territoriale infligge al giornalista Francesco Ziliani la sanzione della sospensione per mesi 12. Dispone che la sanzione resti sospesa fino alla Decisione del Consiglio di Disciplina Nazionale qualora Francesco Ziliani presenti impugnazione avverso il presente provvedimento e, comunque, fino allo spirare del termine previsto dall’art. 60 della Legge 69 del 1963, per presentare ricorso al Consiglio di Disciplina Nazionale», riporta il documento.

«Nei prossimi giorni renderò di pubblico dominio gli atti di questo processo farsa, sentirò il parere dei miei avvocati (Carlo Taormina e Perry Mason) e farò ricorso», annuncia Ziliani”.

https://youtu.be/2Dw66tJb6l8

n.b.

non dimenticate di leggere anche il nuovo blog personale www.francoziliani.it e Lemillebolleblog www.lemillebolleblog.it e il mio nuovo canale You Tube https://www.youtube.com/channel/UCVXjB6pMu52N9Z3AZbgSEaA

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Livio
Livio
4 mesi fa

Io sono un collega. Non ho espresso solidarietà non per codardia ma perché trovo che sentenza sia sacrosanta.
Saluti

IWDP
IWDP
4 mesi fa

La frase che lei attribuisce a Giulio Cesare (“Molti nemici, molto onore”) è un errore di traduzione del De Bello Gallico. In ogni caso, cosa comporta di concreto questa sospensione?

Trentino al Sud
Trentino al Sud
4 mesi fa
Reply to  IWDP

(… La frase “molti nemici, molto onore” è infatti erroneamente attribuita al De Bello Gallico di Giulio Cesare, dove al massimo è scritto “dopo aver ucciso molti nemici ed essersi procurati grande onore”. Ed è invece stata usata sicuramente in diverse occasioni da Benito Mussolini, tanto da divenirne una delle sue frasi più famose…Il Fatto Quotidiano19 febbraio 2015).
Insomma, anche sulle citazioni come sulle degustazioni bisogna sempre …approfondire.

Trentino al Sud
Trentino al Sud
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Mao Tse Tung ha detto : la lotta al sistema si fa vivendo nel sistema. Lei mi sembra un po’ borderline e quindi spesso con poco seguito. E’ un peccato. Il vaffa non è il sistema. è un algoritmo dannoso e pericoloso, per tutti.
Per chi scrive come per chi legge e chi le risponde

Trentino al Sud
Trentino al Sud
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ogni blog ha i suoi followers. Lei castiga chi le scrive e probabilmente ha un grande seguito fuori di qui. Non capisco e non mi adeguo !

Pietro Capelli
Pietro Capelli
4 mesi fa

Che dire, la seguo praticamente *DA SEMPRE” anche quando le “lemillebolleblog” negli anni sembrava defunto, e forse lo era ma… che bello che è stato vederla pubblicare di nuovo, mi creda. Spesso stucchevole, mellifluo e autoreferenzialista ma, come spesso dice lei, “chissenefrega” perché amo il vino ed amo chi, intorno al vino, costruisce la sua vita, i suoi sentimenti e, in fondo, la sua storia. Non le ho mai scritto prima d’ora, anche quando avrei voluto. Metto cognome e nome anche se non ci conosciamo e sono per lei un signor Nessuno, ma almeno questo lei lo apprezzerà, però ultimamente ho trovato una deriva spiacevole fatta di scivolate alle quali uno del suo spessore non dovrebbe, a mio avviso, essere vittima. Decida lei quello che è meglio e, ci mancherebbe, so che lo farà e non sarà certo un signor Nessuno a doverglielo suggerire, però non lasci mai che il suo ego le annebbi la vista. Alla sua salute. Anzi, à votre santé…

Salvatore
Salvatore
4 mesi fa

Ziliani dovevi limitarti a commentare le castronerie scritte sul vino senza aggiungere i commenti sessisti che dalla ragione ti hanno fatto passare al torto. Eri scritto già all’ordine l’anno prima che nascessi io e non hai ancora imparato nulla? Poi per quanto riguarda l’ordine dei giornalisti potremmo parlarne per giorni della loro integrità….Sono anni che consentono a soggetti come Feltri di scrivere quello che vogliono senza prendere provvedimenti…

fabio
fabio
4 mesi fa

come al solito quelli dell’odg non si fanno mancare la reprimenda per chi non é, e non vuol essere, politicamente corretto!
in ogni caso noto che tale ordine dovrebbe essere soppresso….

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

15
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x