Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Interrogativi

Astemia pentita: non è che oltre ad essere brutta porta anche un po’ sfiga?

Pubblicato

il

Sommessi interrogativi su un esempio di cattivo gusto e spregio al paesaggio

Ho già detto altre volte quello che penso di questa cantina, che qualche anno fa è sorta, senza che nessuno degli enti competenti in materia impedisse lo scempio, sulla parte bassa della sacra collina dei Cannubi, quasi di fronte alla struttura vetro e acciaio di Terre da vino, che oggi al confronto sembra un esempio di inserimento armonico nel paesaggio.

Per me quella della cosiddetta Astemia pentita (ma si poteva pensare ad un nome tanto insensato?) è una cantina non solo orribile architettonicamente, due scatole da scarpe una sopra l’altra, una delle due di sbieco, ma rappresenta l’ennesimo oltraggio, come il Resort Boscareto a Serralunga d’Alba, come la nuova cantina del povero Domenico Clerico al rondò per salire a Monforte d’Alba (una specie di navicella spaziale che vista da Novello sembra un orribile garage multipiano), le cantine Damilano, al sacro paesaggio delle vigne del Barolo.

Perpetuato senza che Monsù Carlin Petrini che ora, a scoppio ritardato, si dichiara scandalizzato e turbato per quello che è successo in Langa negli ultimi vent’anni (e lui dov’era?) e dice che il Barolo a nove euro sugli scaffali della grande distribuzione è una vergogna, movesse un dito.

Ora apprendo che anche solo il passare davanti alla cantina (i cui Barolo finiscono in bottiglie di foggia demenziale: e il Consorzio Barolo Barbaresco cosa ha detto? Nulla) proprietà della ricca e potente famiglia Vezza (saranno mica parenti dei Dogliani del Boscareto?

Stesso cattivo gusto, stessa violenza verso quel paesaggio vitato che sarebbe anche patrimonio Unesco) secondo la quale “l’architettura dell’edificio è una dichiarazione d’amore verso l’estetica pop. Due grandi volumi sovrapposti appoggiati sulla dolce collina dei Cannubi evocano le forme di due casse da vino fuori scala”, creerebbe dei problemi.

Leggo questa cronaca della Gazzetta d’Alba che parla di un automobilista finito fuori strada, fortunatamente ferito solo leggermente, transitando davanti al “capolavoro” e mi sorge un dubbio. Non è che oltre ad essere orribile la cantina dell’Astemia pentita (diventerei io astemio se l’unico Barolo al mondo fosse il loro…) porta anche un po’ sfiga?

Mi sa che urge esorcista e in ogni caso sappiate che si può salire a Barolo non solo percorrendo la “circonvallazione”, ma dalla vecchia strada che passa davanti al cimitero dove riposa Bartolo Mascarello.

Così, allungherete un po’ la strada, ma esorcizzerete i rischi e le insidie in agguato e soprattutto eviterete di transitare davanti a quella perfetta testimonianza della moderna creatività architettonica e dello spregio urbanistico di taluni e vi risparmierete qualche cattivo pensiero indirizzato a coloro la cui azione dimostra che l’intelligenza, il garbo, il buon gusto sono diventata merce rara anche nella sacra e ingrata terra di Langa… A buon intenditor…

n.b.

non dimenticate di leggere anche il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it e Lemillebolleblog www.lemillebolleblog.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alessandra
8 mesi fa

Ecco io non voglio commentare il gusto personale della produttrice per l’estetica di questa cantina, (che peraltro troverei anche originale) se non fosse che è edificata su un suolo “sacro” unico al mondo e che gli stessi produttori dovrebbero avere il buon senso di rispettare. Un territorio che non merita certo di essere violentato e deturpato da costruzioni che nulla hanno a che fare con tanta bellezza. Quanto alle bottiglie invece lascio ai russi l’onore di acquistarle.

Marcello Sensi
Marcello Sensi
8 mesi fa
Reply to  Alessandra

Guardi, io ho una moglie russa e posso assicurarle che ha un’eleganza, un buon gusto e una raffinatezza che tante donne italiane neanche si sognano! Non vedo in giro tutti questi Marcello Mastroianni e Sophia Loren… Pensiamo piuttosto alla nomea che noi italiani abbiamo all’ estero

Matteo
Matteo
8 mesi fa
Reply to  Marcello Sensi

Concordo pienamente con quello scritto dal signor Marcello, la nostra convinzione, figlia casomai di una tradizione millenaria, ci porta a delle convinzioni che sono lontanissime da quelle che e’ la realta’ contemporánea. Cerchiamo di guardare sempre la parte positiva degli altri e mai quella negativa dove a volte quest’ última e tutt’altro che negativa. Sólo con questa mentalita’ potremmo ritornare a dire la nostra e non sólo in campo enologico.

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x