Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Enovarie

A Radici del Sud ospiti sorprendenti…

Pubblicato

il

Trio-conospite

FOR THE ENGLISH VERSION CLICK HERE

Come ho già scritto, qui, da martedì sera sono in Salento per l’edizione 2013 della manifestazione Radici del Sud di cui, con Nicola Campanile e Luciano Pignataro (nella foto il terzo ed il primo da sinistra) sono co-organizzatore.
Tra i tanti e qualificati ospiti, tutti professionisti, tutti grandi esperti, tutte persone che conoscono bene il vino, ne scrivono, lo selezionano, lo importano, lo commercializzano in vari Paesi esteri, ce n’é uno, come ho già sottolineato, che potrà apparire sorprendente, visto che notoriamente tra di noi, negli ultimi vent’anni, non sono state rose e fiori, visto che spesso, quando era il potente direttore della guida Vini d’Italia e non un pinco qualsiasi, l’ho criticato (attaccato). Assegnandogli un soprannome, Robert Parker der Tufello, che ha avuto una larga diffusione. E che lui stesso ha trovato simpatico, anche se invece del quartiere romano del Tufello avrebbe preferito che lo definissi il Parker di un altro quartiere di Roma, l’Alberone.
Sto parlando, l’avrete capito, di Daniele Cernilli (il quarto da sinistra nella foto, io sono il secondo), alias Doctor Wine.
A me non interessa che qualche pirla (traduzione per i non lombardi: scemo o stupidotto) possa definire questo invito a Cernilli, deciso da me con la totale complicità di Nicola Campanile, quasi una prova di compromesso. O un’abiura delle mie vecchie battaglie, su Wine Report e poi su questo blog. Le mie idee restano le stesse. La differenza é che entrambi, Cernilli ed io, che ormai non siamo più di primo pelo, abbiamo capito che é più facile, ed interessante, dialogare tra vecchi cronisti del vino, gente che di vino scrive da giornalista, che con qualche neofita che si dà arie da padreterno.
E per questo lui ha accettato l’invito e in questi primi due giorni mi sta sorprendendo per una quasi imbarazzante cortesia (non dico simpatia, non é ancora scoppiato “l’amore” e dubito possa scoppiare) nei mie confronti e per un modo scoperto di cercare quello che ci lega, una certa idea del vino, piuttosto che quello, che resta ancora molto, che ci divide.
Io sono molto felice di questa sua disponibilità e di queste prove di dialogo in corso e di avere un grande degustatore, ché tale l’ho sempre considerato, anche quando l’attaccavo, come responsabile di guida soprattutto, in ogni momento. Con una conoscenza e un’esperienza dei grandi vini, soprattutto quelli francesi e del Nuovo Mondo, ben superiore alla mia.
Se oggi qualcuno se la prende e rosica e pensa a chissà quale inciucio per la sua presenza a Radici del Sud, beh, sono solo suoi problemi. E pensi pure quello che vuole e si rassegni ad un’evidenza: la presenza di Cernilli qui nella giuria internazionale, primus inter pares, é un riconoscimento della centralità di Radici del Sud nel discorso sui vini pugliesi e sui vini da vitigni autoctoni meridionali.
Tutto il resto sono parole vane, o come avrebbe detto il Califfo noia…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Manila

    06/06/2013 at 12:40

    siete belllliiiissssimi

    • franco ziliani

      06/06/2013 at 13:59

      Per forza Manila la foto l’hai fatta tu!

  2. silvana

    06/06/2013 at 18:35

    Mi pare proprio di vedervi già preparare la conferenza “on Sangiovese” – ovviamente a Montalcino -, voi due dialoganti / duellanti, all’ultimo … Brunello, senza esclusione di colpi.
    E coglierebbe in pieno lo spirito a cui accenni in questo post. E’ (sarebbe) tempo che chi ha reali competenze, in ogni campo, le metta in campo; questo non vuole dire – in nessun caso – smentire le proprie opinioni.
    Avete la fortuna di lavorare in un settore che non delocalizza, che è ‘costretto’ a lavorare sempre meglio, anche per far sventolare la bandiera che si sta sfilacciando, ogni giorno di più. Il vino italiano è made in Italy; altri prodotti sempre meno.
    ps: posta un Carovigno to day, per favore.

    • franco ziliani

      07/06/2013 at 11:37

      ah che bella idea Silvana! Nella pausa pranzo la giro a Cernilli e vediamo cosa ne dice. Sarebbe divertente e credo utile una nuova edizione del dibattito sul Brunello, presente e futuro, con l’ex direttore del Gambero rosso e ora mr. Doctor wine e quel rompiballe del sottoscritto, incrociare dialetticamente le lame sui brunelleschi temi… 🙂

      • sil

        07/06/2013 at 16:32

        Duello e duetto. Gustoso!

  3. Lalau

    10/06/2013 at 07:34

    Le Dr Wine va-t-il te donner des médicaments qui te rendront Parkerophile?

    • silva

      10/06/2013 at 09:59

      On imagine que Franco soi bien vacciné contre … n’est ce pas!?

      • franco ziliani

        10/06/2013 at 10:43

        soyez tranquilles chers amis: pas de péril de contage. Le morbe “parkerien” ne va pas me toucher 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy