Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Libiam nei lieti calici

Brunello di Montalcino 2005: i miei migliori assaggi del Benvenuto Brunello

Pubblicato

il

Non ho mai pensato di voler parlare dei Brunello 2005 degustati a Montalcino nel corso dell’anteprima del Benvenuto Brunello limitandomi a segnalarvi, come ho fatto qui e poi ancora qui,  una serie di vini, non presenti alla vetrina istituzionale, ma che abbiamo potuto degustare presso l’Enoteca l’Osticcio.
Come promesso, ecco una serie di sintetiche note di degustazione dei vini che mi hanno maggiormente colpito redatte nei due giorni di assaggi a Montalcino.
Avrò modo di riassaggiare questi vini e soprattutto avranno modo di farlo gli appassionati che vi parteciperanno, il 29 marzo a Como, in occasione di una Serata Brunelloleggete qui – alla quale vi consiglio di iscrivervi, che abbiamo programmato con gli amici di A.I.S. Como.
Comincio subito dal tiro di vini che mi hanno maggiormente colpito, quelli di Gianni Brunelli, Il Colle e San Lorenzo.
Gianni Brunelli
Naso ben definito, fresco, elegante, con la fragranza e la freschezza tipiche del Sangiovese, aromi di macchia mediterranea, di viola, cuoio pepe e ginepro, con bella apertura, pulizia e nitida definizione.
Al gusto bella la succosità del frutto, una bella struttura ben definita tannino ben presente, grande freschezza e sapidità, con allungo preciso e carattere.
San Lorenzo

Bellissima dolcezza di espressione aromatica, con ciliegia nera, viola, sottobosco, una leggera speziatura, accenni minerali, di ginepro, alloro, macchia mediterranea. Bocca di buon impegno e consistenza, con frutto vivo e succoso, saldo corredo tannico e notevole stoffa.
Il Colle
Naso discreto e inizialmente poco appariscente che si apre su note selvatiche terrose con una bella definizione minerale e mentolata di notevole freschezza. Al gusto ottima materia, con salda struttura tannica e lunga persistenza precisa.
A seguire, decisamente validi anche questi, gli altri vini.
Canalicchio di Sopra
Grande vivacità e intensità di colore, naso, fresco, fragrante selvatico-floreale con note di sottobosco e mazzetto odoroso in evidenza. Al gusto spicca un bel frutto succoso, una salsa materia terrosa con importante corredo tannico e una buona lunghezza.
Col d’Orcia
Sostanza aromatica ben definita, con note di macchia mediterranea erbe aromatiche, ciliegia nera di notevole freschezza. Al gusto buona piacevolezza, grande equilibrio, una materia ricca e ben definita, con una certa sostanza e persistenza e un’acidità finale ben calibrata.
Tassi
Naso molto toscano, con frutta ben matura e tipiche note selvatiche in evidenza. La bocca è fresca, viva, succosa, non di grande ampiezza ma molto precisa con acidità che spinge e nerbo piacevole.
Fuligni
Naso caldo, fitto maturo, con una bella vena selvatica floreale. Bocca rotonda, equilibrata, con una buona succosità di frutto e una consistenza ricca e terrosa
Poggio dell’Aquila
Naso ricco espressivo, complesso e variegato, molto fragrante ed elegante con un mix floreal-fruttato e note di sottobosco di grande ampiezza. Al gusto è sapido, nervoso, incisivo con una bella vivacità e nerbo elegante, molto equilibrato, succoso, minerale con grande sale, manca un po’ di ampiezza ma davvero molto piacevole
L’Aietta
Grande vivacità cromatica, naso di bella personalità, mix di macchia mediterranea, grafite, tabacco, cuoio e accenni selvatici. Bocca di buona dolcezza e impegno, il vino si dispone lungo, pieno, persistente, con una bella sostanza terrosa minerale e un finale di notevole persistenza e precisione.
Lisini
Naso abbastanza espressivo, con una buona dolcezza di frutto succoso polputo e consistente che si conferma con coerenza e continuità anche al gusto, con una bella trama tannica e uno sviluppo interessante.
Le Macioche
Vino dalla buona fittezza aromatica, con frutta ben matura, striature minerali, accenni speziati e una leggera vena floreale. Al gusto una buona materia ricca, ben strutturata, con continuità e sviluppo, dinamismo e finale lungo.
P.S.
Sui Brunello 2005 ho espresso il mio parere anche in questa video intervista rilasciata a Dario Pettinelli di Italia Tv – vedete qui

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. ilconsumatore

    22/03/2010 at 13:17

    Ho avuto modo di assaggiare il Brunello de “IL Colle” – azienda che non conoscevo – e non posso che condividere il suo pensiero.

  2. Luciano

    22/03/2010 at 14:09

    Felice che il mio 2005 ti sia piaciuto, per me è una grandissima soddisfazione.
    Grazie

    • Franco Ziliani

      22/03/2010 at 14:10

      certo che mi é piaciuto, altrimenti non lo presenterei, con grande piacere, il prossimo 29 marzo in quel di Como. Ottimo vino Luciano, complimenti!

  3. Francesco Mulinari

    22/03/2010 at 14:58

    grazie sig Franco x aver nominato il mio vino, curioso a questo punto di conoscerla di persona. Uno scambio di opinioni fuori dal blog sarebbe interessante.buon lavoro

  4. Renato

    22/03/2010 at 18:33

    tutto qui quello che ha da segnalarci di buono tra tutti i vini che si é sciroppato per due giorni a Montalcino? Possibile che oltre a questa decina non ci siano altri vini da consigliare a noi appassionati di vino?

  5. Lucien

    22/03/2010 at 23:57

    quoto con Renato, dove sono i Poggio di Sotto, i Paradiso di Manfredi, i Soldera e i Fonterenza cioe’ i piu’ grandi interpreti di questo straordinario terroir?

    • Franco Ziliani

      23/03/2010 at 08:31

      Lucien, di Fonterenza ho già scritto, come di Pian dell’Orino e di Costanti, in un altro post, mentre le altre tre aziende che cita non hanno presentato i loro vini, come Giulio Salvioni, a Benvenuto Brunello e non ho avuto il tempo di andarli a degustare andando in pellegrinaggio cantina per cantina…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy