Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Indiscrezioni

Clamoroso! Nuovo packaging per il mitico Barolo Monprivato Giuseppe Mascarello!

Pubblicato

il

Clamoroso da Monchiero! Il mio amico Mauro Mascarello, mitico produttore dei più grandi Barolo tradizionali, Monprivato e Monprivato riserva Ca’d’Morissio (oltre al Villero e al Santo Stefano) dimostrando la propria grande generosità ha deciso di andare incontro al popolo che non poteva permettersi una buta del suo Monprivato.

Ho partecipato ad un consiglio di famiglia molto animato, presenti la moglie Maria Teresa e la bella figlia Elena (l’altro figlio, Giuseppe, non ha partecipato e si è ritirato sull’Aventino) e alla fine abbiamo deciso di commercializzare una versione mini e tascabile dei Monprivato 2016 e 2017.

Come vedete dalle foto si tratta di una confezione innovativa che sicuramente verrà bocciata dal Consorzio Barolo, ma che Mauro è deciso a difendere con le unghie e con i denti. Indietro non si torna boia fauss!

Boccettini di plastica con mini porzioni di Monprivato fermentato e affinato in anfore georgiane in stile Gravner.

Sperimentazioni sono in corso con la collaborazione del consulente storico dei Mascarello, Donato Lanati dello studio Enosis Meraviglia.

Non ancora deciso il prezzo di vendita ma si tratta di una vera rivoluzione in casa del più tradizionalista dei tradizionalisti del Barolo.

Per ora è uno scoop assoluto (ho bruciato Wine Spectator, Suckling, Antonio Galloni, Decanter, La Stampa e Gazzetta d’Alba, ma sto scrivendo un pezzo per una rivista giapponese e una russa) ma nei prossimi giorni vi fornirò molti altri dettagli su questa svolta innovativa che farà rumore…

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti

2 Commenti

  1. Paolo

    30/06/2020 at 14:41

    Ma Ziliani, il suo amico Mauro Mascarello é impazzito?
    Il Consorzio del Barolo non consentirà mai una cosa del genere!!!
    Non può far rinsavire il re del Monprivato?

    • Franco Ziliani

      30/06/2020 at 14:43

      mi scusi Paolo, mi sembra che impazzito sia lei che, come altri, ha abboccato e non ha capito che si trattava di una burla, di un contenitore piccolo per i campioni che i Mascarello portano in laboratorio per le analisi, dal loro mega consulente Donato Lanati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy