Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Enoriflessioni

Proposta indecente: e se invece dei tre bicchieri assegnassi le tre gnocche?

Pubblicato

il

Nel 2021 lancerò una guida innovativa alle più belle vignaiole italiche

Idea e proposta indecente, tanto per cazzeggiare (non posso farlo su Facebook perché la Mafia che lo regge mi ha cancellato la pagina) e to have fun, come dicono quelli che sono nati magari a Voghera, nelle banlieue di Parigi o di qualche remota cittadina polacca, e dicono di avere studiato ad 0xford e si danno arie da regine…

In attesa della rivoluzione, che è rimandata a data da destinarsi, e che è una cosa troppo seria per lasciarla fare agli italiani di oggi, in attesa che venga pronto, è solo questione di giorni, il mio blog personale dove come ho annunciato scriverò di tutto tranne che di vino, visto che le guide “tirano” e vanno per la maggiore (o no?) dove aver lanciato, tre anni orsono, la provocazione di Paga e vinci, la prima guida dei vini a pagamento, ma dichiarato, non sottobanco, non legata a logiche misteriose ma chiare a tutti, ho pensato che valga la pena colmare uno spazio di mercato lasciato libero dal moltiplicarsi di guide e guidine e guidazze.

Una guida che so bene che sarebbe divisiva, aprirebbe polemiche, vedrebbe di certo l’opposizione di una formidabile coalizione dove la Meloni, la Carfagna, la Prestigiacomo (che bella, ma che fine ha fatto? L’ho vista di persona una volta volando su Crotone, una dea..) e magari l’insopportabile Santanché, andrebbero a braccetto in un clima bipartisan con Boldrini, la Murgia e magari Vladirmi(a) Luxuria, Selvaggia Lucarelli, la sempre viva coscia lunga della sinistra Parietti e quella “simpaticona” della ministra della Pubblica (D)Istruzione Azzolina, le femministe tornare in piazza al grido di castrarne uno per educarne cento, il papa comunista dare loro manforte e una benedizione a pugno chiuso e Mentana allestire alla volée una delle sue maratone su La 7, magari in tandem con Sieglinde Gruber.

La guida, che vedrebbe i vini migliori, le curve (pardon cuvée) premiate non con i tre bicchieri, ma con tre gnocchi, pardon, gnocche, sarebbe la guida non ai vini migliori, ma ai vini prodotti dalle produttrici di vino che sono, come dire?…, più appealing, più belle, anzi, più bbone.

Titolo della guida Enognocche d’Italia, prefazione a due mani (e altro) vergata da Rocco Siffredi e Valentina Nappi, ed un preciso intento, se volete anche selezionare e raccontare i vini più buoni prodotti da donne (vignaiole, enologhe, agronome, sommelier, ecc.) ma soprattutto, perché anche l’occhio vuole la sua parte e io dopo 36 anni mi sono stufato di incontrare produttori masculi con la barba, la panza, il forsennato culto di sé, la presunzione di avere nella propria cantina il vino migliore del mondo le produttrici da non perdere.

Quelle belle, anzi bellissime, che quando le conosci decidi (non si sa mai, la carne è debole, la mia debolissima…) che scriverai bene, anzi benissimo, del loro vino anche se magari fa pena ed è peggio del Tavernello. Sperando che, grazie al tuo fascino, alla potenza della tua penna, all’autorevolezza che dicono (solo qualche amico molto benevolo) tu abbia, loro possano essere molto gentili, molto molto gentili e riconoscenti con te…

Con questa guida punto non tanto a fare informazione ad uso del consumatore, ovviamente masculo, (ovviamente ogni scheda sarà corredata dalla foto dalla produttrice) ma a sfruttare il mio piccolo potere di giornalista e del vino e wine blogger (non chiamatemi wine influencer altrimenti metto mano al kalashnikov) non per arricchirmi (troppo facile e banale) ma per trarre altri vantaggi…

Cinico, spudorato, sfacciato, chiamatemi come volete, ma penso che questa guida (per figurare nella quale non è indispensabile presentare e far degustare i vini, basta inviare foto e misure strategiche, dichiarare età, condizione anagrafica, nubile, coniugata, separata, vedova, e disponibilità al.. .dialogo ovviamente con me…) farebbe furore tra i maschiacci che sono appassionati di vino ma che dovendo scegliere tra una grande bottiglia e una bella donna non hanno dubbi. Come me preferiscono la seconda, anche se poi il vino, quello buono, non tradisce e non ti frega e non ti prende per il…., mentre i fimmine… lassuma pert… Potrei scrivere un romanzo sulle loro stranezze, ma mi basterà, come ho già detto, aprire a brevissimo il blog che porterà il mio nome e dove ce ne sarà per tutte e saranno uno dei temi chiave, insieme alla musica, alla politica, ai libri, di quello che scriverò.

Torniamo a noi, alla guida delle migliori vignaiole (vanno bene anche i vini delle grandi aziende industriali, se le proprietarie sono bbone…), e ai premi e criteri di giudizio.

Riflettendoci bene ho pensato che alcuni premi potrebbero essere questi:

Tre gnocche: assegnato alla più bella, la produttrice più bella, non importa che vino produca, se sia buono o no, la qualità non importa, tanto è bellissima lei…;

Tre gnocchi: assegnato alla più bella, la produttrice più bella, che importa anche un buonissimo vino;

tre cozze: premio assegnato alla produttrice bruttina, diciamo molto brutta, che però produce un vino da sogno;

tre megacozze: premio assegnato alla produttrice bruttina, diciamo molto brutta, che per di più produce vini letteralmente imbevibili; Ne conosco diverse, frequentano di solito le rassegne Fivi…

due gnocchi/e: premio assegnato alla produttrice che, insomma, per i giorni feriali andrebbe anche bene. Vini buoni, lei bella ma non bellissima e magari, la cosa va studiata e coltivata, da cosa nasce cosa…

tre cervelli: premio assegnato alla produttrice, non importa se sia bella o brutta o se il suo vino sia buono o no, ma in compagnia della quale staresti ore, perché è colta intelligente, sensibile, ironica, simpatica… Non sembra nemmeno una donna… 😊

premio speciale bella e impossibile: quella che produce il vino migliore, è bellissima, ma inutile farle la corte o provarci, irraggiungibile per mille motivi, troppo bella, troppo giovane, troppo ricca, troppo nobile..

Beh amici di Vino al vino e Lemillebolleblog cosa ne dite di questa guida? La metto o non la metto in cantiere per il 2021? E voi sareste disposti ad acquistarla? E voi produttrici di vino, siete pronte a partecipare al mio casting, pardon, alle mie “degustazioni”?

p.s.

prima che qualche acida femminista mi lanci contro una fatwa e che mi trovi sotto casa un corteo di femminarde urlanti, ribadisco che questo è solo uno scherzo, per ridere un po’ visti i mala tempora che currunt…

n.b.

non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog www.lemillebolleblog.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Riccardo
Riccardo
1 mese fa

“Vergata” da Rocco Siffredi è un capolavoro; conoscendola, direi del tutto volontario 😉

Alessandra
1 mese fa

Ironico divertente pungente ti adoro! Io la compro di sicuro!

Matteo
Matteo
30 giorni fa

Gran bell’articolo.
Da 3 megacozze

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

5
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x