Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Mon coeur mis a nu...

Gillardi, non solo grandi Dolcetto e Syrah ma anche ottimi Barolo…

Pubblicato

il

E bravo Giacu, stappa una buta…!

Porca miseria, come corrono gli anni! Perdi di vista per un po’ (lui è il mega direttore dai Ceretto, braccio operativo di Bruno e Marcello) un vecchio caro amico come Giacolino “Giacu” Gillardi che ricordavi come dolcettista super e autore di un Syrah cum pallas come Harys..

Ti ricordi edizioni del bue grasso a Carrù, serate ad alto tasso alcolemico nella sua piccola cantina di Farigliano..E poi incontri e grandi discussioni sul Dolcetto di Dogliani e le sue strane letture peccheniniane con l’indimenticabile indomito Quinto Chionetti, il nonno del giovane Nicola…

Torni a trovarlo e cosa scopri? Innanzitutto, la cosa più importante, che la vecchia amicizia è sempre viva, che la cantina di Farigliano è cresciuta, che suoi Dolcetto di Dogliani e l’Harys sono sempre più buoni e che a far loro compagnia è arrivato un capolavoro, il misterioso Grané…

Ma scopri soprattutto che il 60enne e già nonno Giacu, che dà del tu ai grandi vini francesi e a quelli della Langa, si è messo a fare Barolo, che ha una piccola deliziosa cantina nel cuore della patria di Bartolo Mascarello e della splendida parisienne di adozione Francesca Camerano https://www.ardesiaco.com/, alias Ardesiaco…

E scopri che il Barolo, anzi due Barolo, da vigne in Barolo, il Giacu lo fa davvero buono e che fa pelo e contropelo a fior di barolisti..

E bravo Giacu, boja fauss, stapa una buta, anzi un magnum,  magari con il bollito misto e raviolini in brodo da urlo dell’Osteria del Borgo di Carrù, prima di Natale torno…

Langhetti miei, langhette adorate, quanto vi voglio bene!

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy