Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Degustazioni

Trasferta all’Elba. Ma non sarà… un esilio…

Pubblicato

il

Trasferta molto particolare quella che mi aspetta nei prossimi giorni da oggi, giovedì 29 ottobre, reduce dalla Serata Barolo in quel di Prato, con ritorno il primo novembre.
Invece di andarci nel periodo in cui è più frequentata, da turisti di tutto il mondo, scenderò ora, in questo autunno che ormai annuncia l’inverno, all’Isola d’Elba, la più grande delle isole dell’Arcipelago Toscano.
Una full immersion di quasi tre giorni per poter fare, grazie alla collaborazione del Consorzio che tutela i vini dell’isola, che rappresenta quasi il 70% dell’uva D.O.C. prodotta e vinificata sull’isola (6.991 quintali nel 98, pari a 4.518 hl), un’ampia degustazione dei vini delle aziende associate e per una serie di visite ad alcune delle aziende più rappresentative, Acquabona, Arrighi, Fattoria Le Ripalte, La Chiusa, Sapereta, Montefabbrello, Le Sughere, per citare solo quelle dove avrò il piacere di recarmi.

Una piccola produzione, con solo 125 iscritti all’Albo per le varie D.O.C., che prevedono vini bianchi (con il particolare rilievo di quelli derivati dall’Ansonica) rosati, rossi (in larga parte da Sangiovese) e poi vini dolci come Moscato ed il classico Aleatico.
Sono molto curioso di questo primo contatto con l’Isola dove Napoleone Bonaparte fu esiliato tra il 1814 ed il 1815, dell’incontro con i suoi vini e con i vignaioli eroici che stanno dandosi tanto da fare per risollevare l’antica tradizione vitivinicola isolana…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. riccardo passoni

    29/10/2010 at 13:26

    Come è dura la vita del giornalista enoico!!! Grande Franco continua cosi.

  2. armando

    30/10/2010 at 09:19

    Che dire Franco, aspettiamo l’esito delle tue degustazioni.

  3. max

    08/11/2010 at 10:42

    caro Franco, spero che nonostante non l’abbia vista tra i nomi citati, non abbia mancato di far visita anche a La Cecilia, che da frequentatore dell’isola da 30 anni e da appassionato di vino, non posso che ritenere di gran lunga la migliore azienda dell’isola per la qualità media di tutti i suoi vini, ansonica, vermentino e syrah in particolare, che a mio parere non sfigurano nelle recenti annate nemmeno in confronti che travalichino i confini isolani.
    saluti

    • Franco Ziliani

      08/11/2010 at 10:47

      non sono riuscito a far visita all’azienda Cecilia, ma ho molto apprezzato in degustazione il suo Moscato ed il suo Aleatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy