Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Indiscrezioni

In Oltrepò Pavese qualcosa si muove!

Pubblicato

il


Il Distretto del vino di qualità sceglie la strada della comunicazione e Andrea Giorgi…
In Oltrepò Pavese mentre i soliti noti, leggi la mega cantina cooperativa Terre d’Oltrepò, si fanno notare per il disegno sempre più chiaro di sabotare le fondamentali modifiche al disciplinare di produzione dei vini oltrepadani disposto con lunga fatica dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese e di mirare a far cadere il Consorzio stesso, da parte dell’altro organismo che si occupa dei vini delle terre della Bonarda e del Cruasé, ovvero il Distretto del vino di qualità Oltrepò si registra un’importante novità.

L’organismo guidato dal vulcanico Fabiano Giorgi (che secondo alcuni boatos potrebbe rientrare nel Consorzio e addirittura diventarne presidente, sempre che il Consorzio resista…), ha scelto la via della comunicazione. Ha difatti deciso di nominare due nuove figure professionali: Armando Colombi, che sarà responsabile delle relazioni istituzionali e l’ottimo Riccardo Gabriele, toscano, (nella foto qui sotto dietro al bicchiere) responsabile della comunicazione e p.r. di numerose aziende di qualità (cito tra tutte Giacomo Fenocchio nella Langa del Barolo) che del Distretto sarà coordinatore.

Pubblico molto volentieri il comunicato stampa (con tanto di riferimenti a incoming e influencer, per fortuna mancano i wine lover…) che annuncia questa, spero fattiva, collaborazione. Auguri al Distretto e auguri a Riccardo Gabriele, che conosco come capace comunicatore e appassionato di vino.
Prima di lasciarvi al comunicato, tornando a Terre d’Oltrepò vorrei fare una domanda: ma cosa faceva ieri il presidente Andrea Giorgi, a tavola in un ristorante pavese con Alessandro Cattaneo, già Sindaco di Pavia dal 2009 al 2014, già vice presidente nazionale dell’Anci,  attuale membro dell’Ufficio di Presidenza di Forza Italia e Responsabile Nazionale formazione del partito, commissario provinciale di Forza Italia per la provincia di Pavia, e candidato, con buone probabilità di essere eletto, alla Camera dei Deputati?
Dopo aver accolto in cantina il leader e candidato premier 5 stelle Luigi Di Maio, il “brillante” presidente della cantinona oltrepadana notoriamente vicina (e aiutata, vero Ministro Martina?) al PD, sta forse cercando sponda nel centro destra? Sta cercando, visto come potrebbero andare le elezioni del 4 marzo, sostegni e appoggi anche altrove? Suvvia Giorgi…
Distretto del vino di qualità dell’Oltrepò Pavese:un nuovo assetto e nuovi programmi per il 2018

Importanti novità per il Distretto dell’Oltrepò Pavese che ha presentato un nuovo assetto di coordinamento ed un nuovo programma di sviluppo e promozione.

Nella riunione dei soci svoltasi ieri pomeriggio, infatti, sono state presentate due nuove figure professionali: Riccardo Gabriele, che assume la carica di coordinatore del Distretto e Armando Colombi, responsabile delle relazioni istituzionali.

«Abbiamo sentito la necessità di avere figure professionali che contribuissero alla crescita del Distretto e del Progetto Bonarda – spiega il presidente Fabiano Giorgi (nella foto qui sotto) – e lavorassero per i rapporti tra le aziende e nel territorio con uno sguardo anche internazionale».

«Il nostro lavoro – dice Riccardo Gabriele – si orienterà su alcuni punti iniziali sui quali poggiare il percorso progettuale. Sicuramente partiremo da una maggiore presenza e coordinamento tra i soci per avere maggiore spinta propulsiva e dare loro tutto l’ausilio necessario sui temi della promozione. Sul piano della comunicazione andremo a valorizzare ogni singolo aspetto produttivo con un occhio alla storia di questo territorio. Intendiamo “esportare” la qualità del Distretto oltre i confini nazionali con eventi mirati nelle capitali culturali estere del vino».

Tra i temi anche i rapporti istituzionali e territoriali. «Un compito che riteniamo fondamentale – aggiunge Armando Colombi – . Siamo consapevoli che il Distretto necessita del suo territorio e che questo debba essere comunicato con maggiore attenzione e fatto percepire nei minimi dettagli».

L’attività del Distretto partirà fin da subito con alcune degustazioni mirate ed una serie di incoming verso influencer nazionali ed internazionali.

Armando Colombi, 42 enne, attuale direttore del Consorzio Club del Buttafuoco storico. Assaggiatore professionista di Onav pur essendo milanese di nascita, ormai è nell’Oltrepo da 12 anni.

Riccardo Gabriele, 43 anni, giornalista professionista e relatore pubblico professionista, è titolare dell’agenzia Pr Comunicare il vino che dal 2006 si occupa di comunicazione per aziende italiane ed internazionali.

Attenzione!

Non dimenticate di leggere anche

Lemillebolleblog http://www.lemillebolleblog.it/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
5 Commenti

5 Commenti

  1. Valentino

    16/02/2018 at 20:03

    Assaggiatore professionista di Onav ? Ti rendi conto di quello che scrivi ? Saluti, Valentino.

  2. Valentino

    16/02/2018 at 20:13

    Armando Colombi, 42 enne, attuale direttore del Consorzio Club del Buttafuoco storico. Assaggiatore professionista di Onav ……
    Franco, sei sicuro di quello che scrivi ? Un saluto, Valentino.

    • Valentino

      19/02/2018 at 17:54

      Per maggior chiarezza, nulla contro l’ amico Armando o contro Franco.

      Mi stupisco della inesattezze che generano confusione : non può esistere un assaggiatore Onav professionista.

      Art. 1 Statuto Onav
      II 28 ottobre 1951 si è costituito in Asti l’Ordine Nazionale degli Assaggiatori di Vino, per iniziativa della locale Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura e per volontà di personalità eminenti del mondo vitivinicolo del tempo. II 6 luglio 1981 con il D.P.R. 563 ha ottenuto il riconoscimento giuridico cambiando la denominazione in Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Vino (ONAV).
      L’Onav è un’Organizzazione senza scopo di lucro.
      La sede è in Asti.

      Franco, dove hai copiato il comunicato ?

      Un saluto, Valentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy