Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Blogosfera

Crea il logo per vino al vino: diverse soluzioni, un solo vincitore

Pubblicato

il


Qualcuno si sarà anche chiesto, in questi mesi trascorsi da inizio febbraio, quando avevo annunciato e lanciato l’idea, che fine avesse fatto il “contest”, ovvero il concorso di idee rivolto ai lettori di questo blog, per ideare il logo di Vino al vino. Qualcosa, come scrivevo, che possa diventarne un simbolo grafico in grado di essere facilmente memorizzato.
Non ho rinunciato al progetto, ma altre priorità, altri impegni, dal punto di vista umano e professionale, mi hanno tenuto impegnato.
Ma se io ho taciuto, occupato a trovare il bandolo della mia matassa, voi invece non avete dormito e in ordine sparso mi sono arrivate quasi trenta diverse soluzioni.
Alcune belle, altre meno, alcune convincenti, in linea con quanto proponevo, altre un po’ fuori tema o comunque non perfettamente messe a fuoco.
Ho comunque apprezzato e colgo l’occasione per ringraziare sentitamente ora tutti per l’impegno profuso, la buona volontà, il desiderio di partecipare a quello che in fondo resta un gioco.
Alla fine ho selezionato una decina di soggetti e tra questi ho già chiara l’idea di quale sia il logo che più mi convince e che tra qualche tempo, quando finalmente mi accingerò al restyling del blog, caratterizzerà con il suo segno grafico il rinnovato Vino al vino.
E in questo giorno un po’ particolare e magico che è, oggi, il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno, ho pensato di presentarvi i loghi che più mi hanno convinto, invitandovi, se vorrete, a dire la vostra e ad indicare, se la cosa vi diverte, quale sia la soluzione che potendo scegliere adottereste.
Poi, tra qualche tempo vi dirò quale sia stato il logo che ho scelto. Per il momento non aggiungo una sola parola sugli autori dei loghi che propongo, facendoli precedere da un numero e da una semplice indicazione, in seguito fornirò le debite notizie sull’autore del logo vincitore. Buona visione!

numero 1

numero 2

numero 3

numero 4

numero 5

numero 6

numero 7

numero 8

numero 9

numero 10

numero 11

numero 12

 

 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Stefano

    21/06/2011 at 16:00

    Per quello che può valere la mia opinione, i miei preferiti sono: 1-8-9-10-12

    Ciao

  2. Daniele

    21/06/2011 at 16:10

    numero 1!!

  3. Simone F

    21/06/2011 at 16:49

    Per me il migliore sarebbe il numero 12 ma con sfondo nero (sul mio laptop lo vedo marrone scuro), altrimenti il 10. In bocca al lupo per il progetto!

  4. Alessandro Marra

    21/06/2011 at 17:32

    Bè, quello che preferisco è il primo!

  5. silvana

    21/06/2011 at 17:38

    E viva il solstizio d’estate: un giorno magico, un giorno speciale.
    Mi dicono che se uno viene evocato nelle prime ore del solstizio d’estate, gli si conferiscono ‘poteri’ speciali. Chissà: è una vecchia leggenda celtica, magari piacerebbe al Bossi!

    E invece qui VinoalVino si manifesta con intenzioni di rinnovamento: quando il lieto evento?
    Credo di sospettare su quale logo cadrà la tua scelta; a me ne piacciono più d’uno.Ma non quelli con la spirale da cavatappi, per ovvi motivi!

  6. marcello

    21/06/2011 at 20:14

    Sono belli questi logo…ma a me piacerebbe riuscire a trovartene uno più inserito nel tuo modo di vedere il vino ed il territorio. Tu hai una personalità più spiccata e più centrata sul reale mondo del vino ed io privo di fantasia , non riesco ad inventarmi niente…forse un disegno di Bartolo Mascarello abbinato al tuo blog sarebbe più centrato. Ciao Marcello

  7. carolina

    21/06/2011 at 20:37

    sarò troppo pretenziosa ma non me ne piace nessuno…

  8. Andrea Pagliantini

    21/06/2011 at 22:20

    Il sei Franco, il sei, è il tema meno rituale, statico e insieme più fresco, elegante, brioso ma sobrio e franco del lotto in questione.

  9. Enrico Rivetto

    21/06/2011 at 23:11

    NO DOUBT, NUMERO 1

  10. Attilio Alfino

    22/06/2011 at 01:17

    n° QUATTRO

    mi sembra rivestire meglio la parte del logo 😉 piccolo ma con significato!

  11. priora

    22/06/2011 at 07:51

    ma!!!!
    Nessuno

  12. Emanuele

    22/06/2011 at 08:16

    numero 1 nettamente!

  13. Stefano Menti

    22/06/2011 at 09:20

    A me piacciono i primi due.

  14. Fiorenzo Sartore

    22/06/2011 at 10:16

    direi proprio nr. 1. i numeri 11 e 12 sembravano vagamente “gambero rosso” mood…

  15. Paolo Boldrini

    22/06/2011 at 10:21

    Il mio parere: 1 – 2 – 8

  16. Fabrizio Vicari

    22/06/2011 at 11:04

    Il numero 6 ed il numero 8…

  17. Gaetano

    22/06/2011 at 11:21

    Di gran lunga 11 0 12!

  18. Sara

    22/06/2011 at 11:51

    Il sette mi ricorda il logo mondadori, mentre 11 e 12 belli ma troppo “intravino” direi.
    Voto 1 e 2
    Sara

    • Franco Ziliani

      22/06/2011 at 11:52

      grazie per il tuo contributo Sara! Mi ha fatto piacere averti incontrato in occasione di Radici del Sud

  19. silvana

    22/06/2011 at 12:20

    LI ho riguardati: anch’io voto per il n°1.
    Perché c’è la nota facciona, e personalizzare è tutto!

    • Franco Ziliani

      22/06/2011 at 12:30

      é una bella soluzione la numero uno, ma escludo di volerci ulteriormente mettere la faccia. Credo di farlo già abbastanza con quello che scrivo, no?

  20. Carla

    22/06/2011 at 13:55

    a me convincono, per la loro linearità ed eleganza, le tre versioni della stessa soluzione, n°3-4-5, con una preferenza per la numero 3 e la numero 4

  21. Marcello

    22/06/2011 at 13:58

    io sceglierei la numero 6 e la numero 10. Escludo la numero 9 e trovo molto fini le soluzioni n° 3 e 4

  22. Roberto Vigna

    22/06/2011 at 14:01

    Il numero 2, con meno sfondo e colori più attraenti e decisi.

  23. Francesco

    22/06/2011 at 16:42

    il 6, perchè da queste parti, se del caso, si il bicchiere lo si rovescia!

  24. roberto m moschella

    23/06/2011 at 01:01

    non trovo nessuno sufficentemente caratterizzante, evocativo e convincente. Converrebbe aspettare ulteriori idee?

    • Franco Ziliani

      24/06/2011 at 12:41

      non aspetterò ulteriori idee. Uno di questi loghi mi ha convinto senza se e senza ma e presto vi dirò qual’é…

  25. lino - c.

    23/06/2011 at 06:00

    N° 6 scatena la fantasia,fa riflettere,intrigante.

    N°12 l’essenza,non stancherà nemmeno con il tempo.

    Questo è il mio contributo,o se preferito,parere.

  26. nilo

    23/06/2011 at 07:57

    troppo scontati….ce ne vorrebbe uno meno retorico……piu intrigante!!!!
    nilo

  27. mario

    23/06/2011 at 22:36

    …il sei è più ”vivace”…nel dieci ..”ci sono anche le SUE bollicine”..

  28. nilo

    24/06/2011 at 16:50

    MA ALLORA NON POTEVI DECIDER TU SENZA………..

    • Franco Ziliani

      24/06/2011 at 17:13

      come ho detto deciderò io ma volevo mostrare ai lettori del blog i loghi che più mi erano piaciuti

  29. Diego Pettenon

    24/06/2011 at 23:27

    In ordine di preferenza direi: 1 – 2 – 6

  30. paolo

    25/06/2011 at 17:23

    Io voto per il numero uno.

  31. Nicola

    06/07/2011 at 14:50

    Per me il 2 o il 3.
    Altri belli somigliano ad altri esistenti.
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy