Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enovarie

Rosso Molino Igt Veneto 2007 Mulin di Mezzo

Pubblicato

il

Ho già segnalato in una precedente nota come una scoperta molto positiva fatta a Venezia, in occasione della mia partecipazione alla Biennale del Vino, organizzata dalla Strada dei Vini Doc Lison-Pramaggiore, un’eccellente scoperta in bianco, il Lison 2008 de Le Carline di Daniele Piccinin.
Oggi voglio brevemente segnalare alla vostra attenzione, per la serie vini dal grande rapporto prezzo-qualità, un rosso che mi ha francamente sorpreso, anche perché il costo dichiarato dal produttore, Paolo Lazzarin, conduttore dell’azienda con Silvana Battiston, è di sei euro.
Il che, trattandosi di un uvaggio bordolese del 2007, affinato in legno grande e prodotto in circa 5000 esemplari, è un elemento, nell’ottica del consumatore, da tenere in grande considerazione.
Non so molto di questo vino, prodotto dalla Tenuta Mulin di Mezzo di Annone Veneto (VE), se non che nasce da un mix di uve Cabernet (franc e sauvignon) e Merlot provenienti da vigneti a spalliera e con una resa dichiarata di 75 quintali ettaro, che per l’area della Doc Lison-Pramaggiore è una quantità decisamente bassa.
Ma questo Igt Veneto Rosso Molino, che Lazzarin produce ormai da anni, e che ha pensato in questo modo finendo, come spesso accade, per non essere profeta in patria, e passare un po’ per “stravagante” per questa sua decisa scelta qualitativa, è un vino, nella sua versione 2007, che ho degustato a Venezia, che non può di certo passare inosservato per la sua eleganza di fondo, l’equilibrio e la grande piacevolezza, per il bouquet ampio e suadente, di cospicua dolcezza e varietale quanto basta ma senza eccessi, per la stoffa vellutata, la morbidezza, la rotondità dei tannini che si fanno apprezzare al gusto, per la buona persistenza e ricchezza d’estrazione.
Un vino di sicuro garbo, pulizia esecutiva, personalità, del tutto lontano dai cliché che vorrebbero i rossi, soprattutto quelli a base Cabernet (franc in primis) e Merlot di questa zona segnati da una varietalità esuberante che si traduce in note verdi e vegetali ed in un tannino aggressivo. Niente di tutto questo, ma un bel rosso tutto da scoprire e da abbinare a piatti tipici della cucina locale come i petti d’anatra all’aceto balsamico, la faraona in salmì con polenta, il coniglio alla cacciatora oppure l’oca in umido con le verdure. Prosit!

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Gian

    04/12/2009 at 15:15

    Ho bevuto mesi fa il bianco 2006 … ancira vivo! Fresco e profumato… riportai il tutto in un forum di sapienti vinologi… non ebbi nemmeno una risposta (però il mio post fu letto centinaia di volte…) Grande Franco!

  2. Pingback: Notizie dai blog su Guidalberto Tenuta San Guido IGT Toscana 2007

  3. Actual

    30/06/2010 at 21:54

    In occasione di una serata in quel della provincia di Venezia, mi sono imbattuto nel Rosso Molino 2009 Tenuta Molin di Mezzo del Lazzarin Paolo.
    Non sono stato particolarmente colpito da questo vino, anche se in generale si è fatto bere… certo ho trovato il prezzo decisamente troppo alto: con lo stesso avrei potuto scegliere qualche rosso friulano che ritengo sicuramente superiore (mi riferisco sempre ad un uvaggio).

  4. giorgio

    17/10/2010 at 09:31

    ho visitato l’azienda Mulin di Mezzo a luglio 2010 ed ho trovato una grande ospitalità.
    Il Rosso molino 2007 mi ha fatto rivivere momenti bellissimi.
    Ho assaggiato in anteprima il 2009 che ho trovato fantastico. Purtroppo sara’ in distribuzione solo nel 2011
    Giorgio

  5. Laura

    20/08/2011 at 19:38

    Mulin di mezzo è stata una piacevole scoperta sia per i bianchi che per i rossi.
    Di regola visito sempre le aziende e ho avuto il piacere di assagiare l’uva direttamente dalla vite ed è di eccellente qualità. La fiducia tra produttore e consumatore è anche questo.

  6. riccardo

    04/05/2012 at 23:41

    ho visitato di recente quest’azienda. Apprezzo la continuita qualitativa che anualmente viene proposta. Il Lison Classico Mi ha colpito molto. Riccardo

  7. Giulio

    09/06/2012 at 18:28

    Sono stato in data odierna presso la Tenuta Mulin di Mezzo, rimanendo piacevolmente impressionato dalla gentilezza del Sig.r Paolo e Sig.ra Silvana. Di recente ho avuto modo di assaggiare il Cabernet Sauvignon e vista l’ottima impressione oggi ci è stato proposto il Lison Classico 2011 (ora DOCG) e lo Chardonnay entrambi di ottimo livello! Con l’occasione la Sig.ra Silvana ci ha fatto visitare il vigneto trasmettendo la passione nel produrre vino. Consigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy