Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Enoriflessioni

Lettera aperta al Movimento Turismo del vino su un discutibile video

Pubblicato

il

Bella iniziativa, ma perché scegliere un testimonial che parla in romanesco?

Su Internet e precisamente su YouTube circola, ne ho preso conoscenza casualmente perché me l’ha girato via WhatsApp un cognato, un video, intitolato Il vino d’Italia, che ricorda la grandezza di questo strano e scombiccherato Paese chiamato Italia, e ribadisce un’evidenza, che il vino italiano è una cosa importante. Dal punto di vista economico, culturale, sociale, perché i vini italiani sanno essere, per dirla con Slow Food, buoni, puliti e giusti, perché si producono vini dalla Valle d’Aosta alle isole, perché abbiamo una ricchezza di vitigni che i nostri amati cugini francesi se la sognano, perché in Italia nascono vini spaziali.

Intelligente l’iniziativa di un’associazione la cui effettiva utilità non ho mai capito, ovvero il Movimento turismo del vino, di realizzare un video dove ricordare queste evidenze, fornendo numeri molto interessanti che spesso noi italiani ci dimentichiamo e che dovrebbero essere motivo d’orgoglio.

Tutto bene, ma… Ma c’è qualcosa che non mi convince, trattandosi di un video promosso, e credo pagato, da un Movimento che ha valenza nazionale e non locale. Quello che non mi convince è la scelta, discutibilissima, di affidare il filmato ad un tipo, tale Svevo Moltrasio, la cui esistenza, prima di vedere questo video ignoravo, che si fa notare, oltre che per l’innegabile spigliatezza, per un insopportabile, non credo solo per me milanese e lombardo che non nutro particolare stima per la cittadina dove i cinghiali circolano liberamente, dove ci sono più buche che strade, gli autisti dell’Atac fanno saltare un turno per assenteismo criminoso e lasciano a terra pendolari che dovevano andare al lavoro, dove anche le persone animate dalla migliore buona volontà finiscono per essere corrotti, dalla dolce vita, dal ponentino, da una proverbiale “voglia di lavorare saltami addosso…”, accento capitolino. 

Quell’accento insopportabile, volgare, che nemmeno la grandezza di un Belli, di un Trilussa, di un Petrolini, di Aldo Fabrizi e di Gigi Proietti riescono a nobilitare, che affligge già tanti speaker e giornalisti non di Tele Roma, o Tele Trastevere, ma del servizio pubblico di “Mamma Rai”, e che a tanti italiani come me resta indigesto…

Io ignoro, e non mi interessa approfondire, chi sia ai vertici del Movimento turismo del vino, se potessi parlargli vorrei semplicemente chiedergli: perché avete scelto un romano?

Sarebbe stato difficile, visto che si tratta di un video che riguarda il vino italiano, non quello laziale, non quello romano, non quello “delli Castelli”, er Cannellino de Frascati, la Romanella o il Bellone, scegliere per il video un personaggio che parlasse un corretto italiano senza accento da Tor Pignattara o da coatto, un personaggio nativo in quelle regioni, Piemonte, Toscana, Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia ad esempio, che esprimono i più grandi vini italiani? O magari, perché no, un siciliano, un pugliese o un campano?

Ma un romano, un capitolino, che resta, basta sentirlo, un romano anche se si è trasferito a Parigi (ed è così “intelligente”, pur vivendo in Francia, di fare battute sceme sui francesi…) è insopportabile, dunque perché affidare ad un romano, con il suo accento insopportabile, il vostro video, signore e signori del Movimento del turismo del vino?

n.b. non dimenticate di leggere anche il nuovo blog personale www.francoziliani.it e Lemillebolleblogwww.lemillebolleblog.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
112 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
112 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
SB.
SB.
4 mesi fa

Sì, a fronte di una sceneggiatura abbastanza corretta, lui (più per l’insieme che per il solo accento) non brilla, cioè non dà valore a quello che dice..
Avrei scelto comunque un bravo attore o un personaggio brillante e conosciuto, ma straniero (con ovvie modifiche al testo). Perché?
Ma perché diventava un testimonial (soprattutto se non fosse stato troppo caricato); invece così è un po’ un “parlarsi addosso” provinciale e consolatorio.

AD.
AD.
4 mesi fa

Lei si definisce giornalista e poi scrive un pezzo dove parla solo e soltanto in base ai propri “gusti” (se così si possono chiamare). Non giudica il lavoro ma il soggetto, che ammette anche di non conoscere quindi non sa dove finisce la persona e inizia il personaggio. E il giudizio si basa solo su luoghi comuni discriminatori, e offese che non si sentivano dall’epoca di Bossi. Complimenti per la critica costruttiva, oggettiva.
Dovrebbe scrivere più di vino e berne meno.
P.S. non sono romano, ma sono campano (altra regione che conosce bene le idee di persone come lei) e mi sento profondamente offeso.

Last edited 4 mesi fa by AD.
Claudio
Claudio
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ma è vero che lei non è un milanese di razza? Qualcuno sostiene che lei abbia origini laziali e che per questo si senta tanto frustrato.

AD.
AD.
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Naturalmente la mia era ironia e non intendevo che l’alcool le facesse pensare certe cose. Mi riferivo alla fama dell’alcool di togliere le inibizioni e far sparlare. Magari fosse l’alcool a darle certe idee. Le sue idee purtroppo sono culturali.
Ma il dover spiegare la mia ironia non la fa certamente sembrare più intelligente di me.
P.S. Io non l’avevo offesa comunque e sarebbe gradito che non lo facesse neanche lei. Ho detto che mi sento offeso io dalle sue idee.

AD.
AD.
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Di un intero messaggio ha risposto solo ad una frase, quella che le faceva comodo e lo ha fatto anche con strafottenza. Ha dimenticato di dire marameo o specchio riflesso.

Eugenio
Eugenio
4 mesi fa

Un articolo che spreca un paragrafo è più per dire che a chi scrive non piace Roma e i romani con luoghi comuni da bar ha meno valenza dei miei temi di terza media. Continua così che sfonderai sicuramente

Alberto Rizzati
Alberto Rizzati
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Più intelligenti dell’articolo sicuro…

Alessandro
Alessandro
4 mesi fa

Credo lei abbiamo confuso il personaggio con il suo autore. Accade spesso quando la pancia prende il sopravvento come nel suo caso. Svevo è l’autore di Ritals quindi molto conosciuto sul web ma sicuramente meno dalla sua generazione. L’obiettivo del committente immagino fosse (udite udite) di arrivare al maggior numero di persone possibili, e dati alla mano, visualizzazioni, il risultato è stato raggiunto. Altro miracolo, la gente ha capito che quello era un personaggio creato dalla penna di un autore con tanto di sceneggiatura. Quindi qui c’è un attore che interpreta un personaggio. Come le dicevo basta leggere i commenti per capire che il video ha fatto centro. Riguardo ai commenti su Roma, lascio perdere, i romani si sanno difendere benissimo da soli. Buona sera

Pancho
Pancho
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Con Fontana governatore certi commenti non li farei.

Last edited 4 mesi fa by Pancho
Ciao Capocciò
Ciao Capocciò
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ma pensa al tuo Fontana, ne sei soddisfatto? Sei rimasto male che non abbiano chiamato te per il video? Si capisce che ci sei rimasto proprio male, oppure sei semplicemente rimasto alla lega anni 90…superato dai tuoi stessi riferimenti

Michele
Michele
4 mesi fa

Che Coglionata. Questo lettera aperta e sostanzialmente razzista, che ignora totalmente il personaggio di cui sta parlando. Che per altro nel video ha detto cose giuste che non mi sembra vengano infatti confutate in alcun modo. E sono MIlanese residente a Parigi. Fan ovviamente dei Ritals. Come davvero tutti gli italiani residenti in questa città. Forse prima di scrivere una lettere aperta così stupida bisognerebbe almeno fare una ricerchina. In ogni caso Viva il Vino.

