Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Degustazioni

Amore, cuore…..Furore Costa d’Amalfi 2013 Marisa Cuomo

Pubblicato

il

foto 140 etichette. 40 bottiglie toccanti e coinvolgenti. Per i sensi. Per la storia. Per l’idea. Per il momento. Non le migliori. Da criticare. Ma da bere almeno una volta nella vita. Se la scoperta anche di un solo nuovo vino emozionerà un unico lettore l’obiettivo sarà raggiunto.

Il sommelier Paolo Tuccitto ci racconta

Il silenzio e l’emozione di farsi, idealmente, trasportare e cullare dalla brezza della Costiera Amalfitana. Un leggero alito di vento, sulla pelle, regala la calda freschezza della salsedine e il calore lucente del sole e del mare sotto di te. Volando tra Amalfi e Positano, tra rocce, anfratti e fiordi a strapiombo, in un angolo sospeso, affascinante, intrigante e misterioso scorgi Furore, “il paese che non c’è, il paese non paese, col suo abitato sparso sui fianchi della montagna a strapiombo sul mare” che “si offre a piccole dosi, si lascia scoprire con civettuola ritrosia” (Ferraioli).

L’aria stordisce per la moltitudine di profumi che, secondo dopo secondo, giocano a nascondino con i sensi apparendo, scomparendo, fondendosi e rilasciandosi. Una giostra di foglie e frutti, di agrumi che, attaccati strenuamente alle pareti rocciose, a difendere spazi angusti di antiche conquiste, lasciano salire verso il cielo i loro sensuali profumi che si fondono alla fresca salsedine marina.

Compagni di lotte per la sopravvivenza, fiori di ginestra svelano note leggermente dolciastre che quasi stordiscono, raggiungendoti nel viaggio in volo sulla Costiera, il “giardino che cerchiamo sempre e inutilmente dopo i luoghi perfetti della nostra infanzia” (Quasimodo).
foto 2

Scendi leggermente di quota e, tra muretti miracolosi e strapiombi da brivido, da finestre discrete, affacciate sul vuoto, a guardare l’orizzonte, vieni avvolto da leggeri e delicati profumi di pesce, zuppe, afrodisiaci ricci di mare che, miracolosamente, ti trascinano verso gli abissi che circondano questo fazzoletto di vita. Immagina una mano invisibile che appoggia queste terre tra il mare in tempesta e assegna, a pochi eroi, il compito di far vivere questa roccia. La sfida e’ stata raccolta e vinta. Mani erose dalla fatica e occhi bruciati dal sole hanno saputo, soffrendo, cadendo e rialzandosi, lavorare queste terre e ritagliarsi il loro spazio per vivere.

Hanno sfidato i principi della sopravvivenza e, tra anfratti, strapiombi, muretti in pietra e piccoli appezzamenti, hanno costruito e realizzato un sogno. Quel sogno che nel tuo volo stai vedendo, vivendo, assaporando, gustando. L’esplosione della freschezza, il ricordo netto della salsedine e un venatura amarognola che ricorda le mandorle, anzi le pastarelle alle mandorle, tipiche della zona.

Adesso torna sulla terra. Hai appena incontrato un bicchiere dell’azienda Marisa Cuomo a base di falanghina e biancolella. Un vino della Costa d’Amalfi. Il Furore. Che fa rima con amore. Quello del film di Roberto Rossellini del 1948 e quello degli eroi di questa storia per la loro terra. E con cuore. Il tuo. Che batterà per sempre per questo vino. E per questa terra magica.

Il vino

Costa d’Amalfi Furore Bianco
Marisa Cuomo
Anno 2013
Gradazione alcolica 13.5°

Abbinamento emozionale
Totani e patate

Paolo Tuccitto

Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Lodovica

    07/03/2016 at 10:33

    Quando il vino e la terra emozionano hai sempre voglia di ritornare e di rivivere quei momenti, anche con la persona più insensibile…

  2. Hervé Lalau

    11/03/2016 at 16:40

    J’adore cette maison et ses vins.
    Dommage qu’on les trouve difficilement à l’étranger.

  3. coppiere

    05/06/2016 at 13:57

    Marisa Cuomo racconta il suo territorio come pochi altri davvero, ogni sorso di Furore è una nuova emozione, ed un viaggio in quelle terre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy