Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enovarie

Cattive vibrazioni per il derby di stasera…

Pubblicato

il

No, non sto mettendo le mani avanti, né fingo, scaramanticamente, di essere preoccupato, per il derby tra l’Inter e l’altra squadra di Milano (come si chiama?) di scena stasera allo stadio Meazza-San Siro.
Sento veramente cattive vibrazioni, bad feelings, per l’andamento della partita, cui noi arriviamo, anche se saldamente primi in classifica, acciaccati, con diversi importanti giocatori indisponibili o reduci da infortuni, in condizione atletica non ottimale, tuttora alla ricerca di quel “gioco” che lo Special One, alias José Mourinho, ha promesso.
Questo mentre loro, i cugini, quelli con la maglia rossonera, arrivano all’appuntamento carichi nel modo migliore, reduci da una lunga serie di convincenti vittorie, con uomini chiave ritrovati, entusiasmo, la “ferocia” giusta di chi sente di poter piombare sulla preda e raggiungere l’obiettivo di poter per ora ridurre le distanze e poi, giocata la partita che devono recuperare, con la Fiorentina, di poterci raggiungere al comando.

Merito di uno spirito di squadra, di un’unità, della sapienza di un neo allenatore, Leonardo, che si sta confermando persona di grande intelligenza, abile motivatore, comunicatore senza eccessi, insomma la persona giusta al posto giusto nel momento giusto.
Magari, lo spero tanto, mi sbaglierò, l’Inter é notoriamente pazza e dà il proprio meglio nelle difficoltà, e stasera magari sarò qui a gioire per un risultato positivo (io ad esempio firmerei per un pareggio, magari con molti gol), ma temo tanto che il risultato alla fine sarà ben diverso da quello illustrato da questa immagine che ho scelto per corredare le mie preoccupazioni di tifoso, di innamorato della Pazza e Magica Inter, alla vigilia di un appuntamento tanto importante…
Vorrei tanto dire, sportivamente, “vinca il migliore”, ma non vorrei, con questo, fare gli auguri ai cuginastri dell’altra squadra (come si chiama?) di Milano…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. max

    24/01/2010 at 10:58

    Franco .. trema . .trema … per stasera . prima dell’inizio del match ti consiglio una doppia magnum da berti in solitudine .. così annebbiato dai vapori dell’alcool .. avrai poca dimestichezza con la realtà e sopporteria meglio l’asfaltata che vi staremo dando .. FORZA MILAN !!!

    • Franco Ziliani

      24/01/2010 at 11:42

      calma Max, non si ecciti! Io l’ho scritto che sento cattive vibrazioni per la partita di stasera e sento che vincerà la seconda squadra di Milano: come si chiama?

  2. arnaldo

    24/01/2010 at 12:21

    E’ due settimane che dico ai miei amici milanisti che vinceranno il derby.Ma non so se lo dico per scaramanzia o perchè sono in grande fiducia.Ma vinceremo lo stesso lo scudetto.

    • Franco Ziliani

      24/01/2010 at 12:30

      io invece temo che se dovessimo perdere, come sento possa accadere, stasera, lo scudetto andrebbe all’altra squadra di Milano. Beh, c’é una consolazione, anzi un bel motivo per godere, pensare a cosa stia accadendo ai gobbi juventini, che passano di sconfitta in sconfitta.. Che goduria suprema! 🙂

  3. beniamino d'agostino

    24/01/2010 at 13:05

    Franco sai che sono un milanista atipico, sarei falso e bugiardo se non ti dicessi che mi piacerebbe restituire le 4 pappine e vedere, cosa che non accade da troppo tempo, come reagisce la truppa non più abituata ad avere il fiato sul collo.

    Ma ti garantisco scambierei la vittoria con un inter che torni ad essere una società “normale” con giocatori che non picchiano come fabbri, un allenatore che non si sbrana chiunque si ponga sulla sua strada ed un presidente che la smetta di dilapidarsi il patrimonio (salvo recuperare quotandosi l’azienda in borsa) comprando tre giocatori per ogni infortunato.
    Questa squadra è esattamente come la Juve di Moggi, fortissima, non ha bisogno di truccare le regole del gioco per vincere e se pure vincesse uno scudetto in meno non sarebbe un dramma.
    comunque come si dice in questi casi? ah AUGURI CUGINI, la squadra più titolata al mondo vi saluta.

    • Franco Ziliani

      24/01/2010 at 13:27

      Beniamino, ti va bene che la Puglia é lontana e che non posso raggiungerti, e che ti voglio bene come si vuole bene ai veri amici, altrimenti di fronte a questo autentico insulto, laddove farnetichi che l’Inter sarebbe “esattamente come la Juve di Moggi”, ti verrai a cercare armato di un nodoso randello. Ma cce’ dici? 🙂

  4. gianpaolo

    24/01/2010 at 13:14

    no, no, secondo me mette proprio le mani avanti 🙂 Vinca il migliore!

  5. alessandro

    24/01/2010 at 14:12

    Caro Franco,
    l’importante che anche con un centrocampo non all’altezza si mettano in campo gli zebedei non come visto a Barcellona, poi si può anche perdere ma vendendo cara la pelle!

  6. marilisa

    24/01/2010 at 17:22

    Si…………cattive vibrazioni….anche per me…………….come il gusto del vino TAVERNELLO………..eheeeeh!

  7. operatore newyorkese

    24/01/2010 at 19:04

    Beniamino e gli altri amici milanisti vi prego almeno per oggi parliamo con Franco di vino e non di
    pallone,poi vinca il migliore purche’ sia la squadra con la casacca rossonera.

    Salutoni a tutti da NY e Forza Milan

  8. Beniamino D'Agostino

    24/01/2010 at 19:09

    Leggi Bene amico mio, è esattamente come la Juve di Moggi, UNA SQUADRA FORTISSIMA, LA TUA INTER che non ha bisogno di “sognare” il risultato come faceva quell’elemento, ma non ha bisogno neppure di fare i piangina, ma hai letto le dichiarazioni di Oriali e l'”offeso” Moratti con Lippi che non è andato a trovare nientemeno che Santon (che forse non gioca titolare neppure dopo la moria di difensori) e Balotelli a cui lo stesso Mourinho da 0 in attitudine tattica!
    Franco siete davvero forti e lo dico senza ironia, avete un patron che si svenderà le mutande per vincere la Champions, BASTA FARE I PIANGINA ogni volta, siete stati abbondantemente risarciti. Basta! per questo dico che sono uguali!

    • Franco Ziliani

      24/01/2010 at 19:17

      guardati alle spalle Beniamino: sono già in viaggio, dotato di randello d’ordinanza, alla volta di Gravina!

  9. Simone e Zeta

    24/01/2010 at 19:49

    Che Meraviglia vedere che Suoerciuk iimpera anche nel tuo blog!!

  10. gian maria

    24/01/2010 at 21:20

    da buon juventino smaronato mi auguro perdano entrambe. non si puo? Peccato

  11. beniamino d'agostino

    24/01/2010 at 21:52

    vieni, ti accoglierò munito di un mazzo……di funghi cardoncelli. azzo però non fare il talebano potevi pure ammetterlo che le dichiarazioni di Oriali e Moratti erano fuori posto e sopra le righe!

  12. beniamino d'agostino

    25/01/2010 at 00:40

    vi va tutto dritto anche quando vi va tutto storto, menomale che c’è la champions, se no chi vi sente più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy