Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enovarie

Michael Edwards ci propone i suoi Finest wines of Champagne

Pubblicato

il

Ne abbiamo sentite di cotte e di crude sullo Champagne, in questi ultimi mesi, non solo in merito alla sua “crisi”, al calo di vendite registrato nel corso del 2009 un po’ su tutti i mercati, ma per accennare a presunte “guerre” che vedrebbero lo Champagne “sorpassato” da vini, con le bollicine, che non hanno un briciolo della nobiltà, della storia, del fascino e della grandezza dei vini di Reims ed Epernay.
Così tante, e spesso assurde, che penso valga proprio la pena di tornare a parlare della Champagne e dei suoi magnifici vini, per conoscere meglio le loro caratteristiche, le migliori cuvées, e per fare un viaggio immaginario in questa splendida regione.
Per farlo, vi consiglio di leggere – e soprattutto di procurarvi il libro di cui stiamo parlando, The finest wines of Champagne – l’intervista, che trovate qui, sul sito Internet dell’A.I.S., al freelance wine e food writer e wine blogger Michael Edwards, uno specialista della Champagne, cui ha già dedicato altri due libri, tra cui The Champagne Companion (vincitore del Prix Lanson) e la Pocket Champagne guide, a suo tempo pubblicata con il titolo di Champagne e spumanti di tutto il mondo da Rosenberg & Sellier, e collaboratore di The World of Fine Wines, Harpers, Drink Business e altre testate.
The Finest wines of Champagne. A guide to the best cuvées, houses and growers é pubblicato, per la serie delle Fine Wine Editions emanazione della rivista The World of Fine Wine in coedizione tra la londinese Aurum e University of California Press.
Un libro bellissimo, arricchito dallo splendido corredo fotografico opera di Jon Wyand che potete acquistare on line qui e qui, che, presenta la regione, le sue caratteristiche, la sua lunga storia, e propone una serie di ritratti ragionati di 100 Maison de Champagne, grandi e piccole, celeberrime e meno note, ma da scoprire.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Francesco

    04/03/2010 at 16:06

    libro bello e ben fatto, grande corredo iconografico. Lo stile però, IMHO, è un po’ troppo…didscalico; per intendersi, la scrittura di Nicolas Belfrage (mi riferisco al libro sui toscanbi) è decisamente più brillante e ricca di sfumature e coloriture, questo , sin dove sono arrivato, è bello ma più ..freddino. Sarà il clima della marne?
    comunque consigliabilissimo
    saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy