Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enovarie

Benvenuto Brunello (versione mini ma di classe) il 29 marzo a Como

Pubblicato

il

Non date loro dei “megalomani” se gli amici dell’A.I.S. di Como hanno pensato, per la serata dedicata al Brunello di Montalcino che si svolgerà lunedì 29 marzo a Como, di scegliere il titolo di “Benvenuto Brunello 2005”.
Sicuramente lo scenario, quello dell’elegantissimo Grand Hotel di Como che accoglierà le oltre cento persone che saranno presenti, com’è tradizione delle iniziative A.I.S. organizzate nella città lombarda, non sarà quello, a metà tra il Circo Barnum e la sagra di paese, della massima vetrina annuale riservata a quello che è tuttora uno dei più importanti e celebri vini italiani. Uno dei più mediatici.
Invece di centocinquanta e più vini (per limitarci solo alla versione annata) avremo “solo” nove Brunello annata 2005 in degustazione, ma vi assicuro, dopo aver assaggiato, insieme al mio amico Giorgio Rinaldi, tutti i 2005 presentati a Montalcino, che quelli che presenteremo a Como (su alcuni dei quali potete leggere qui e poi ancora qui, quello che ho già scritto) rappresentano in larga parte il meglio del meglio di quello che offre l’annata di Brunello ora in commercio.
Un’annata non grande, come ho diffusamente spiegato qui, non certo “l’annata del secolo” condizionata com’è stata da un andamento stagionale decisamente non favorevole e dalle piogge che hanno colpito la zona nel momento cruciale della vendemmia. Un’annata che è stata un’autentica “bischerata” o ad essere buoni l’ennesima ingenuità opera di un Consorzio che fortunatamente a maggio verrà rinnovato (e non solo a parole si spera) giudicare da “quattro stelle” quando invece sarebbe stato più giusto definire da tre stelle.
Non un’annata da lunga gittata, il cui meglio viene quando si è giocato in termini di freschezza, di piacevolezza di beva, di fragranza aromatica e non di concentrazione o potenza, anche se la componente tannica è molto presente in tutti i vini.

A Como, ad ogni modo, Giorgio Rinaldi ed io presenteremo i vini delle seguenti aziende (in rigoroso ordine alfabetico):
Canalicchio di Sopra
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Gorelli Le Potazzine
Il Colle
Lisini
San Lorenzo
Tassi
Se abitate in Lombardia o in Canton Ticino, se vi piace il Brunello, se volete farvi un’idea del livello di alcuni dei migliori 2005, se volete decidere quali vini acquistare e tenere, per qualche anno, in cantina o stappare già ora, beh, credo che il menu offerto dalla degustazione di lunedì prossimo sia veramente di quelli gustosi…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy