Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Libiam nei lieti calici

Rosé Privé – Rosé Osé: Montepulciano Rosé Brut Dora Sarchese

Pubblicato

il

Continua, soprattutto nel Regno Unito, il trascinante successo dei vini rosati che anno dopo anno fanno registrare significativi incrementi nelle vendite. Dopo aver fatto segnare una crescita del 32% nel periodo dal 1999 al 2004, la ‘Drink Pink’ Renaissance registra quest’anno, secondo i dati resi noti dalla Mintel, società con sede a Chicago, London, Belfast e Sydney, specializzata nelle ricerche relative al mercato e all’orientamento dei consumatori, e negli studi relativi ai “global trends”, un nuovo formidabile incremento, raggiungendo la significativa quota di 49 milioni di litri venduti.
Dal 2005 ad oggi le vendite sono aumentate di un incredibile 188%, con il settore degli spumanti, gli sparkling rosé, a condurre la danza. Buone opportunità, dunque, se sapranno darsi da fare e si attiveranno riuscendo a farsi conoscere, anche per i tanti buoni rosati italiani, ultimo dei quali un singolarissimo Brut da uve Montepulciano, un Cerasuolo spumante metodo classico, prodotto nella propria cantina di Ortona dall’azienda Dora Sarchese.
Un vino dal nome stravagante, Rosé Privé si legge in etichetta, mentre Rosé Osé riporta la retro, da uve Montepulciano in purezza della vendemmia 2006 (con sboccatura 2007) provenienti dalla zona dell’agro di Caldari nel Chietino, altopiano situato ai piedi della Maiella sul versante Adriatico, con terreni calcarei – ghiaiosi.
Il risultato è un vino spumante di qualità, colore rosa corallo cerasuolo granato splendente molto luminoso, decisamente simpatico e piacevole al gusto, naso fitto e carnoso di piccoli frutti (ribes, lampone, fragola), con striature di rosa e geranio, molto secco, deciso, maschio sia da un punto di vista aromatico che gustativo, con un attacco incisivo, diretto, molto sapido, un’interessante struttura e una dolcezza di frutto e una indubbia piacevolezza, grazie ad un’acidità calibrata e ad un equilibrio tra le parti, che lo rendono adatto all’abbinamento a piatti di pesce (dagli antipasti freddi agli umidi alle grigliate), ma anche a piatti come melanzane alla parmigiana o vitello tonnato oppure pollame in insalata. Curioso e simpatico, decisamente da provare.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Francesco

    05/10/2007 at 15:30

    Ho avuto modo quest’estate di assaggiare i Rosè Privè e devo dire che è un vino spumante davvero speciale. Mi aveva incuriosito che fosse il primo spumante rosè nato da uve montepulciano d’abruzzo….davvero una bella cosa. Nuova. Complimenti alle cantine Dora Sarchese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy