Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Degustazioni

Anteprima Amarone 2005 a Verona e degustazione di Amarone 2004 a Como

Pubblicato

il

Fine settimana e inizio della nuova all’insegna dell’Amarone della Valpolicella, il più celebre e importante (anche in termini quantitativi) vino rosso italiano ottenuto con la particolare tecnica dell’appassimento. sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio a Verona, presso Palazzo Giardino Giusti, è di scena, come scrivo in questo articolo pubblicato sul sito Internet dell’A.I.S. (leggete qui) l’Anteprima dell’Amarone della Valpolicella 2005, dapprima riservata solo alla stampa, quindi, nel pomeriggio, dalle ore 16 alle 19 e poi domenica 1 febbraio dalle ore 10 alle 18, aperta al pubblico.
Ai banchi d’assaggio, a testimoniare il continuo sviluppo del fenomeno Amarone (che ora può addirittura contare su un social network a lui dedicato, Terroir Amarone), saranno presenti ben 63 produttori, quota che rappresenta un record di adesioni perché mediamente il numero di aziende partecipanti ha finora oscillato intorno a 55.
Dopo essermi fatto una prima idea, prevedibilmente molti vini saranno slegati, non ancora perfettamente bilanciati e avranno bisogno di qualche mese in bottiglia prima di esprimersi appieno, della nuova annata, la 2005, lunedì 2 febbraio tornerò a confrontarmi, sono certo con ben altre gratificazioni organolettiche, e con vini ben più compiuti, con gli Amarone della Valpolicella della precedente annata, la valida (ma non irresistibile) 2004, con otto Amarone, tutti di aziende della zona classica, che presenterò alle 21 presso il Grand Hotel di Como nell’ambito di una serata organizzata in collaborazione con gli amici dell’A.I.S. di Como.
E’ la seconda di due serate (la prima si è svolta lo scorso 4 novembre – leggete qui) dedicate al celebre vino rosso da appassimento della splendida Valpolicella, e anche questa volta (vedete qui il programma dettagliato) abbiamo cercato di allestire un “menu” gustoso e variegato. In degustazione avremo difatti, proposti con questo ordine di servizio, i seguenti vini:
Tommasi Amarone della Valpolicella classico 2004
Santa Sofia Amarone della Valpolicella Classico 2004
Monte del Fra Amarone della Valpolicella Classico 2004
Tedeschi Amarone della Valpolicella Classico 2004
Monteci San Michele Amarone della Valpolicella Classico Costa delle Corone 2004
Guerrieri Rizzardi Amarone della Valpolicella Classico Villa Rizzardi 2004 Massimino Venturini Amarone della Valpolicella Classico Campomasua 2004
Le Ragose Amarone della Valpolicella Classico 2004.

Tutti vini che mi avevano particolarmente convinto, circa un anno fa, in occasione dell’Anteprima Amarone 2004 e che mi sento di poter proporre oggi (con l’aggiunta del vino di una delle aziende storiche della Valpolicella, una di quelle che più amo, Le Ragose) in occasione di questo appuntamento comasco. I posti a disposizione (più di cento) dovrebbero essere esauriti, ma per verificare se ne sia rimasto ancora qualcuno potete contattare Giancarlo Botta al numero 347-2548396 (no SMS) oppure tramite e-mail a questo indirizzo.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Max Perbellini

    29/01/2009 at 19:02

    Ovviamente anche tu parteciperai a Terroir Amarone, altrimenti ti minaccio con del vino in brick….
    Max Pigiamino Perbellini

  2. davide

    29/01/2009 at 19:21

    franco, mi sembra che il giudizio dato al 2004, all’indomani della rassegna, non fosse stato proprio positivo, ma forse confondo la lettura del tuo blog con le mie impressioni personali;o forse do troppo importanza al catering che l’anno scorso era un po’ “scarsino”

    mi è capitato di assaggiare già qualcosa del 2005, ma preferisco leggere le tue recensioni la settimana prossima, ed eventualmente confrontarmi
    buona degustazione
    Davide

  3. Franco Ziliani

    29/01/2009 at 19:36

    Davide, confermo che mi aspettavo di più da un’annata equilibrata e di qualità (un po’ ovunque, dalle Langhe alla Toscana) come il 2004, soprattutto dopo le forzature e le esagerazioni dei 2003. Ma pur non entusiasmandomi una quindicina di buoni Amarone della Valpolicella non ho avuto difficoltà a trovarli, tanto da sentirmi di proporli, mettendoci la faccia avendoli selezionati io, in due serate per gli amici dell’A.I.S. di Como…

  4. andrea

    02/02/2009 at 15:12

    con un evento cosi hai sconvolto anche il meteo a como!!!
    Nevica alla grande,,, un po’ di amarone (di quello buono) ci vuole per riscaldarsi..
    Ciao e buona degustazione
    Andrea

  5. Franco Ziliani

    02/02/2009 at 15:42

    Andrea, colgo l’occasione per informare, anche da qui – gli amici dell’A.I.S. Como hanno già provveduto ad informare le oltre cento persone iscritte – che la degustazione prevista per questa sera per cause di forza maggiore (la forte nevicata) é stata rinviata a mercoledì 25 febbraio. Si spera che per quella data il tempo sia più clemente!

  6. andrea

    03/02/2009 at 12:12

    beh ,,,
    visto che recuperate, spero di poterci essere!
    ciao
    andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy