Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Appuntamenti

Anteprima Chiaretto 2018: Bardolino e Valtènesi per la prima volta insieme

Pubblicato

il


Consorzio Bardolino e Consorzio Valtènesi, mi permettete di partecipare?

Sono stato così preso a girare per Francia e Londra negli ultimi quindici giorni, ad assaggiare Rosé de Provence già dell’annata 2017 a Vinisud à Montpellier, e poi Rosados de España y Portugal a Londra, a studiare in loco come organizzare una bella vetrina dei best Italian rosé nella capitale inglese ed in quale modo dare una presenza e un respiro europeo ad una classica manifestazione dedicata ai rosati italiani, che ho corso un grosso rischio.

Mi sono dimenticato, preso a scrivere svariati post sul trend dei rosé wines su questo blog, ed in effetti nessuno ufficialmente o ufficiosamente mi aveva informato della cosa (di cui avevo sentito parlare solo a livello di pour parler) che per la prima volta tra dieci giorni (non tra sei mesi) si organizzerà un qualcosa di intelligente e ragionevole che solo fino a qualche anno fa, per logiche strettamente di campanile, sarebbe stata impensabile.

Domenica 11 e lunedì 12 marzo, a Lazise, celebre località turistica della sponda veronese del meraviglioso Lago di Garda, le due declinazioni gardesane del Chiaretto, ovvero il Bardolino Chiaretto ed il Valtènesi Chiaretto, dimenticheranno di essere concorrenti (anche se in verità si tratta di vini profondamente diversi per tipi di vitigno utilizzati, terroir e microclimi, e perché il Bardolino Chiaretto vanta numeri molto più pesanti) e si presenteranno insieme, strategicamente unite in un’unica anteprima dedicata alla produzione della particolare (non si può certo dire che non lo sia stata) annata 2017.

E hanno scelto di lavorare uniti, per l’Anteprima Chiaretto 2018, in un modo particolarmente valido. Sul sito Internet della manifestazione leggo difatti che “la due giorni dedicata ai rosé gardesani prevede l’apertura al pubblico nella giornata di domenica 11 dalle 10 alle 18, mentre il lunedì 12 marzo è interamente riservato agli operatori di settore, dalle 14 alle 20”.

Il tutto si svolgerà presso la Dogana Veneta di Lazise con la presenza di qualcosa come 80 produttori con circa 140 vini per presentare l’annata 2017 del Chiaretto prodotto sulle due riviere, quella veneta e quella lombarda.

Chi fosse interessato ad essere presente, ad acquistare in prevendita il biglietto d’ingresso può inviare una mail a questo indirizzo per maggiori informazioni ed in ogni caso tenere conto che l’orario di apertura al pubblico domenica 11 marzo è dalle 10 alle 18, mentre il lunedì l’Anteprima apre per gli operatori dalle 14 alle 20. Il costo del calice per le degustazioni in Dogana Veneta sarà di € 15 per l’intero e di € 10 per il ridotto. L’ingresso ridotto è riservato a tutti coloro che prenoteranno il calice al sito Internet Anteprima Chiaretto e per i soci Ais, Onav, Fis, Slow Food, Fisar, Ristoranti Che Passione.

Fatto questo, visto che qualche amico mi ha informato dell’effettivo svolgimento di questa Anteprima Chiaretto bipartisan, a questo punto, anche se nessuno mi ha informato dell’Anteprima e che la richiesta di accredito va presentata entro il 9 marzo, dovrei cercare di avere l’accredito stampa, come ho fatto, sans problèmes, per ViniSud (dove si sono fatti persino carico delle mie spese di viaggio e ospitalità) o per lo Spain and Portugal Decanter tasting di sabato 24, per accedere al quale le procedure sono semplicissime e informali.

Sul sito Internet dell’Anteprima Chiaretto nello spazio degli accrediti stampa, scopro invece che “l’organizzazione si riserva di concedere l’accredito sulla base della rilevanza e pertinenza all’argomento della testata rappresentata e alla pregressa pubblicazione di articoli sull’Anteprima Chiaretto. Le richieste dovranno pervenire entro il 09/03/2018”.

Avvertimento che in inglese suona così: “The organization reserves the right to grant credit on the basis of importance and relevance to the subject of the news organization represented, and the previous publication of articles about Anteprima Chiaretto. Requests must be received by 09/03/2018”.

Al che mi chiedo: saranno sufficienti le credenziali che sono in grado di presentare, ovvero lo scrivere di rosati, Chiaretto, Cerasuolo, vins rosé almeno dai primi anni 90, aver scritto centinaia e centinaia di articoli, aver condotto sul sito Internet del Cucchiaio d’argento per tre anni una rubrica settimanale di vini rosati? E, ancora, avere in programma due degustazioni di rosati (fermi e con le bollicine) che si svolgeranno a metà aprile nel corso di una nota manifestazione, conoscere diversi produttori e aver scritto dei loro vini sia nell’ambito della Doc Valtènesi Chiaretto sia in quella Bardolino Chiaretto?

E magari posso dire loro che entro metà marzo farò uscire un nuovo blog interamente dedicato al mondo dei rosati, rosé, pink wines sul quale conto, se la cosa non dovesse loro dispiacere, di scrivere anche dei loro Chiaretto?

E se la cosa non bastasse? Quasi quasi, visto che con me funziona spesso il motto Nemo propheta in patria…, potrei chiedere agli amici del Syndicat Viticole de l’Appellation Tavel, a Guillaume Tari, Président de l’Association des Vins de Bandol, e al Syndicat vins de Bandol, a svariati produttori di Côtes de Provence, a qualche responsabile del Centre du Rosé che ho incontrato a Montpellier dieci giorni fa, se possono mettere una buona parola per me e chiedere agli organizzatori dell’Anteprima Chiaretto e ai responsabili dei due Consorzi, che (diciamolo a bassa voce…) mi conoscono perfettamente, di permettermi, se non disturbo, (prometto di non abbaiare e di non mordere nessuno) di partecipare?

Basteranno les amis français o devo giocare la carta pesante e chiedere ad Angelina e Brett oppure a Jon di “raccomandarmi”?

Stay in touch, vi terrò informati…

Non dimenticate di leggere anche

Lemillebolleblog http://www.lemillebolleblog.it/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy