Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Indignazioni

Ecco anche perché non ho partecipato all’udienza con Papa Francesco – 1

Pubblicato

il

Otello Papa Francesco
Non era una cosa seria se ha dato spazio a mercanti da cacciare dal tempio

Siete ancora a chiedervi, nonostante abbia già spiegato tutto, chiarissimamente in questo post, perché abbia rifiutato, con grande sofferenza, anche se da laico, a partecipare all’udienza con Papa Francesco che si è svolta questa mattina?Pensate anche voi, come mi ha scritto ieri sera via sms un povero di spirito, inopinatamente presente in udienza, che “ti sei fatto una grande pubblicità”?

Bene, continuate a pensarla come volete ma alcuni dei motivi forti di questa rinuncia sono rappresentati dal non volermi vedere accomunato e rappresentato da un mondo del vino che mi fa orrore e da cui sono lontano anni luce. Un mondo del vino rappresentato da un’azienda, selezionata da Franco Ricci per partecipare all’udienza e presente, che oggi, proprio oggi, questa azienda che per il proprio sito Internet aziendale usa, con molto pelo sullo stomaco, il nome collettivo Lambrusco, ha pensato di diffondere il seguente comunicato stampa che vi allego nella sua integralità.

Ogni commento è superfluo. Avete capito o no, zucconi, che di quella masnada che fa pensare tanto a quel circus di “nani e ballerine” criticato dall’allora ministro socialista Rino Formica, il sottoscritto, per rispetto di se stesso, non poteva proprio fare parte? Ma nei Vangeli, e devo citarli io che sono laico, Gesù non scacciava forse i mercanti dal tempio?

“Comunicato stampa – Lambrusco per Papa Francesco

comunicato stampa 21 gennaio 2015

Il packaging in flock bianco ha di fronte il simbolo del Vaticano e il nome del Pontefice in Swarovsky giallo a ricordare i colori dello Stato

Cantine Ceci realizza la prima ed unica bottiglia dedicata a Papa Francesco

All’interno il pluripremiato Otello Nero di Lambrusco. L’iniziativa è nata in occasione dell’incontro di alcuni fra i più importanti produttori italiani con il Pontefice, fra cui Alessandro Ceci

E’ di Cantine Ceci la prima ed unica bottiglia interamente dedicata a Papa Francesco. L’azienda di Torrile, in occasione dell’udienza del Pontefice con alcuni fra i più importanti produttori di vino italiani, fra cui Alessandro Ceci, che si terrà oggi, mercoledì 21 gennaio, ha infatti realizzato un packaging tutto speciale in omaggio al Pontefice, noto amante del vino ed in particolare dell’enologia italiana.

La bottiglia è una magnum in soffice flock (tessuto vellutato) bianco, con impressi il simbolo dello Stato Vaticano e il nome del Santo Padre in Swarowsky giallo, a ricordare i colori della bandiera vaticana.
Otello Papa Francesco

E’ la prima volta che un Pontefice esprime il proprio apprezzamento per un prodotto d’eccellenza italiano come il vino e Cantine Ceci ha voluto ringraziarlo con questa dedica personale, attraverso ciò che sa fare meglio, Otello NerodiLambrusco, vino pluripremiato a livello internazionale.
L’idea dell’incontro è di Franco Maria Ricci, presidente della Fondazione Italiana Sommelier, che ha chiesto l’udienza in San Pietro proprio per far conoscere a Papa Francesco una parte di coloro che contribuiscono a tenere alta l’eccellenza enologica nazionale.

In allegato un’immagine della bottiglia di Otello NerodiLambrusco dedicata a Papa Francesco

Ufficio stampa Cantine Ceci spa”

_________________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/  e il Cucchiaio d’argento!

 

 

 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Luca

    21/01/2015 at 15:17

    Stima incondizionata per Franco Ziliani.

    • franco ziliani

      21/01/2015 at 15:35

      scusi, ci conosciamo? perché ora diranno che é un mio servo, pagato da me, che sono io che mi scrivo da solo, ecc…
      Grazie comunque!

      • Luca

        21/01/2015 at 15:46

        Mai avuto il piacere di conoscerla. La seguivo da tempo nei suoi scritti ma non mi ero mai permesso di commentare.

    • franco ziliani

      21/01/2015 at 15:36

      Questa invece la considero una reazione seria e ben ponderata, e soprattutto rispettosa, all’udienza di stamattina con Papa Francesco, la dichiarazione del Direttore Generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani:
      «Un mondo in continua evoluzione, soprattutto in un momento storico come quello che stiamo vivendo, ha necessità di esplorare nuovi canali di dialogo tra i popoli o riscoprire quelli della tradizione. Uno dei gesti più antichi come condividere insieme la tavola permette, da sempre, di scoprire l’altro e apprezzarne le differenze, proprio attraverso quella cultura enogastronomica unica e inimitabile di ogni Paese.
      Ecco allora che anche i prodotti e le tipicità locali si rendono viatico di confronto e arricchimento, un concreto strumento di pace. Le diversità uniscono attraverso il racconto della nostra terra e un bicchiere del suo vino. Diventano, anzi, motivo di dialogo, come dimostra da 50 anni Vinitaly che ogni anno riunisce a Verona un convivio di uomini da 130 nazioni e da tutti i continenti che coltivano la vite e ne commerciano i suoi frutti.»
      Chapeau direttore generale Mantovani!

  2. Alessandro

    21/01/2015 at 15:42

    Va beh,. sul Lambrusco non commento nemmeno. Ma da quel che vedo e leggo, a me è parsa una cosa da mettersi le mani nei capelli. Imbarazzante, mi verrebbe da dire. Una trovata di marketing (pure brutta, a mio avviso) e null altro. Stima per lei che non ci è andato. Non tanto per i compagni di viaggio, ci sarebbe a mio modestissimo modo di vedere da sentirsi in imbarazzo a partecipare a un circo simile anche se tra gli invitati ci fossero stati solo i nomi a lei “graditi”.
    Personalmente sono anche piuttosto deluso dal vedere che un papa si presta a una cosa del genere. Grossissimo e ateo “mah”….

  3. Alessandro

    21/01/2015 at 15:51

    Una curiosità Ziliani, ma i costi vivi dei partecipanti (verosimilmente irrilevanti per un Gaja o D”alema, ma non trascurabili per un comune mortale), chi li ha sostenuti? Ognuno per se?

    • franco ziliani

      21/01/2015 at 16:40

      io parlo per me: mi sarei pagato il viaggio e in albergo, nel mio caso, sarei stato ospite di un 4 stelle. Penso che Gaja Zanella Cotarella & si possano ampiamente permettere quel viaggetto romano…

  4. giulia cannada bartoli

    21/01/2015 at 16:07

    Infatti il comunicato di Verona Fiere, cito il passaggio del Presidente Mantovani che più mi è piaciuto: “i prodotti e le tipicità locali si rendono viatico di confronto e arricchimento, un concreto strumento di pace. Le diversità uniscono attraverso il racconto della nostra terra e un bicchiere del suo vino”, è l’ unica cosa sensata e di buon gusto oltre agli articoli pubblicati in questo blog, che si sia detta sull’argomento, esasperato da altri tanto da toccare il punto più alto del ridicolo e del fazioso.
    Una visita a Sua Santità dovrebbe essere una cosa riservata che ciascuno, cattolico o laico, dovrebbe conservare nel proprio intimo, e non trasformarla in uno strumento commerciale. che vergogna! e questi sarebbero i produttori italiani? Gino Veronelli si sarebbe rivoltato nella tomba, troppi l’hanno dimenticato. Dopo di lui il nulla o…quasi.

    • franco ziliani

      22/01/2015 at 02:48

      e questo é invece un comunicato che l’intelligente Consorzio del Prosecco e la sua bravissima addetta stampa Albina Podda si sarebbero potuti risparmiare… ”
      ZANETTE appena ATTERRATO a VENEZIA dopo l’udienza in Vaticano
      PROSECCO DOC in visita da Papa Francesco
      Treviso, 21 gennaio 2015. “Il Prosecco, attualmente presente in oltre 100 Paesi di cinque continenti, è piuttosto propenso alle relazioni internazionali e a incontrare i popoli più lontani, ma essere presente oggi, all’incontro che il Pontefice ha inteso dedicare al mondo del vino è stata davvero una grande emozione. Insieme al messaggio di pace portato da Papa Francesco, il mondo del Prosecco, aggiunge il proprio invito alla tolleranza e alla fratellanza tra i popoli, anche appartenenti a culture molto diverse tra loro”.
      Con queste parole Stefano Zanette, Presidente del Consorzio di tutela del Prosecco Doc, ha commentato la propria partecipazione alla prima udienza oggi in Vaticano dedicata al mondo enoico. Lo accompagnava il Direttore Luca Giavi.”
      Anche in questo caso a me, laico, viene in mente il grido “Fuori i mercanti dal tempio!”
      Ma quanti “non mercanti” del mondo del vino c’erano in udienza dal Papa mercoledì?….

      • Paolo Boldrini

        22/01/2015 at 09:44

        Buongiorno Franco…ma l’ora del commento è sbagliata, oppure eri veramente davanti alla tastiera alle 2,48…???
        In ogni caso, questo comunicato da te riportato è veramente incredibile, indecente e inopportuno, nel contesto di un evento simile…
        Continuo a pensare che non avresti fatto male ad essere presente, ma episodi come questo farebbero venire dubbi e scrupoli a chiunque…!

        • franco ziliani

          22/01/2015 at 10:08

          l’ora era quella giusta, Paolo…
          E’ l’ora della vigilanza e della militanza…

  5. Andrea Toselli

    21/01/2015 at 17:53

    Se “tenere alta l’eccellenza enologica nazionale” si traduce in simili boiate stiamo freschi!
    Va detto che, stranamente, nel TG5 delle 13 di oggi, nel servizio sull’udienza papale, non c’era traccia dell’allegra comitiva.

  6. Pipinon

    21/01/2015 at 21:56

  7. Samuele

    22/01/2015 at 11:27

    Il GRANDE assente sembra essere D’Alema e la star… l’Insetto… http://divini.corriere.it/2015/01/21/il-giorno-in-cui-il-papa-e-diventato-sommelier/#nav_mobile
    Non la conosco signor Ziliani ma apprezzo i suoi articoli (e commenti) e il modo in cui vede e vive il vino. Detto questo fatico solo ad immaginare lei che sale sulle sedie tentando di fare foto ricordo o selfie bastonati in presenza del Papa, come le ragazzine con una boyband. Lei è una persona seria, come previsto (e questo lei l’aveva capito subito) si è persa la sacralità del momento per far posto ad esibizionismi 2.0 e grandiosi trovate commerciali, il triste show italico è riuscito a prevalere. Abbiamo bisogno di più persone come lei Ziliani…o forse meglio che ce ne sia uno?! Con simpatia tanti saluti

  8. bevo_eno

    26/01/2015 at 22:04

    la bottiglia più tamarra mai vista tra una serie di bottiglie tamarre… senza contare il cattivo gusto…

  9. magnum

    27/01/2015 at 12:00

    Dai resoconti della stampa pare che er’ marchese abbia tirato ‘na mezza sola.
    Daiè

    • franco ziliani

      27/01/2015 at 12:33

      non so e non mi interessa. Quello che avevo da dire su quell’evento e sui motivi per cui ho scelto di non partecipare mi sono già abbondantemente espresso

  10. Andrea borioli

    27/01/2015 at 23:29

    Una bottiglia che proprio NON rappresenta l’azione di rinnovamento messa in atto dall’attuale pontefice!! Più cioccola di così si muore!!! Dove pensavano di andare?!? A Las Vegas?!?
    E poi, tanto rispetto per il Lambrusco, ma insomma ci sono tanti grandissimi vini che meglio possono rappresentare il settore!!!

  11. Pingback: Angelo Gaja, prossimo “Signore del Vino” su Rai 2, riapre la cantina al pubblico. | Blog di Vino al Vino

  12. Pingback: Semplice e chiaro: ecco perché non sono alla Vinitaly Vanity Fair | Blog di Vino al Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy