Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Mon coeur mis a nu...

Ingenuo sempre nonostante i prossimi 56 anni..

Pubblicato

il

Nonostante i prossimi 56 anni mi accorgo che continuo ad essere un ingenuo e che non ho ancora imparato dalla vita a comportarmi e ad evitare di farmi del male. Cosa ci volete fare, sono fatto così e non cambierò mai… Mi è così capitato qualche giorno fa, trovandomi a transitare dopo molti mesi nella zona dove vive e opera una persona che, usiamo un eufemismo, mi ha clamorosamente sorpreso e deluso, e ferito, con il suo comportamento nei miei confronti, un comportamento non certo da amico quale, da perfetto stupido, lo consideravo, di pensare a questa persona. A come mi sia sentito tradito per il suo modo di fare che non mi sarei mai aspettato.
E così, stupidamente, avendo chissà perché conservato ancora in memoria il suo numero di cellulare, nonostante sia uscito dalla mia vita e con lui non abbia più nulla a che fare, né preveda di potermi nuovamente rapportare in futuro, ho pensato, solo per esternargli quello che sentivo, il pensiero che mi coglieva passando dalle sue parti, di mandargli questo sms: “Fa un certo effetto passare nella tua zona e pensare che qui una volta pensavo di avere un vero amico… Peccato!”.
Non pensavo che la persona in oggetto avrebbe risposto e forse, in cuor mio, ingenuo e allocco come sono, mi illudevo che l’esternazione del mio rammarico avrebbe potuto in qualche modo colpirla e indurla magari, anche se non avremo più nulla a che fare e i nostri rapporti non potranno mai tornare quelli che erano in passato (un’amicizia tradita non si recupera…) ad esternare analogo dispiacere.
Emerito pirla che non sono altro! Ho ricevuto, non senza sorpresa, una risposta, ma dai toni molti diversi da quelli che mi sarei aspettato. L’sms ricevuto, secco, come pochi, scritto con la consapevolezza e la volontà di ferirmi, diceva: “Io invece passo spesso da Bergamo senza particolari emozioni o turbamenti! Chissà perché?”.
Non voglio perdermi a commentare questa frase o l’intenzione che l’ha animata. Sono un eterno ingenuo, che si consola, ricorrendo ad un pensiero del grande enciclopedista francese Montesquieu, illudendomi che “di solito coloro che hanno un grande spirito l’hanno ingenuo”, oppure ripetendomi, con Arturo Graf, che “l’ingenuità è una forza che gli astuti hanno torto di disprezzare”.
Inutile dirmi, dopo aver ricevuto la stilettata, e aver consentito a quella persona di ferirmi nuovamente con la sua cattiveria, che sono stato un fesso, che quell’sms avrei potuto risparmiarmelo, che l’esternazione di quel sentimento di rammarico, per un’amicizia perduta, avrei potuto tenermela per me.
Sono fatto così, resto ingenuo e disarmato nonostante il trascorrere degli anni. Dalla vita, dalle lezioni della vita, non imparerò mai a comportarmi… Buon ferragosto a tutti…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Carlo Merolli

    13/08/2012 at 11:16

    L’uso di “una volta” il tempo imperfetto ed il “peccato”(:”…… pensare che qui una volta pensavo di avere un vero amico… Peccato!”) non é che tendano molte mani o aprano molte porte. Magari cosi´ era la tua intenzione ma come invito ad una rinnovata cordialitá, se non amicizia, credo sia oggettivamente un po´ chiuso. Tieniti cara la tua ingenuitá, che é valore positivo, ma magari la prossima volta scrivi “Passo dalle tue parti e mi farebbe piacere bere un bicchiere con te.” Forse, forse la reazione potrebbe essere differente.

    • franco ziliani

      13/08/2012 at 11:24

      caro Carlo, la prossima volta che passerò da quelle parti mi guarderò bene dall’inviare qualsivoglia messaggio a quella persona. Anche perché ho cancellato – a cosa potrebbe servirmi mai? – il suo numero dalla memoria del cellulare…

  2. Giulia

    13/08/2012 at 11:20

    Ziliani una persona squallida come quella che ha risposto in quel modo al suo sms non merita che lei si crucci più di tanto per il suo modo di fare.
    Chiunque possa essere, ci metta una pietra sopra e dimentichi e cancelli il suo numero di telefono dalla rubrica del cellulare!
    Buon ferragosto e sia sereno

  3. Oscar

    13/08/2012 at 11:21

    ammazza che str…o quel tipo! Non si curi di lui e che vada a quel paese con la sua arroganza e la sua totale mancanza di sensibilità quel tipo!

  4. marisa

    13/08/2012 at 13:26

    Mi perdoni Sig Ziliani, se l’he cercata la risposta a nche se maleducata, da quello che scrive Lei, era uscito dalla sua vita…..quindi avrebbe potuto farene a meno!

    • franco ziliani

      13/08/2012 at 13:57

      certo che avrei potuto, ha ragione, ma ingenuo come sono ho pensato che esternare il mio forte rammarico per la fine di un rapporto che pensavo erroneamente di amicizia non fosse nulla di male,anzi…

  5. Silvana Biasutti

    13/08/2012 at 19:55

    Qualche volta succede di provare a ‘pecettare’ qualcosa che si è rotto, ma non è da ingenui. Ingenui sono quelli con cui ‘ci riprovi’: e puoi intuire perché.
    Buon Ferragosto.

  6. Sara

    13/08/2012 at 21:42

    Certo, razionalmente avrebbe potuto evitare di scrivere un messaggio del genere, anche perché è ovvio che non ci si possa aspettare comprensione da una persona che ne ferisce consapevolmente un’altra, tradendo la sua amicizia. Però, per fortuna, abbiamo anche un cuore, oltre alla ragione, un cuore che, anche se spesso ci fa vedere le cose un po’ distorte rispetto a come sono nella realtà ed è causa di tanti dispiaceri che la ragione ci eviterebbe, è un bene che ci sia. E’ quello che ci fa umani.

  7. Andrea Pagliantini

    13/08/2012 at 22:58

    Un rappresentante di prodotti per cantine mi ripeteva spesso:” Te fai un piacere a qualcuno e ti fai un nemico”.
    Lo prendevo in giro e gli rispondevo che chi semina bene spesso raccoglie e sulla mia pelle ho sperimentato che aveva ragione.
    Sono stato accoltellato alle spalle da chi aveva ricevuto a piene mani aiuto in vera amicizia con aiuto spontaneo senza pecunia.
    Coltellate dal punto di vista umano e professionale tirate come ovvio alle spalle perchè non si ha il coraggio di dirle in facciperchè hanno le fondamenta molli.
    Non sono un santo, ma nemmeno un mostro……… gli sguardi bassi di tanti personaggi quando li incrocio ne sono la prova……. ma preferisco dimenticarli e guardare oltre, non con prepotenza, ma con la stessa semplicità di sempre.
    Buon ferragosto Franco.

  8. Giancarlo

    14/08/2012 at 19:06

    Mi perdoni ma sono d’ accordo con il primo commento: mi sembra una rampogna più che un tentativo di riaggancirlo per ricordare i bei tempi che furono e magari riattivarli…Per la prossima volta consiglio una chiaccherata più che un SMS…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy