Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Libiam nei lieti calici

Salento bianco Igt Cré 2008 Vetrere. Della nouvelle vague bianchista in Puglia

Pubblicato

il

L’ho già scritto recentemente – qui ad esempio – e lo ribadisco, che cose nuove si agitano in terra pugliese e che accanto alla classica, consolidata, insuperabile vocazione rossista di questa magnifica regione, che si esprime in larghissima parte grazie ad una ricca serie di vitigni indigeni, va emergendo un’insospettabile, sino a qualche anno fa, e intrigante possibilità di fare bene e dire cose non banali anche sui vini bianchi.
Tra i protagonisti principali di questa nouvelle vague “bianchista” quel vitigno, recuperato, riscoperto, rivalorizzato e proposto all’attenzione dei più curiosi che corrisponde al nome di Fiano Minutolo.
Diverse le prove convincenti sinora offerte su quest’uva dall’inconfondibile vena aromatica, dal Rampone dell’azienda I Pastini di Lino Carparelli, che ha raggiunto sinora i livelli qualitativi più elevati, sino ai vini di Candido, Polvanera e altri.
Una bella prova, ed è la seconda annata che il vino mi convince totalmente, è quella fornita dall’annata 2008 di una vitale azienda tarantina, Vetrere, condotta dalle sorelle Anna Maria e Francesca Bruni, la prima agronoma, impegnata a seguire la produzione dalla vigna alla cantina, la seconda responsabile del marketing e della commercializzazione dei prodotti dell’azienda.
Il loro Fiano Minutolo, denominato Cré, Igt Salento, e dotato di una bella etichetta opera, come tutte le altre, di un grafico intelligente come Antonio Tomacelli mi è piaciuto senza se e senza ma.
Colore paglierino verdognolo traslucido, con vivaci riflessi metallici, si propone, sin dal primo impatto, con il suo naso caratteristico, intensamente aromatico, con agrumi candit, muschio, pesca noce e fiori bianchi, ed una vena speziata, di ginger, di rosa che ricorda vagamente il Gewürztraminer.
Il tutto in una cornice di bella fragranza e freschezza, con apprezzabile fittezza e un temperato calore (l’alcol, 13 gradi, è bilanciato) che rivela le origini mediterranee del vino.
Al gusto l’attacco è ben deciso, senza sdolcinature e cedimenti alla tentazione del giocare sul residuo zuccherino per sembrare più “grasso”, uno sviluppo di interessante dinamismo, con continuità, larghezza e persistenza (con un retrogusto che richiama la mandorla e ancora gli agrumi), ma con una freschezza, un nerbo, un’acidità ben rilevata, un’eleganza davvero apprezzabile e inconsueta in un bianco pugliese.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Eugenio

    19/02/2010 at 16:06

    Concordo pienamente. E conferma le sensazioni che ho avuto per le annate precedenti.
    Una azienda che è sempre piacevole incontrare nel bicchiere con i suoi prodotti e di persona con le sue titolari, con le quali allo scorso Vinitaly, tra l’altro, ho parlato dell’unica pecca che posso attribuire alla cantina e cioè la scarsa distribuzione dei prodotti al di fuori della Puglia.
    A Roma per esempio le enoteche che vendono Vetrère si contano sulle dita di una mano, anche se sempre con un ottimo rapporto qualità/prezzo.
    Un saluto

  2. fabio

    19/02/2010 at 16:15

    Franco, mi fa piacere apprezzi il Fiano Minutolo, gioco in casa. Ho avuto modo di scoprirlo anche io, ultimamente, sai: non è che fosse tanto conosciuto in Puglia! Gradisco molto quello di Candido e vedrò di reperire anche questo di Vetrere. Da parte mia, ti informo che ho dato vita a una nuova attività online che si chiama ThePuglia (sì, sono il Fabio di Vino24 ;), nella quale sto iniziando un viaggio alla scoperta della mia regione, anche e soprattutto alla ricerca delle tradizioni enogastronomiche. La prossima volta che vieni qui, visto che ci vieni spesso, ci si incontra.

  3. Paolo Bargelloni

    24/02/2010 at 19:05

    Complimenti a Vetrere. Recentemente sono stato ad una premiazione di imprenditori della provincia Jonica, e fra questi c’erano proprio i titolari di questa azienda.
    Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy