Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

In taberna quando sumus...

San Valentino fa rima con Nino (e Silvia)…

Pubblicato

il

Un delizioso menu d’amore firmato Da Felicin a Monforte d’Alba

Domani, oggi se mi leggerete in questa data, sarà San Valentino, la festa degli innamorati. Ci sono molti modi possibili per festeggiare questa ricorrenza insieme alla vostra lei (al vostro lui) del cuore. Anche andare a cena insieme in  un ristorante dove essere coccolati, dove non solo mangiare e bere benissimo, ma vivere quelle due, tre ore di incanto dove fermare il tempo, mettere in sintonia i sensi, l’olfatto, il palato, la vista, e gustare cose buone, cose vere, cose autentiche, non cose stravaganti, abbinate a buoni vini, in un ambiente accogliente con persone che sanno cosa sia fare ristorazione e farvi sentire a vostro agio, come a casa vostra.

Ci sono tanti ristoranti di valore in Italia e in 35 anni di esperienza nel mondo del giornalismo del cibo e del vino ne ho conosciuti un’infinità. Ma se mi chiedete quale sia il mio ristorante del cuore, beh, il mio cuore batte per il Barolo e per la Langa, e in questo posto dove ho pranzato e cenato molte volte, ho trovato realizzato l’ideale di armonia in cucina e a tavola. Il posto che ha un posto speciale nel mio cuore si chiama Felicin, è nel cuore di Monforte d’Alba ed è il regno della famiglia Rocca.

Oggi Nino con Silvia e i figli, in passato lo erano stati il nonno Felice, appunto Felicin, e poi il padre e la madre, Giorgio e Rosa. E’ ristorante ma anche, cosa importante soprattutto se si cena e se si vogliono gustare i nettari di Bacco senza preoccuparsi dei controlli stradali, un delizioso albergo con quattro proposte di ospitalità diverse.

Per San Valentino, vi consiglio, proponendovi di lasciare a Nino (la sua cantina è la più fornita e la più bella di tutta la Langa) la scelta dei vini, questo menu esemplare (ho gustato diverse volte più d’uno di questi piatti) di correre a Monforte d’Alba e di gustarvi questo menu straordinario con cui il locale riapre dopo la pausa invernale. Per i lettori stranieri (Vino al vino ne ha parecchi) il menu è in italiano, ma anche in inglese.

Buon appetito e buon San Valentino a tutte e tutti!

Piccola entrée

Trancio di merluzzo mantecato con patate pomodorini confit, olive nere taggiasche, pistacchio e pepe Timut

Codfish with dry confit tomatoes, black olives, pistacchio, time pepper

Carpaccio di noce di vitello Fassona marinato, rafano e tuorlo d’uovo cotto a bassa temperatura

Row Fassona veal marinated, horseradish and egg yolk cooked at low temperature

Zabajone di parmigiano con verdurine invernali,porri di Cervere e Tapinambur croccanti

Parmesan zabajone with winter vegetables, Cervere’s leek and crunchy jerusalem artichokes

Primo

Tajarin di Felicin tagliati al coltello con ragout di carne delicato

Tajarin of Felicin cut by knife with delicate meat ragout

oppure/or

Raviolini del plin tradizionali con fondo bruno d’arrosto

Traditional “raviolini del plin” with brown stock

Secondo

Capretto al forno con verdure invernali, scalogno, mirto e Marsala

Baby goat with winter vegetables, shallots, myrtle and Marsala

oppure/or

Fassona piemontese al Barbaresco, con patate e profumi dell’orto

Piedmont Fassona deglazed in Barbaresco with potatoes, garden’s perfumes

Dolce romantico (mix di dolci emozioni della casa da gustare in due)

Sweet romantic (mix of sweet emotions of the house to be enjoyed in two)

Piccola pasticceria

€60, vini e bevande esclusi

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Giuseppe

    17/02/2020 at 12:38

    Grazie per avermi ricordato in una grigia mattinata milanese la bellissima serata che passai con mia moglie in questo ristorante scoperto per caso durante un bellissimo weekend in Langa nell’ottobre 2018.
    Cena superba, cordialità e simpatia. Garbo nell’intrattenere i clienti, mai un commento fuori misura.
    Non vedo l’ora di tornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy
IT Partner: Vanilla Innovations, Inc.