Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Mon coeur mis a nu...

Addio grande Signore del Brunello…

Pubblicato

il

Non riesco a trovare le parole per esprimere il dolore profondo per la scomparsa di Franco Biondi Santi il grande Signore del Brunello.
Con lui se ne vanno un’idea nobile ed eroica del grande vino di Montalcino assolutamente irripetibile. Se ne va un autentico galantuomo e un simbolo. Ogni parola ora e’ inutile e vana. Restano tanti ricordi indelebili vini di assoluta grandezza e un esempio fulgido di dedizione alla causa del Sangiovese di Montalcino.
Ora e’ il momento del silenzio e del dolore per la scomparsa di un grande italiano prima ancora che produttore esemplare.
Che la terra ti sia lieve Franco riposa in pace e proteggi il Greppo Montalcino e il tuo Brunello

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Roberto Morelli

    08/04/2013 at 03:15

    Non ci sono parole. Tanta tristezza, ma anche la speranza, di più la certezza, che il suo esempio sia seguito da tanti giovani. Mai come in questi anni bui per l’Italia (non solo enologica) si sente il bisogno di una figura ed un esempio come Franco Biondi Santi.
    Condoglianze alla famiglia.

  2. Lino c.

    08/04/2013 at 06:30

    se si può essere figlio di un ambiente, Lui lo era a pieno titolo, con radici più
    profonde delle Sue vigne di Sangiovese al Greppo. Ricordo per me indelebile.

  3. Mario Gagliardi

    08/04/2013 at 18:27

    Egregio Ziliani, buonasera. Purtoppo , è venuto a mancare un’altro pilastro del grande mondo del vino. Per i suoi nettari, mi viene in mente solo una parola: Monumentali. Ha ragione lei, é il momento del silenzio.

  4. silvana biasutti

    10/04/2013 at 22:11

    Guardo la foto che hai messo, di Lui nel suo viale e mi viene da sorridere… Ieri al suo funerale, oltre ai volti noti delle istituzioni, del mondo enoico (molti a Verona, ma anche molti rappresentati in modo che mi è parso non solo formale), oltre alla più stretta cerchia famigliare e amicale, c’era anche tanta gente che ha visto in lui un simbolo di un modo di essere molto rispettabile e non spocchioso. E di questi tempi così difficili e pericolosi era uno a cui guardare: perché la forma non è solo un aspetto superficiale. Sì, bisognerà proprio “Bere (la bottiglia giusta) per Non Dimenticare”. Per non dimenticarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy