Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Particelle di saggezza nel bicchiere

A quando risale la bevanda alcolica più vecchia al mondo?

Pubblicato

il

A grande richiesta tornano le Particelle di saggezza nel bicchiere di Valérie Humbert

Visti i consensi straordinari avuti con il suo articolo di esordio dove ci ha insegnato un sacco di cose interessanti su storia e peculiarità dei grands vins de Bourgogne ho pregato la studiosa e saggista francese Valérie Humbert di proseguire la sua collaborazione a questo blog e di regalarmi (ogni suo articolo è davvero un cadeau) un altro contributo, altre particelle di saggezza nel bicchiere.

Oggi Madame Humbert ci dà ennesima provoca della propria cultura e della sua straordinaria erudizione, del suo dono di raccontare e rendere perfettamente comprensibili concetti difficili, con un articolo che… Beh, lascio a voi il piacere di scoprirlo… Applausi, merci Valérie…

Nel lontano 2010, partecipai ad un incontro sul vino al Clos de Vougeot in Borgogna. Ho potuto seguire le ultime scoperte sulla storia del vino, presentate dal famoso scienziato, conosciuto come “l’indiana Jones delle birre, vini e bevande antiche”: Patrick Mc Govern, professore di antropologia e di archeologia biomolecolare degli alimenti e delle bevande fermentate e direttore scientifico del Pen Museum dell’università della Pennsylvania. Ci spiegò le sue ricerche sulla bevanda alcoolica più vecchia al mondo, che risale a circa 9000 anni fa nella Cina centrale, nella provincia dello Henan, nella vallata del fiume Giallo.

Analizzando dei residui organici depositati su vecchie ceramiche di Jiahu, Mc Govern capì che quel recipiente conteneva una bevanda alcolica fabbricata dall’uomo del neolitico. Si trattava di una bevanda fermentata a partire da riso, miele e frutta. La presenza di acido tartarico fece pensare che questi frutti avrebbero potuto essere bacche rosse del biancospino e/o uve di una Vitis selvatica endemica. L’uva, con i suoi lieviti, sarebbe stata utilizzata per la fermentazione. Questa bevanda aveva un tasso di zucchero di circa 20%.

Come le comunità andine odierne che fabbricano la Chicha a partire dal mais, i cinesi dell’epoca avrebbero probabilmente masticato chicchi di riso e sputato la purea in un contenitore comune per farla fermentare con la frutta.  (Fermented beverages of pre-and proto-historic China).

Il Dott. Path, così sopranominato, ha anche identificato la più vecchia birra d’orzo del mondo (risale a circa 3400 a.C. nei monti Zagros in Iran) e il vino più antico (sempre nei monti Zagros all’incirca 5400 a.C.).

(Un’informazione “en passant”: sapete che 150 Domaines della zona di Bordeaux appartengono a cinesi?)

François Audouze, industriale francese epicureo, chiamato “il Papa dei vini vecchi”, è un collezionista di vini rari e ha sviluppato una tecnica particolare per aprire le vecchie bottiglie. Viene anche sopranominato “il rianimatore delle vecchie bottiglie” (potete leggere tanti commenti delle sue degustazioni e dei suoi pranzi organizzati sul suo blog) Possiede 40.000 bottiglie nella sua cantina, di cui circa 10.000 hanno più di 50 anni.

Secondo i suoi parametri, un vino da 20 a 50 anni è un giovane vecchio, da 50 a 80 è vecchio, da 80 a 120 è molto vecchio e oltre 120 anni è una reliquia. “La maggiore parte della gente, dice Audouze, pensa che un vino vecchio non sia più interessante da bere, e che il 50% dei vini vecchi, buttati nel lavello, erano dei grandi vini, e aggiunge… un vino dichiarato morto mette circa sei ore a ritornare alla vita… Il vino ha bisogno di ossigeno per svegliarsi al mondo…”

Questa rivendicazione della qualità dei vini vecchi (vins anciens) è fondata su due asserzioni:

1: l’esperienza (la sua): il tasso di scarto dei vini non supera il 2%,

2: il metodo di apertura dei vini è essenziale per poter bere un vino vecchio.

Il Signor Audouze ha elaborato quindi un metodo speciale, chiamato dagli americani “the Audouze Method”.

Si tratta di un metodo a lenta ossigenazione ou “audouzage”. Il metodo è:

– bottiglia in piedi in cantina due giorni prima dell’apertura

– portare la bottiglia nella stanza di degustazione e aprirla 5 ore prima

– se il vino ha dei profumi vellutati e avvolgenti, si rimette lo stesso tappo o un tappo neutro,

– se il vino ha un odore di chiuso, si lascia la bottiglia dritta, e tramite questa piccola superfice, l’ossigeno opera sul vino,

– Se il vino emette odori putridi, si aumenta la superfice di contatto per permettere all’ossigeno di avere un’azione più importante. Il suo metodo è semplice.

Durante l’incontro del lontano 2010, egli raccontò che i vini più vecchi che avesse mai bevuto, erano un Cognac del 1769 e uno Xères dello stesso anno, poi aggiunse alla lista un Lacryma Christi del 1780, un vino della Constantia Valley in Sud Africa, del 1791 e un Yquem del 1861. Attualmente ha dichiarato di avere bevuto un vino francese del 1690 (datato esaminando il vetro della bottiglia, che non aveva etichetta), vendemmiato sotto il regno di Luigi XIV.

Un’altra chicca: il vino più persistente (caudalie) che egli abbia mai bevuto è un vino di Cipro del 1845. La sua persistenza si è prolungata per vari giorni.

Comunque secondo François Audouze, bere un vino vecchio in solitudine non ha nessun interesse…

Volevo concludere con questa notizia del primo assaggio di vini francesi di ottima qualità (della zona produttiva di Bordeaux), che hanno trascorso un anno nello spazio. Dodici intenditori hanno assaggiato uno vino “spaziale” confrontandolo, in un test alla cieca, con una bottiglia della stessa annata rimasta in cantina. Risultato: il vino rimasto sulla terra aveva un sapore “un po’ più giovane di quello che era stato nello spazio”. A livello scientifico, si potrebbe trovare a questo punto un modo per fare invecchiare artificialmente le annate pregiate (articolo letto su Rainews del 24 marzo 2021).

Sinceramente mi preoccupa che si acceleri l’invecchiamento dei vini pregiati. Da un lato, la scienza vuole renderci immortali (Google ha lanciato la società Calico che ha la missione di combattere l’invecchiamento, ovvero risolvere la morte) e dall’altro lato essa si impegnerebbe ad accelerare l’invecchiamento del vino. I greci chiamavano questo atteggiamento di tracotanza, Hybris. Un esempio: Il mito di Sisifo. Albert Camus scrisse nel 1942 nel suo libro Il mito di Sisifo: “Il mondo in sé, non è ragionevole: è tutto ciò che si può dire.”

Valérie Humbert

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Marco
Marco
16 giorni fa

Complimenti Madame Valérie,
questo articolo, come il precedente da Lei scritto, è davvero bellissimo.
Lei riesce con la sua elegante e calibrata scrittura a rendere semplici e godibilissimi gli argomenti più tecnici; riesce, in una parola, a renderli perfettamente fruibili anche a chi non è del settore è questa non è davvero cosa facile. Chapeau Madame.

Grazie al sig. Ziliani perché riesce ad avere collaboratrici bravissime, preparate e brillanti come Madame Humbert alla quale auguro una lunga collaborazione con i suoi Blog…. attendiamo presto altri articoli della signora.

Complimenti ancora

Elisabetta
Elisabetta
15 giorni fa

che articolo interessante, quante notizie curiose! La Signora francese é davvero brava, complimenti

Roberto Raimondi
Roberto Raimondi
15 giorni fa

la Signora, ma dove l’ha scovata?, ha un incredibile talento nel raccontare in maniera semplice e comprensibile anche le cose più difficili. La vedrei bene a condurre un programma televisivo. E’ anche molto fotogenica e bella

Alessandro Biscardi
Alessandro Biscardi
15 giorni fa

da lettore assiduo del suo blog posso dirle (ma non se la prenda) più Humbert, più Paparatto, più Andrich, Gangemi, Maria D’Ignazio, e meno Ziliani?
Lei faccia il regista che le riesce meglio…

Giuliia Rinaldi
Giuliia Rinaldi
15 giorni fa

sto cercando di procurarmi il libro sull’arte egizia di Madame Humbert e spero che voglia scriverne un altro raccontando tutto quello che sa sul vino. Mi sembra che ne sappia tantissimo.

Marco Maiorana
Marco Maiorana
15 giorni fa

Complimenti Valery,una bellissima presentazione di vini pregiati e vecchissimi che ci portano alla storia della vinificazione mondiale,ma che presentati con la tua chiarezza,armonia e bellezza ,ci porta in un mondo irreale e con la fantasia dell’anima, ci permette,a distanza di secoli di gustare e apprezzare i suoi profumi, sapori divini e secolari. Grazie.👋

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

6
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x