Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Mon coeur mis a nu...

La scomparsa di Aldo Conterno, grande uomo del vino di Langa

Pubblicato

il

Il mondo del Barolo, della Langa e del vino italiano e non solo piemontese piange oggi la scomparsa di un autentico protagonista, quella persona discreta, di poche parole che è stata Aldo Conterno, creatore dei Poderi Aldo Conterno di Monforte d’Alba nel 1969 quando si separò dal fratello Giovanni, lasciandogli la conduzione dell’azienda condotta dapprima dal nonno Giovanni e poi dal padre Giacomo.
Cosa siano stati i Barolo di Aldo Conterno, Romirasco, Cicala, Colonnello, e soprattutto il mitico Gran Bussia riserva prodotto solo nelle grandi annate e lasciato lungamente affinare, senza alcuna fretta, in cantina, è semplice dirlo.
Dei veri caposaldi della storia di questo grande vino, della cui identità storica, figlia di un rispetto non museale e polveroso della tradizione, Aldo fu sempre un tenace difensore.
Lo ricordo, insieme al fratello Giovanni, a Bartolo Mascarello, Teobaldo Cappellano, che già ci hanno lasciato volando nel cielo dei grandi uomini del vino, a Beppe Rinaldi e Mauro Mascarello, convinto difensore di una battaglia per il rispetto della personalità del Barolo, negli anni un po’ stravaganti dove si cercava di farlo diventare altra cosa, partecipante, 12 anni fa, era il 5 maggio del 2000, alla tavola rotonda dibattito, eravamo a casa di Bartolo a Barolo, chiamata Per l’amore del Barolo, organizzata insieme all’amico e collega Andreas März di Merum e il cui resoconto si può leggere, con qualche emozione, qui.
Un gran signore Aldo, una persona serena e di assoluta umanità, dall’eloquio quieto e sicuro di sé, che convinto che anche nelle aziende più importanti e segnate dalla presenza e dalla personalità del loro fondatore occorresse lasciare spazio alle nuove generazioni, già diversi anni fa decise di farsi da parte, perché a condurre i Poderi che portano il suo nome fossero i figli, Giacomo, Stefano e Franco.
Per chiunque l’abbia conosciuto una perdita gravissima e un dolore autentico, con la consapevolezza di come il mondo del vino e quello del Barolo in particolare stia cambiando e senza personaggi come Aldo, Barolo, Baldo, Giovanni non sarà più lo stesso.
Alla famiglia le condoglianze più sincere di questo blog e di tutti gli appassionati di vino.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. maurizio fava

    01/06/2012 at 13:52

    ho avuto l’onore di guidare una storica degustazione congiunta dei Barolo di Aldo e di Giovanni, al Salone del Gusto di Torino del 2002.
    Aldo e Giovanni erano presenti entrambi, ad illustrare il loro lavoro, e conservo gelosamente la foto di quel momento, io “forestiero” in mezzo a quella inconsueta riunione familiare.
    Ma ancor più gelosamente conserverò la forza della serenità contadina che entrambi spargevano, forse inconsapevoli, attorno a se’.
    R.I.P.

  2. tom hyland

    01/06/2012 at 13:53

    A nice tribute to a wonderful man. His brilliant Barolos, wines that represent the soul of Monforte d’Alba, live on through the work of his sons.

  3. Pingback: Aldo Conterno, remembrances and my visit to Bussia « Do Bianchi

  4. lino - c.

    01/06/2012 at 16:30

    non vorrei dire abusato ma, è facilmente espresso il pensiero che:

    Ogni individuo è, un universo. Per Aldo Conterno, è centrato e perfetto.

    Unico nel pensiero,nel fare e dell’agire,una moralità ed un rigore senza pari.

    Un’altra testimonianza storica che ci lascia, ma non senza la Sua traccia.

  5. Rino

    03/06/2012 at 11:25

    Le mie piu` sentite condoglianze alla famiglia,
    ci ha lasciati un Grande Piemontese,
    che dire, grazie per le emozioni che non dimentichero` mai.
    RB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy