Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Mon coeur mis a nu...

Feeling good: tre bicchieri di rosso al giorno e in alto i…cuori!

Pubblicato

il

‘Uagliò, mo mi spiego perché mi sentissi tanto “in forma” lo scorso fine settimana quando nell’amatissima terra di Langa in due giorni ho copiosamente e golosamente “degustato” a tavola una serie di Barolo sfidando gli oltre 30 gradi di temperatura!
Mi aiuta a capirlo, in questo articolo che ho letto solo ieri, il professor Andrea Ledda, docente dell’Università dell’Aquila, presentando una sua relazione ad un recente convegno su “Vino e salute”.
E così la “modica quantità”, il consumo moderato, tre bicchieri al giorno, di un vino rosso di quelli giusti (per me netta preferenza a Barolo e Barbaresco e anche ad un altro vino, fino a quando se ne troveranno di veri, che si produce in una località toscana denominata Montalcino, ma anche il Negroamaro, il Montepulciano, una rotonda e formosa Barbera, un Chianti base Sangiovese in purezza vanno benone…) non farebbe bene solo per prevenire l’arteriosclerosi, ma aiuterebbe, meglio di certe pilloline azzurre, ad… innalzare il morale e tenere in alto i cuori…
Domanda oziosa: ma alle gentili signore tre bicchieri di rosso fanno le stesso benefico, “euforizzante” effetto?
 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Stefano Caffarri

    07/07/2008 at 13:22

    Dicono, i vecchi ciclisti che non disponevano di supplementi alimentari, che un buon bicchiere di rosso aiuta il recupero dopo lo sforzo: e io piuttosto che ricorrere alla chimica… insomma, ogni scusa è buona!

    PS.: ma visto che siamo d’estate, posso proporre un bel Lambrusco Reggiano fresco e ricco di Lancellotta bella pigmentata?

  2. Paolo B., TA

    07/07/2008 at 15:55

    Quando bevo vino lo faccio per puro piacere, non cerco scuse salutistiche. Diciamolo francamente, il vino contiene alcool in quantità diecimila volte superiore rispetto a resveratrolo o quant’altro si dice che faccia bene.
    So che anche il dott. Ziliani la pensa così… o no?
    Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy