Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Interrogativi

L’ultimo paradosso di Montalcino: espellere dal Consorzio chi si era già dimesso

Pubblicato

il

voci-interiori

E’ vero o no che Soldera è stato espulso?

Clamorosi boatos da Montalcino. Corrisponde al vero la voce, anzi, molto più di una voce, secondo la quale nella seduta del 4 aprile del Consiglio di Amministrazione del Consorzio del Brunello di Montalcino sarebbe stata presa la grave decisione di espellere dal Consorzio stesso il socio Gianfranco Soldera, proprietario dell’azienda agricola Case Basse?
E corrisponde al vero che nella stessa seduta sarebbe stato deciso di prendere altre misure nei confronti di quello che qualcuno ha definito “broker trevigiano”?
Da me consultato telefonicamente, il presidente in carica del Consorzio del Brunello, Fabrizio Bindocci, si é trincerato dietro ad un no comment. E non ha smentito.
Se la notizia corrispondesse al vero, e dalle mie fonti non ho alcun motivo di dubitare che siano vere (se c’è stata una seduta del CDA del Consorzio ci sarà pure anche un verbale, no?), ci troveremmo di fronte, dopo il paradosso francese, il french paradox del professor Serge Renaud, ad un’autentica novità, al paradosso ilcinese.
Manifestazione di qualcosa di più grave, una sorta di sindrome di Montalcino, perché espellere dal Consorzio qualcuno che dal Consorzio si era già dimesso in precedenzacome si può leggere qui e soprattutto qui – costituisce un virtuosismo raffinato, un capolavoro.
Una cosa, strana, che può succedere solo in un posto al mondo. A Montalcino.

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] del nuovo (si fa per dire) Presidente della Repubblica, la notizia è passata inosservata. Come ho scritto qui, da Montalcino, Toscana, Italia, è trapelata la voce, che a me è stata riferita da più persone […]

trackback

[…] entirely drown out the chatter from Montalcino, where — Italy’s leading wine blogger Franco Ziliani reports — there are rumors that the Brunello consortium voted in an April 4 assembly to […]

trackback

[…] comparire come socio fino al 2015. Ora l’espulsione, anticipata dal  sito di Franco Ziliani Vino al Vino in cui si parlava di “clamorosi boatos”, interrompe ogni contatto e ogni possibilità […]

trackback

[…] ai Signori del Cda del Consorzio del Brunello di Montalcino. Rispondendo alla mia domanda espressa sabato scorso in questo post, con una clamoroso e lodevole salto di qualità nel loro operato, nel loro stile, nel loro modo di […]

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x