Luisa Di Genni
Luisa Di Genni
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Peggio mi sento! Questa è una mera – seppur criticabile – posizione personale! Ancorché priva di pregio professionale.

Michele
Michele
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Il suo acume é a dir poco straordinario. Infatti, il punto è che il suo articolo è “solamente” razzista (anche se mi sembra stiamo sprecando paroloni un po’ troppo grandi, in questo caso). Come per altro hanno provato a farle notare in molti, il testimonial di cui sta parlando è un “personaggio”. Ma dovrebbe aver visto qualche puntata di Ritals, che, le assicuro, per noi espatriati a Parigi è assolutamente straordinario. Ma appunto, è un personaggio. Sarebbe come criticare Fellini perché aver messo nel cast de “I Vitelloni” Alberto Sordi. Che probabilmente lei odia. E quindi odia anche Federico Fellini, di conseguenza. Clap Clap.

Michele
Michele
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Prima che si attacchi al refuso. -> Criticare Fellini per aver messo nel cast Alberto Sordi.

Michele
Michele
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

si ripete un pochino nelle risposte… Devo dire che dopo la lettura esilarante di questa lunga pagina di commenti… ho capito… Lei non è vero, lei è la macchietta del “lombardo leghista” inventata da qualche comico geniale. Perché davvero, non ci si crede – Le sue risposte sono straordinarie. Complimenti al Ghost Writer. Continuerò a leggere.

Michele
Michele
4 mesi fa
Reply to  Michele

In effetti dovrebbe risponderle il Movimento Turismo del vino.

… e mi correggo
Lombardo, ampolloso e un po’ “razzista”, tout court.

Non c’è bisogno della Lega.

Francesco
Francesco
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Avesse avuto accento milanese, veneziano o friulano sarebbe stato un video migliore? I dialetti, gli accenti arricchiscono la nostra lingua. Un video può essere criticato per i contenuti, non per la provenienza o accento dell’autore. Articolo veramente povero di contenuti.

Erminio Ottone
Erminio Ottone
4 mesi fa

Articolo spregevole e dai forti toni razzisti, peraltro in linea con il suo profilo da ex articolista di quotidiani fascisti.

Erminio Ottone
Erminio Ottone
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

attendiamo con ansia il suo prossimo articoletto “culturale” nel quale avrà modo di esprimere il suo avvinazzato parere anche su napoletani, ebrei, omosessuali, neri, disabili.

I suoi fan del Bar Forza Nuova.

Stefano
Stefano
4 mesi fa

È innegabile che ormai Milano, la Lombardia e probabilmente le altre regioni da Lei citate sono anni luce avanti dal punto di vista di infrastrutture, trasporti e soprattutto dal punto di vista della proposta artistica e culturale.

Last edited 4 mesi fa by Stefano
Renzo
Renzo
4 mesi fa
Reply to  Stefano

Genio 🙂

Sifter
Sifter
4 mesi fa

Come non capire l’ironia…complimenti per la sagacia dott. Ziliani

Mork
Mork
4 mesi fa

No comment, articolo fazioso, di pessimo gusto e di opinabile valore. Da un giornalista quale credo sia l’autore, non mi aspetto un’opinione razzista verso i “romani per forza corrotti” mi aspetto professionalità, ho chiesto troppo.

Enrico Fedeli
Enrico Fedeli
4 mesi fa

Fossi in lei ringrazierei Svevo, perché è solo grazie a lui che io ed altre persone siam venuti a conoscenza di questa ridicola ‘lettera aperta’, e così lei ha potuto vivere il suo momento di notorietà. Leggere elencati uno dietro l’altro questa serie di banalissimi luoghi comuni su Roma e sui romani è davvero indegno, complimenti Signor Ziliani

Luisa Di Genni
Luisa Di Genni
4 mesi fa

La circostanza che Lei non conosca Svevo Moltarsio non rende il video meno pregevole! Tant’è che Svevo è un bravo attore, un ottimo scrittore e probabilmente Lei non ha accolto la popolarità del suo video.
Saluti

Alberto Rizzati
Alberto Rizzati
4 mesi fa

Di la verità non hai riletto quello che hai scritto….non c è altra spiegazione…

Giuseppe
Giuseppe
4 mesi fa

Ziliani se lei fosse intelligente almeno la metà di quanto crede di essere, chiederebbe subito scusa per questo imbarazzante articolo che pare scritto dal raduno leghista a Pontedilegno di molti anni or sono per fortuna. So che non lo farà, perché lo stolto è tale proprio perché non sa di esserlo, ma glielo suggerisco io: si vergogni!

klockk
klockk
4 mesi fa

Critica più che insulsa. Il messaggio del video è chiaro ed è quello che conta. La cultura del buon bere non è solo per spocchiosi e schizzinosi criticoni del bel linguaggio ma appartiene un po’ a tutti e per questo funziona

klockk
klockk
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

ma lei è ridicolo. un accento napoletano sarebbe stato più gradito?

Sifter
Sifter
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ma vergognati te e chi ti fa scrivere

Federica
Federica
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Quello che non vuole gli si dica che ha bevuto, che chiede ad un altro utente se ha bevuto.
Razzismo e faziosità, scarsa conoscenza del soggetto di cui si parla, superficialità, arroganza.
Basta poi dare un’occhiata alle interazioni nei commenti per rendersi conto del successone di queste quattro righe.
Ma immagino come molte cose ormai conti la quantità (in questo caso di visualizzazioni), non la qualità di quel che si produce.
Contento lei.
Non perda tempo a rispondermi, io non perderò certo il mio per riaprire questa pagina.

Stephanie
Stephanie
4 mesi fa

E questo è l’ennesimo esempio non solo di un’Italia che unita non è, ma anche di come tante persone ancora non capiscano i media, YouTube e anche la maschera.. eh va beh, dai! Quel romanaccio le ha regalato anche qualche minuto di celebrità.

Ruben Caruccio
Ruben Caruccio
4 mesi fa

Che pena questo articolo. Perché avete scelto “un romano”? Sul serio? È questa la critica? Un romano non può fare la promozione del vino italiano? Ma accendere il cervello prima di scrivere certe cose? Non so’ da dove cominciare… razzismo, ignoranza, incapacità di distinguere fra autore e personaggio…

Cristof
Cristof
4 mesi fa

Articolo pessimo che esprime pensieri elementari. Si focalizza solo ed esclusivamente sul suo gusto personale, che valuta la qualità del video in base alla provenienza del protagonista.
Siamo nel 2020 e che ce tocca legge..
2 minuti di lettura buttati al vento.

Last edited 4 mesi fa by Cristof
Fabio
Fabio
4 mesi fa

Grande Ziliani é ora che torni a fare le pagelle a Controcampo

Silvia
Silvia
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ma allora lei chi è? Io ero sicuro era quello del calcio. È proprio vero che internet permette a chiunque di sparare cavolate, me per primo, ma almeno non sono iscritto all’ordine dei giornalisti…per quanto possa valere

Last edited 4 mesi fa by Silvia
Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Tutti quanti devono usare google forse sì, sei sconosciuto

Silvia
Silvia
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Usando Google e scrivendo Ziliani esce
Ziliani Giornalista (e non è lei)
Ziliani Paolo
Ziliani Montero
Ziliani moglie (e non è la sua)
Mi spiace, lei è uno sconosciuto, che ha preso un po di notorietà tra i follower di ritals per aver scritto un pessimo “articolo”. A breve tornerà nell’oblio

Last edited 4 mesi fa by Silvia
Alessabdeo
Alessabdeo
4 mesi fa

Brutta l’ignoranza a tutte le latitudini, soprattutto se celate dietro la seccenza di sapere di cosa si parla quando invece si ignorano(appunto) le cose

Andrea
Andrea
4 mesi fa

Personalmente trovo che il suo articolo sia andato ben oltre la normale critica. Quando invece di criticare un lavoro si esprime insofferenza per la scelta dell’attore basando la motivazione su questioni geografiche o di origine, beh, in quel momento si cade molto in basso. Mi meraviglio come si sia capaci nel 2020 a scrivere un articolo del genere.
Auguro a Svevo Moltrasio tutto il successo che si merita e che sicuramente avrà

Stefano
Stefano
4 mesi fa

Ahahahahahah

Carino!
Ok dai, a parte gli scherzi…è una burla vero?!
Dai, seriamente…questo articolo è frutto di un scherzo, giusto?!

Dai, per forza…vi prego ditemi che è tutto ironico…

M C
4 mesi fa

Pazzesco come un giornalista si conceda licenze poetiche di stampo xenofobo.
Si dovrebbe vergognare e chiedere scusa.

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Che ridere praticamente è come se un americano dicesse “che schifo la cultura inglese”

Lucia
Lucia
4 mesi fa

Ci vuole coraggio per criticare in questo modo una delle città più belle al mondo. E parlo di Roma, non di Milano o Bergamo.

Alessandro
Alessandro
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

La popolazione romana, quella con il tipico ed insopportabile accento capitolino, La ringrazia per i suoi ultimi quindici anni vissuti in quella cittadina chiamata Bergamo…senza topi, cinghiali, buche e rom!!!!
Saremo pure africani, sporchi e caciaroni, ma ci sono cose che Lei (italiano, pulito e giornalista dal 1981) non potrà mai comprendere di Roma…forse perché Le hanno fatto un buono????

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

“infettato” manco sa l’italiano e si definisce un giornalista. Poi quanto è infantile il fatto che vede un video dei cinghiali a Roma e si convince che Roma è infestata dai cinghiali. E poi se posso dirlo, ho visto più topi in centro a Milano IN 3 GIORNI che in 27 a Roma.

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

La verità incontestabile è che Milano, per dimensioni e popolazione è un paesello in confronto a Roma, vera e propria metropoli. Praticamente è come se un abitante di Avignone si vantasse di funzionare meglio di Parigi. La verità è che siete dei paesani invidiosi.

Last edited 4 mesi fa by Michele De Pascalis
Arianna marongiu
Arianna marongiu
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Quindi giudica attuale una situazione di 15 anni fa? Bene! ma non benissimo

Arianna marongiu
Arianna marongiu
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

cmq a Roma ci abitano e lavorano circa 4 milioni di persone ed è vasta come 8 capoluoghi messi insieme…. e secondo lei abitano tutti con topi e cinghiali ??? Ma sul serio crede che qualche sporadico episodio di degrado in periferia (pompato dai media) possa adombrare tutti i meccanismi virtuosi e la bellezza di questa città? Credo che il suo intelletto non possa arrivare a comprendere la complessità di Roma. Rimanga in provincia che forse è meglio!

claudio
claudio
4 mesi fa

non credevo esistessero ancora poveracci così gretti e meschini che senza approfondimenti offendono gratuitamente un’intera città basando i propri giudizi su provinciali luoghi comuni, che poi mi domando, se davvero vogliamo basarci su quest’ultimi, che cosa ha da contrapporre la sua città a Roma? una volta avevate la nebbia, adesso manco quella. Quando i suoi concittadini riusciranno a dire “tecnico” al posto di “tennico” senza ricorrere al logopedista allora ne potremo riparlare.

Sifter
Sifter
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Sei un provocatore inutile, su un sito che parla di vini….poveraccio

claudio
claudio
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

questo è sdoppiamento della personalità, ma l’ha riletta la sua lettera aperta della quale nessuno sentiva il bisogno? ecco ora paragoni i toni con il mio commento … e sono stato buono. saluti

claudio
claudio
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

ah ah ah lei ha avuto un problema con qualcuno di Roma da piccolo è ancora non l’ha superato, quindi mi è tutto chiaro. Basta! mi sono fatto coinvolgere in una discussione da seconda elementare. Se proprio ci tiene, continui a covare le sue idee da poveraccio, io chiedo scusa ai Milanesi per essere sceso al suo livello becero. Amen.

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa

Ammazza che complesso di inferiorità. Raramente ne ho visti di così accentuati.

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Continui così allora, le assicuro che lo stanno pensando tutti. 👍

Giuseppe
Giuseppe
4 mesi fa

Questo è il blog del Sig. Ziliani.
Il signor Ziliani è libero di scrivere quello che vuole, se non si è d’accordo si passa oltre.
Credo che ci sia ancora libertà di pensiero in Italia e credo che ognuno sia libero di esprimere la propria opinione.

A tal proposito sono d’accordo con Ziliani sul fatto che un video che sponsorizza il nostro paese andrebbe recitato con nessuna inflessione dialettale.

Non lo vorrei in romano come non lo vorrei in veneto o peggior ancora (apriti cielo) in toscano.

Un cordiale saluto a tutti.

Giuseppe

Sif
Sif
4 mesi fa
Reply to  Giuseppe

In aiuto dell’indifendibile

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Giuseppe

Questo è un blog in cui tutti sono liberi di commentare. Se Zillani non voleva tutto ciò, queste profonde riflessioni le avrebbe potute scrivere sul suo diario personale.

Emosocazzitua
Emosocazzitua
4 mesi fa

Porca miseria che demente. Non credevo esistessero ancora personaggi capaci di scrivere tali cose, mettendoci per giunta faccia, nome e cognome. Non oltre Feltri e pochissimi altri. Si vede come la provenienza regionale incida, dopotutto. Ad ogni buon conto, lasci che mi complimenti con lei, dal momento che ha vinto il premio per la persona più rivoltante del mese di novembre. Eh già, solo di novembre, perché purtroppo, come lei ben saprà, di gente come lei ce n’è, magari poca, ma ce n’è, e fa di tutto ogni volta per farsi notare e per poter essere riconosciuta come la vera merda della gente. Ma sia ben allegro: grazie a quel romanaccio di Svevo Moltrasio, artista di cui lei a stento può respirare le scorregge e sentirsene degno, a partire da oggi lei godrà di una fama tutta nuova, perché il suddetto artista ha un grande ed affezionato seguito che senza dubbio la ricorderà per molto tempo con qualche affettuoso nomignolo. Purtroppo solo con un nomignolo, perché lei, mio caro, vale troppo poco come uomo per essere ricordato altrimenti. A questo punto la saluto, caro, anonimo cialtrone, sperando che un giorno, magari, come San Paolo si possa convertire, se non sulla via per Damasco, almeno su quella per Roma.

Michele De Pascalis
Michele De Pascalis
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

Ahahahaha sta ripetendo sta frase in modo ossessivo. Secondo me manco è mai uscito dal suo paesello.

Arianna marongiu
Arianna marongiu
4 mesi fa

Un articolo che trasuda solo un personale disprezzo per Roma e per i romani…non perdona il dialetto neanche i maestri come Gigi Proietti …non è un articolo è solo una chiacchiera da bar. Anche abbastanza squallida e provincialotta che fa di tutta l’erba un fascio.
…complimenti si dovrebbe sentire fiero a diffondere odio.
Che pena !!!

claudio
claudio
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

questo “giornalista” da quattro soldi, che mi pare abbia scritto anche sulla gazzetta di Topolinia(ovviamente di cose vacue – nessuno lo ha mai preso sul serio), aveva solo bisogno di farsi pubblicità, perché evidentemente non se lo cagava ( scusate il termine) nessuno. Ha colto la palla al balzo impapocchiando cattiverie gratuite, mischiando politica da quattro soldi e un pizzico di razzismo. magari si starà pure sfregando le mani vedendo crescere le visualizzazioni online. Mi sembra veramente tutto assurdo, una finzione creata ad arte, gente senza scrupoli che fa di tutto pur di ottenere qualche misero risultato. ora io capisco che per mangiare un poveraccio sia disposto a tutto, ma se non te lo poi permette di tenere aperto ‘sto blog, ma lassa perde !!!!

claudio
claudio
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

… ne sono onorato, e lei Franco rimane sempre ‘n poveraccio!!! … oltre che pena me fa pure ride

Matteo Abate
Matteo Abate
4 mesi fa

Pensa che il sentimento che ci susciti più forte è la pena. Niente di più.

“Quell’accento insopportabile, volgare, che nemmeno la grandezza di un Belli, di un Trilussa, di un Petrolini, di Aldo Fabrizi e di Gigi Proietti riescono a nobilitare.”

Invece te la Lingua italiana la fai gode co ste perifrasi der cazzo.

Matteo Abate
Matteo Abate
4 mesi fa
Reply to  Matteo Abate

oddio ho detto “cazzo” 🤦🏻‍♂️ mi scusi non vorrei che pe sta cosa poi il commento va male

Stefano
Stefano
4 mesi fa

Il fatto che dipinga Svevo Moltrasio come un burino romano la dice lunga su quanto sia superficiale nel giudicare una persona. E non mi sorprende che una superficialità tale abbia generato questo articolo razzista e ridicolo. Non sapevo della sua esistenza fino a poco fa, ma spero di dimenticarmene in fretta.

Buona vita

Romanodeascoli
Romanodeascoli
4 mesi fa

Ao’ era bbono er vino Zilia’! Faccelo arriva’ pure da noi ar sudde, così potemo da scrive articoli intelliggenti come li tua!!! (E sottolineo li tua, ma senza li mia)

Giorgio
Giorgio
4 mesi fa

Un romano come testimonial? Perché no? La romanità è simbolo dell’Italia in tutto il mondo (assieme alla napoletanità), ma lo è anche per noi stessi italiani, ma io la inviterei ad informarsi un po’ meglio sul tale Svevo Moltrasio, cosicché lei possa capire la differenza che intercorre tra il suo personaggio e lui come autore. In ogni caso io ho apprezzato il video promozionale e l’iniziativa del movimento, che cerca di discostarsi da un mondo enologico italiani i cui appartenenti sembra abbiano tutti ingoiato una scopa da bambini.
Benvengano iniziative come questa, per lei cafona, ma che parla col cuore d’Italia

s z
s z
4 mesi fa

Il video di Svevo Moltrasio dura in tutto 3m44s, in cui per la maggior parte del tempo, Svevo parla un italiano comprensibile e fluente. Le scene in cui parla con “un accento insopportabile, volgare, da Tor Pignattara o da coatto” sono 2.
Esattamente 21 secondi. Li ho contati.

il 9% di tutto il video.

Lei ha pubblicato un articolo che, quasi unicamente, critica il 9% di un video che tratta un argomento di cui lei è un esperto. Solo perché trova “insopportabile” l’accento romano.

Non ho altro da aggiungere.

s z
s z
4 mesi fa
Reply to  Franco Ziliani

È veramente questo il livello intellettuale con cui vuole replicare?

Simone F.
Simone F.
4 mesi fa

Addirittura lei parla di accento come se fosse un problema, nel 2020. L’italia è bella per questo, e ogni “accento”, o dialetto, ha l’onore di rappresentarla. Tale Moltrasio è un personaggio che cattura l’attenzione di oltre 50.000 persone solo sulla sua pagina Facebook. Non so se ha particolari rancori verso il Movimento Turismo del vino o verso i romani ma, come può vedere dalle reazioni di chi legge, le consiglio di scendere dalle guglie del Duomo dove è rimasto appollaiato per troppo tempo e tornare tra la sua gente, i suoi connazionali, da nord a sud, con umiltà.

Saluti

Last edited 4 mesi fa by Simone F.
Iago
Iago
4 mesi fa

Articolo decisamente scontato e razzista! Complimenti per il geniale punto di vista. Le ricordo che trattandosi di video, senza fare paragoni, i romani con l’accento romanesco hanno fatto la storia del cinema italiano e internazionale! Saluti

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

112
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x