Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enoriflessioni

Ceri Smith, ambasciatrice della Nosiola e del Timorasso in California

Pubblicato

il

Dite la verità, se fosse lei, la bella signora ritratta nella foto, l’enotecara della porta accanto e non magari degni personaggi per di più wine blogger, come Fiorenzo Sartore, o seri presidenti Vinarius come il buon Francesco Bonfio dell’Enoteca San Domenico di Siena, bravissimi, ma  con il grande difetto di essere degli uomini, non avreste molti  ma molti più incentivi per andare regolarmente in enoteca?
Invece, dovendoci noi accontentare di quel che passano le italiche enoteche , questa fortuna, di avere un’enotecara very charming, giovane, simpatica e appassionata, l’hanno indubbiamente a San Francisco, California, West Coast, dove la nostra, al secolo Ceri Smith, un bisnonno di origini italiane, anzi toscane, ha creato nel novembre del 2006 l’enoteca, pardon, il wine shop Biondivino.
Personaggio incredibile Ceri, talmente appassionata dei vini italiani da creare una “italian wine boutique” cult di gran successo che comprende nella sua wine list qualcosa come 490 vini di venti regioni italiane, e ben 150 con un costo, sullo scaffale, inferiore ai venti dollari.
Scoperta grazie ad un post dell’ottimo blog Good Wine under 20$, di cui avevo dato conto nell’uscita del 17 luglio della rassegna stampa WineWebNews, Ceri Smith racconta la sua love story con gli Italian wines e propone riflessioni estremamente interessanti sul mercato del vino italiano negli States, sui wine enthusiasts statunitensi ed i loro gusti, sui vini italiani che vogliono fare… gli americani, in una lunga intervista che mi ha concesso, pubblicata (leggi qui) sul sito Internet dell’A.I.S.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. liloniadriano

    07/08/2008 at 12:08

    carina…l’enoteca!
    e comunque non fare torto alle enotecare italiane ne ho trova di molto simpatiche e carine non occorre attraversare l’oceano!
    Lode per l’iniziativa sui vini esclusivamente italiani, pero’ non vorrei vedermi un enoteca in Italia di soli vini californiani per par condicio! :-O)

  2. paolo

    07/08/2008 at 12:38

    Vista a Vini veri, impossibile dimenticare il suo “bottom”…ma non è facile neanche incontrare una signora col suo palato, ho ascoltato i suoi commenti.
    Certo che il mercato americano non è il nostro…le sue parole devono farci riflettere, anche sui prezzi.

  3. Donni

    07/08/2008 at 14:03

    Franco,mi sono innamorato per l’ennesima volta!Ti prego,devo assolutamente conoscerla!Fai qualcosa!

  4. Paolo Boldrini

    08/08/2008 at 11:53

    Bellissima l’intervista, molto interessante il pensiero (ce ne fossero di più…!), eccezionale e stupendo tutto il resto…:-))

  5. liloniadriano

    08/08/2008 at 12:01

    franco ziliani deve fare anche cupido ora?…io fossi in lei cercherei un contatto e.mail con la signora in questione(io le scrivero’ proponendole l’assaggio di un vino da garage italiano, inizierei a discutere sul processo al brunello, magari infilandoci cosi’ casualmente la possibilita’ di finire proprio in zona per trovare un carissimo amico(se vuoi ti passo un paio di nomi) e invitarla in un grande ristorante italiano credo la god’s bottom lady sarebbe veramente incuriosita…eh eh eh

  6. Laura Rangoni

    09/08/2008 at 08:45

    Proposta indecente: perchè gli enotecari non assumono qualche velina da piazzare nei loro locali? Magari quelle scartate dal concorso, che costano meno… Potrebbe essere una buona mossa di marketing. E il costo lo si potrebbe ripartire sui produttori.
    Siamo o non siamo la società dell’immagine?
    Se c’è un’enoteca che ha bottiglie polverose, vini iperinvecchiati, anche archeologici, mi candido!!

  7. francesco bonfio

    09/08/2008 at 11:07

    La proposta della signora Rangoni sarà inserita al punto n° 7 dell’odg relativo alla prossima riunione del CdA di VInarius.
    Grazie pre il suggerimento.
    Con viva cordialità,
    Francesco Bonfio
    presidente Vinarius Associazione delle Enoteche Italiane

  8. Gianni "Morgan" Usai

    09/08/2008 at 13:31

    Concordo con Laura Rangoni,
    aspiranti veline per tutti i wine-bar le enoteche, i vari alberghi luxury, le enoteche regionali + assessorati…

    Però vi avviso, sto per tornare alle mie radici, in Sardegna, non vorrei essere nei panni delle ignoranti in storia enologica dell’isola, che dovessero appalesàrsi…

    Gianni “Morgan” Usai

  9. Paolo B., TA

    24/08/2008 at 21:56

    Avevo l’idea, poi rimossa, di aprirmi un’enoteca… Bè, con una tipa del genere in negozio, penso che l’idea non era così male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy