Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Enovarie

Elatis vino rosato 2019 Comm. G.B. Burlotto

Pubblicato

il

Fidatevi: uno dei dieci migliori vini in rosa italiani

Perdonatemi l’autocitazione ma rileggendo questo pezzo di sette anni fa.. pubblicato su un sito Internet che pagava i collaboratori cifre ridicole ma mi consentì grazie al suo direttore, l’ottimo gourmet Stefano Caffarri di curare una rubrica settimanale dedicati agli amati vini rosati, non dovrei aggiungere molto, salvo aggiornare le note di degustazione.

Però di fronte a questa edizione 2019 dell’Elatis di Comm.G.B.Burlotto, rosato nato nel 2004 e voluto fortemente dall’amico Fabio Alessandria e pensato come un personalissimo mix con base Nebbiolo cui vengono affiancate un quid di Barbera e dell’uva del pays, l’afrodisiaca Pelaverga, devo aggiungere che non solo l’Elatis si conferma al mio palato come uno dei dieci migliori rosati italiani, ma che questa edizione 2019 è forse, a mia memoria (Fabio concorda) una delle migliori edizioni di sempre, grazie ad un savoir faire ormai collaudato e ad un equilibrio perfetto tra freschezza acidità sapidità e struttura che rende la beva super contagiosa. In due mia moglie (che in verità sarebbe ex moglie…) ed io abbia seccato la bottiglia e io ho pensato che l’azienda dovrebbe pensare seriamente, come fa uno dei migliori rosatisti pugliesi, Severino (Stefano e Renata) Garofano, e come fanno normalmente in Francia, a imbottigliare il vino anche in formato magnum.

Quanto alla Francia, pur con tutto l’amore (sconfinato) che io provo per les cousins (se non fossi nato a Milano vorrei essere nato en France) credo che per reggere il confronto con questo Elatis 2019 (che, mi spiace per voi, il produttore mi ha detto essere esaurito) ci voglia un Côtes de Provence super. Di quelli con i controco… Di quelli che costano il doppio o il triplo rispetto a questo rosato da zona barolesca super vocata. Tipo Domaine Ott, Miraval, Peyrassol, Esclans, Minuty, o spostandoci a Bandol Domaine Tempier, La Begude, Pibarnon.

Fidatevi di me che di rosati me ne intendo: questo è spaziale! Colore corallo pallido melograno sciorina un naso fresco, vivo, cremoso, tutto giocato su toni di pesca bianca, arancia sanguinella, ribes, che è una meraviglia, impreziosito da striature leggere di rosmarino, una finissima speziatura, un quid di pepe bianco dato dal Pelaverga.

E poi in un crescendo rossiniano, come in un Valzer di Strauss, la bontà suprema al gusto, avvolgente, cremoso, suadente, un gusto che è largo e verticale, ampio e fresco, dolce e salato, persistente, goloso. E in retrogusto quella nota che mi fa tornare bambino e pensare alle adorate caramelle Baratti che mio padre mi portava dalla drogheria Gallivanone in via Vitruvio e a quella insuperabile al gusto di Ratafià. Quel gusto di ratafià che il Maestro Paolo Conte ha reso immortale nella sua splendida canzone Diavolo rosso, che in questa versione live è qualcosa di sensazionale. Proprio come l’Elatis…

Comm. G.B. Burlotto

Via Vittorio Emanuele 28

12060

Verduno (CN)

Tel. tel. 0172 470122

Email burlotto@burlotto.com
Web www.burlotto.com

n.b.

non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog www.lemillebolleblog.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy