Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Interrogativi

Quali destinatari per questo SMS? Messaggi su e per Montalcino e dintorni…

Pubblicato

il

Misteri della telefonia. Capita a volte di ricevere per sbaglio sul proprio cellulare un sms inviato ad altri e questa cosa è capitata a me oggi verso le 17.30.
Non so a chi questo messaggio fosse indirizzato, ma sicuramente il destinatario era qualcuno del mondo del vino. Resta il fatto che questo SMS mi ha incuriosito, al punto che ho pensato di sottoporlo alla vostra attenzione perché mi aiutiate a capire.
Il testo, credo preceduto da una specie di titolo, Comunicazioni disturbate, testualmente diceva: “In questi ultimi anni, a volte, accade che certa stampa specializzata si accorga che esiste il territorio del Brunello e vi “innesti” polemiche strumentali.
Ora, niente di male a sostenere le proprie idee personali. Senonché, troppo spesso, le idee personali non sono una chiave di lettura dei fatti ma, al contrario, i fatti sono il pretesto per affermare le proprie idee. E questo porta alla strumentalizzazione, appunto, del territorio di Montalcino.
Porta a “tirare per la giacca” alcuni degli attori di quel territorio, che – a volte – si lasciano strumentalizzare, e c’è da chiedersi perché.
Si può pensare alla sete di successo individuale o all’invidia nei confronti di colleghi. E sarebbe un male. Ma se questo nascondesse l’incapacità di prendere decisioni sul futuro del territorio sarebbe anche peggio”.
Le domande che pone questo messaggino inviato a nuora perché suocera intenda sono molteplici:
Chi è il mittente?
Chi sarebbe la “stampa specializzata” che parlando di Brunello e di Montalcino “innesta” (forse volevano scrivere innesca… ma un errorino digitando un sms è sempre possibile) “polemiche strumentali”?
Chi sono gli autori delle strumentalizzazioni “del territorio di Montalcino”? Chi sono i produttori che vengono “tirati per la giacca” e perché si lasciano tirare e da chi?
E quali sarebbero questi produttori che per pura “invidia nei confronti dei colleghi” si lasciano tirare per la giacca e strumentalizzare e non sono capaci di “prendere decisioni sul futuro del territorio” ilcinese?
Tutti interrogativi che, accidenti, rischiano di rimanere senza risposta. Per colpa di un Sms che io ho ricevuto per sbaglio e che il misterioso mittente avrebbe voluto indirizzare a chissà chi…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. GIAMPIERO PEZZUTI

    01/03/2011 at 21:40

    Ma non sarà che, in questo momento, c’è un pò troppo di
    ”montalcinocentrismo”?
    Con tutto il rispetto, parliamo un pò anche d’altro.

    • Franco Ziliani

      01/03/2011 at 22:03

      caro Giampiero, con tutto quello che é successo nel celebre borgo senese dal 2008 in poi, non é mai abbastanza parlare di Montalcino, tenere alta la tensione su quello che accade laggiù..

  2. CavoloVerde Athos

    01/03/2011 at 23:03

    No no Franco, quel messaggio era proprio per te 😀 forse ne avranno mandati 2 o 3
    maremma…

  3. Francesco d'Elia

    02/03/2011 at 07:47

    Si.. Forse non era un errore.. Adesso che si cominciano anche ad ambientare gialli a Montalcino ci sarebbe da preoccuparsi.. O no..?

  4. enzo

    02/03/2011 at 08:05

    sono d’accordo con Giampiero… Il troppo stroppia! Solo polemiche e gossip…il vino merita altro prima che scappi completamente di mano a chi lo fa e a chi lo beve…

    • Franco Ziliani

      02/03/2011 at 08:36

      “gossip” un bel par de ciufoli! Qui c’é qualcuno che accusa settori dell’informazione specializzata sul vino di “strumentalizzare” i produttori di Montalcino e li accusa di farsi tirare per la giacchetta e di essere incapaci di decidere del proprio destino. Gossip questo? Ma per favore!

  5. GIAMPIERO PEZZUTI

    02/03/2011 at 08:07

    Si ho capito che bisogna tenere alta la tensione,ma mi chiedo
    se questa situazione perenne guelfi/ghibellini giova veramente
    agli esiti commerciali del prodotto.

    E poi esistono talmente tante altre zone degne di attenzione
    (come si dice..”lei mi insegna”):Il Friuli,l’Oltrepò Pavese,le Marche, l’Etna..
    Un pò di federalismo enologico!

    • Franco Ziliani

      02/03/2011 at 08:35

      Giampiero, la “road map” degli argomenti da trattare su Vino al vino, trattandosi del mio blog la decido io…

  6. Silvana Biasutti

    02/03/2011 at 11:40

    A proposito di “gialli” a Montalcino, gentile Francesco d’Elia@, mi viene in mente il titolo di un librino francese (un repertorio): “La réalité dépasse la fiction”!

  7. enzo

    02/03/2011 at 18:08

    la risposta a Giampiero non è molto simpatica… E’ vietato cercare di dare suggerimenti? Allora siamo proprio nel gossip odierno… una specie di regime: parola a tutti, ma basta che seguano le regole del capo! E se nessuno venisse più a commentare? Che senso avrebbe un blog? O mi sono perso qualcosa? Ripeto anch’io: Moltalcino non è il vino… è solo uno dei tanti vini e se vi sono rancori e asti personali, si possono risolvere in altra sede e non in un blog dove -teroricamente- uno può essere favorevole e contrario… Oppure, come in TV, bisogna parlare solo di catastrofi o crearne sempre di nuove? Se no manca l’audience? Ma per favore! (copio e incollo da suo “gentile” e “civile” commento precedente.

    • Franco Ziliani

      02/03/2011 at 18:12

      Enzo, nessun regime, ma ci tengo a dettare io la road map dei temi. E in questo momento, mi creda, é importante stare “con il fiato sul collo” su Montalcino. Ed i suoi produttori. Vedrà che tra breve magari mi obietterà che mi occupo troppo dell’amato Barolo…
      Torni a commentare, i suoi commenti sono sempre graditi

  8. Silvana Biasutti

    02/03/2011 at 18:54

    Quoto enzo@ per la tua risposta a Giampiero (mi ha fatto venire in mente Casablanca).
    Ma son d’accordo con te su taante altre cose.

    • Franco Ziliani

      02/03/2011 at 18:57

      va bene, faccio pubblica ammenda. La mia risposta all’amico Giampiero (che si occupa molto efficacemente di difendere i colori di una delle più belle realtà ilcinesi) non é stata un capolavoro di simpatia… 🙁

  9. enzo

    02/03/2011 at 18:55

    va bene…mi fido…

  10. enzo

    03/03/2011 at 05:12

    ma dove cavolo si prendono i faccini? a volte servono per far capire se la risposta è ironica o veritiera o altre mille sfumature. Scusate, sono imbranato ma non li trovo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy