Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Enovarie

Visti da Marte – Cose mai viste: un festival del vino!!!

Pubblicato

il

Qui a Marte non abbiamo capito perché, cosa e nemmeno chi, ma dal 23 al 25 ottobre a Vicenza si svolgerà il 1° Festival nazionale dell’enoturismo (www.festivalenoturismo.it).
A una lettura della presentazione, ci sembra di intuire che gli espositori saranno Aziende del vino, categoria che, com’è notorio, non hanno mai esposto in nessun tempo e in nessun luogo.
Anche i Consorzi del vino non hanno mai esposto, si sa, per fortuna l’hanno capito quelli di Vicenza. Che giustamente, si chiedono essi stessi in modo illuminato: “Perché un Festival dell’Enoturismo?”. Eh già, perché?
Il problema è che, oltre a porsi la domanda, gli organizzatori si danno anche la risposta.
Innanzitutto, ci dicono che un turista che si muove in cerca di vino, solitamente compera vino. Apperò.

Ci dicono poi – e qui trasecoliamo – che esistono migliaia di cantine e proprietà (che vuol dire che esistono anche luoghi non meglio identificati di non proprietà, cioè dove uno produce vino a casa di un altro) aperte al pubblico in Italia.
I target di visitatori attesi: il pubblico (sic), “Inoltre, i professionisti dell’industria turistica (tour operators, agenzie di viaggio, etc.) sono invitati a questo evento. Saranno interessati alle diverse conferenze che verranno organizzate durante il festival. Inoltre, incontreranno gli espositori e avranno la possibilità di prendere contatti e immaginare nuove collaborazioni”.
L’etc. fra parentesi ci fa immaginare un’allegra e simpaticissima teoria di commerciali che propongono mezza pagina, un quarto di pagina, una riga e mezza di pubblicità a pagamento.
La chicca: “Anche i giornalisti sono i benvenuti”. Grazie dell’anche.
A noi Marziani sembra che questa bella cosa mai vista sia totalmente superflua anche se a ingresso gratuito, con buona pace di Movimento del Turismo del Vino e Associazione Città del Vino che hanno dato il patrocinio. Peraltro ci chiediamo: ma Vicenza e Verona non sono nella stessa regione?
E non sarebbe stato più logico prevedere un padiglione workshop enoturismo a Vinitaly, visto che Vinitaly già esiste, se proprio proprio si doveva fare ma proprio proprio? A Vinitaly passa il mondo mentre a Vicenza, ci scusino i vicentini, non ci pare…
Briscola

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Simone e zeta

    08/09/2009 at 13:26

    In effetti, visto che in Italia facciamo enoturismo da 15 anni con innegabile successo….era l’ora che qualcuno ci insegnasse come 😉

  2. Guida Vino

    11/09/2009 at 15:29

    Beh una maifestazione a cui non possiamo mancare! 🙂

  3. Paolo Boldrini

    14/09/2009 at 13:45

    Sotto l’egida del nostro ministro pro-Prosecco Zaia, non ci sarebbe da meravigliarsi se ogni provincia del suo amato Veneto organizzasse e promuovesse una manifestazione: eno-turismo, eno-gastronomia, eno-cultura, eno-politica, eno-adesso-basta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy