Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Montalcino e dintorni

Good news da Montalcino by Silvana Biasutti

Pubblicato

il

SilvanaBiasutti

Da oggi Vino al vino conta su una nuova collaboratrice. Per i lettori di questo blog si tratta di una vecchia (sia detto senza irriverenza alcuna nei confronti dei capelli bianchi della Signora in oggetto…) conoscenza, perché come commentatrice, assidua, puntuale e mai banale, capace di folgoranti intuizioni frutto della sua grande cultura e dell’esperienza di come va il mondo, Silvana Biasutti, già animatrice del bel blog Cronache dalla campagna e madre di due gemelle che con il vino a Montalcino dimostrano proprio di saperci fare, è già una presenza fissa e importante. Ora, in base al suo estro, Silvana regalerà ai lettori di Vino al vino una serie di good news con cadenza libera dal borgo del Brunello. Un modo di raccontare, a modo suo, un modo diverso e sicuramente originale, di Montalcino e dei suoi gioielli, che sono enoici, ma anche paesaggistici e turistici, e volendo anche culturali, di essere e di manifestarsi. Benvenuta Silvana e buona lettura!

Sant’Angelo in Colle ed il suo terroir protagonisti su Fox International

Non è un mistero che da qualche tempo in qua i programmi di cucina sono tra i più seguiti e Fox International sta girando una serie – in Italia – che ha più di un connotato innovativo.

I fili conduttori che si intrecciano nel format – Grandma’s Boy – sono tre, a pari intensità, ma il protagonista che gli dà una carica inconsueta è il giovane talento Donal Skehanvisita qui il suo sito Internet, uno che (sono parole sue) è entrato in cucina a sei anni di età e non ne è mai più uscito. Anzi non è vero, perché nel frattempo ha fatto anche il cantante e il vocalist, il presentatore in tv, e chissà che altro.
Ma è anche uno che ama pescare, fotografare e disegnare; scrive libri (di cucina), ha un blog e ha – ovvio! – migliaia (non so quanti) di fan e di followers. Nonostante l’attività intensa di Food Blogger, Cookbook Author, Food Photographer & TV Presenter, pare un ragazzino, anche più giovane dei suoi ventisette anni; forse il segreto è che ride molto, infatti un suo programma (libri inclusi, sempre) è Good Mood Food, e mi pare un programma condivisibile.

DonalSkehan

Il giovane Donal gira nei piccoli paesi (di quell’Italia che incanta l’universo mondo e di cui gli italiani troppo spesso si dimenticano); quindi i piccoli paesi, la ruralità, le tradizioni della cucina italiana di famiglia e i prodotti genuini (spesso coltivati nell’orticello di casa) sono l’altro filo conduttore, che aggiunge bellezze e cultura al protagonista che interpreta sé stesso, cioè un giovane cuoco (sensibile e brillante) alla ricerca della cucina italiana. Il terzo filo conduttore sono le donne che sanno; perciò le “nonne”, quelle che hanno vissuto, lavorato – ciascuna con la propria storia, più o meno casalinga – accudito e nutrito, donne vecchie e toste, che hanno dalla loro la conoscenza e che si misurano con Donal in un’amichevole tenzone culinaria. In ventiquattro minuti, quanto dura ogni puntata.

Skehan-Montalcino

Chi cura l’edizione di questo format e ha l’incarico di scegliere le location (altrimenti dette luoghi); aveva girato qui un reportage sul Treno Natura – una chicca da conoscere per chi vuole scoprire la bellezza, a sud di Siena –  ed è tornato a Sant’Angelo in Colle tre mesi fa.

Così questa piccola frazione di Montalcino é diventata scenario, e protagonista, di una puntata di Grandma’s Boy, che ho in qualche modo presentato qui. E sul Cittadino on line. In una storia in cui il Brunello entra con naturalezza, come frutto di una terra molto bella e ricca di tradizioni e di prodotti (olio, carni, formaggi), e in cui di Brunello si parla di continuo (Donal ha anche fatto qualche bel giro in vigna!), ma senza product placement e senza propaganda. Cioè nel modo più felice, con freschezza, come del re dei vini e di un vino che produce “good mood”. Un ingrediente di cui tutto il mondo è alla ricerca…

E (quasi) in tutto il mondo Fox international ha venduto questo programma destinato alla messa in onda internazionale nel circuito dei canali Fox.

2franci 2 bio

Una bottega bio a Montalcino, ovvero un’altra idea, soprattutto dei vini

Caro Franco, venerdì sera alle 18 da Franci Bio (in other words, Tassi), Francesco Leanza, alias Podere Salicutti, presentava i suoi vini. Ma in realtà non è successo solo questo. L’abile Fabio Tassi, dicasi Enoteca Franci ma anche i suoi vini di Montalcino, con gli occhioni sempre spalancati, ha “saltato il fosso” e nella toscanissima e un po’ tetragona Montalcino, è stata una botta di modernità.

Bio – che vuole dire in modo meno ortodosso molte cose (bio bio, bio dinamico, naturale, attenzione alla terra, eccetera) – a Montalcino, scritto su un’insegna è un salto del fosso (profondo) che finora ha impedito a molti di capire cose importanti. Anche lo stile del punto vendita – disegnato dallo studio di Marco Pignattai, architetto fratello di Pietroso – si discosta da quello delle enoteche di Montalcino.

Molto puntualmente Leanza – in gran forma, come se stesse prendendo la rincorsa per la vendemmia – che è anche stato il primo, a Montalcino (e io me lo ricordo bene) – ha sottolineato che fare il vino con grande attenzione alla natura e al rispetto della terra è un modus che lui auspicherebbe per tutti i produttori.

Era presente un bel po’ di gente, tra amici, colleghi, simpatizzanti, con un bel po’ della Montalcino “che ci tiene”, gente attenta alle parole di Leanza, serio e puntuale. E già si vedono i visitatori (soprattutto gli stranieri) allungare il collo sui colori pastello che incorniciano vini – soprattutto di Montalcino – salse, olio, pasta, riso e altri prodotti . Ma soprattutto vino.

 

______________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/

 

 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. strini2@yahoo.it

    17/09/2013 at 13:51

    Ottima Biasutti…come i suoi cioccolatini, ripieni di profumi toscani…besos

  2. Mario Crosta

    17/09/2013 at 20:24

    Un abbraccio virtuale profondo alla decana del buonsenso sul Web. Prometto che leggerò sempre molto volentieri anche qui le sue preziose pillole di saggezza. L’amo (per ora virtualmente)..

    • silvana biasutti

      17/09/2013 at 22:03

      Ah Mario! Che lusinga questo tuo commento doc! Vendemmierò buoni pensieri…cercando però di non abituarmi! Buona notte.

  3. Lino c.

    20/09/2013 at 01:05

    Franco un buon motivo in più per seguirti, bella notizia, che non andrà delusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy