Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Libiam nei lieti calici

Bocoueil vin de table 2007 Priod: quando il vino “parla” in “patois”..

Pubblicato

il

Meriterebbero ognuno un racconto, anche quando i risultati (ed è successo di rado) non sono stati convincenti, gli ottanta vini circa, tutta farina del sacco dei vignerons aderenti all’assocazione dei Viticulteurs Encaveurs, da me assaggiati nel corso della lunga, faticosa, ma gratificante e mai noiosa degustazione fatta la scorsa settimana su in Vallée d’Aoste, ospite della sorprendente Maison Agricole D & D di Daniela Dellio, posta sulle alture sopra Aosta.
Tante le cose buone, alcune addirittura sorprendenti, trovate sia “en blanc” che “en rouge” tra i vini proposti da questi piccoli vignaioli, molti a part time, ma non certo “vignaioli della domenica”, che costituiscono, con 36 aderenti e circa 100 ettari controllati, una parte importante, qualitativamente qualificatissima della produzione di questa piccola, splendida regione, emblema, con la Valtellina, dell’eroica viticoltura di montagna.
Ci sarà tempo, su questo blog e sulla rivista dell’A.I.S. De Vinis, di raccontare quali cose splendide, per personalità, purezza aromatica, complessità del gusto, mi siano capitate, grazie alla perfetta organizzazione della mia degustazione, assicurata dal presidente dei Viticulteus Encaveurs, il simpatico Vincent Grosjean (a sua volta ottimo produttore), nel bicchiere. Voglio cominciare il resoconto, scusandomi anticipatamente se vi parlerò di un vino virtuale, prodotto solo in 1700 esemplari da un viticultore la cui principale attività è quella di medico chirurgo, e solo in seconda battuta di viticoltore, in Bassa Valle, nella zona di Issogne, sulla destra orografica della Dora Baltea allo sbocco del torrente Boccoueil, quindi area di produzione della Doc Arnad-Montjovet.
E per di più non un vino Doc, bensì un vin de table, la cui annata (2007) non figura sull’etichetta, dall’impostazione, nome dell’azienda in bianco su fascia nera, che ricorda quella di un celebre produttore di Langhe Nebbiolo…  Etichetta bianconera a parte, non c’è nulla che non mi convinca, anzi mi entusiasmi, nel “ruspante”, genuino, schietto Bocoueil di Fabrizio Priod, ottenuto da un mix di uve, Nebbiolo 30% quindi Merlot Barbera Dolcetto Freisa Cornalin, Mayolet e Neyret ottenuti da un vigneto di 3000 metri posto a 350 metri di altezza con esposizione sud est.
Vigneto, inutile dirlo, allevato con la forma della pergola tradizionale, con muretti a pietra, e condotto con metodologia rigorosamente naturale, senza impiego di insetticidi, diserbanti e concimi, usando esclusivamente letamazioni con stallatico maturo e trattamenti anticrittogamici con i metodi della lotta integrata previsti dalla normativa CEE 2078/92.
Un vino commovente e antico, realizzato con vinificazione tradizionale, con diraspatura in tini di legno, lasciando le vinacce a contatto con il mosto per circa due settimane a 27-30 gradi, nessuna chiarifica né filtrazione per evitare depositi in bottiglia, e poi affinato per 18 mesi in serbatoio inox, seguiti da un affinamento in bottiglia di altri dodici.
Un vero vin de terroir e vin de vignoble, che “fotografa” letteralmente ed è fedele alla situazione presente in vigna, dove le diverse varietà di uva coesistono a creare un unicum che non avrebbe alcun senso non rispettare. Non certo un vino “da degustazione”, ma vivaddio!, un vino pensato e vissuto per essere bevuto, gioiosamente, a tutto pasto, abbinandolo alla saporita cucina locale a base di salumi (lardo di Arnad in primis) e formaggi (fontina e tome) oppure carni di maiale, capretto, e fumanti gustose zuppe. Un vino che mi ha dato allegria e piacere e fatto pensare, con i suoi 12 gradi e mezzo, il suo parlare valdotain, o meglio, il classico patois o patoué, che c’è ancora possibilità di salvezza e che la si può trovare lassù nella Vallée, ad una noiosa, grigia e piatta omologazione del gusto, a vini tutti uguali che non esprimono il senso dell’origine e che non accendono emozioni.
Che vino vero, autentico, godibile e ben riuscito, con il suo colore rosso rubino vivo, brillante di grande luminosità, il suo naso molto personale, ciliegioso, con note selvatiche di alloro liquirizia sottobosco e una leggera nota pepata intrigante, con una leggera vena di mandorla, e la bocca dominata da un tannino presente ma non rigido, il suo gusto di bella ampiezza, con una materia prima scalpitante e nervosa, uno spiccato carattere terroso e una calibrata, naturale acidità che spinge, il tutto in una cornice di freschezza, sapidità, naturale energia, con un bel finale lungo, persistente e pieno di sapore!
Un vino che potrete provare a procurarvi contattando Fabrizio Priod a questo indirizzo di posta elettronica o telefonandogli allo 0125 929515, e che una volta stappato non vedrà mai la bottiglia restare malinconicamente semipiena sulla tavola…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Antonio

    02/02/2010 at 12:33

    Che stonatura però tutto quel francese in etichetta….

    • Franco Ziliani

      03/02/2010 at 12:17

      stonatura? Ma siamo in Vallée d’Aoste ed é normale che il francese venga utilizzato! Non vi stupite per il Blauburgunder ed il Vernatsch sulle etichette dei vini dell’Alto Adige, pardon Sud Tirolo, non stupitevi per questa dicitura in francese!

  2. Lucien

    03/02/2010 at 18:34

    Mi associo a Franco, forse l’amico Antonio non sa che in Vallée abbiamo il bilinguismo.

    ps Ho appena sentito Fabrizio (Priod) non aveva ancora visto il post, gli ho girato il link..

    • Franco Ziliani

      03/02/2010 at 18:36

      Lucien, mi puoi fare avere via mail l’indirizzo di posta elettronica di Priod? Ne ho uno, ma il messaggio che gli ho mandato é tornato indietro, segno che si tratta di un indirizzo errato…

  3. Fabrizio PRIOD

    04/02/2010 at 17:13

    Potete contattarmi direttamente al cellulare (335 7401970) oppure all’indirizzo di posta elettronica “fabriziopriod@alice.it”.
    Grazie.
    Fabrizio PRIOD

  4. Pingback: Vino in valle: così bello che avrei voluto scriverlo io | Blog di Vino al Vino

  5. Pingback: Vino in valle: così bello che avrei voluto scriverlo io | OpenDrink

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy