Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enoriflessioni

Le AOC sotto accusa in Francia: scarsa qualità e poco legame con il terroir

Pubblicato

il

Dell’argomento, scottante ha già accennato, autorevolmente, Fiorenzo Sartore, in questo post sul suo blog Vinoteca on line, ma la chiamata di correo, la messa sotto accusa da parte dell’Ufc, ovvero l’Union fédérale des consommateurs, ovvero una delle più importanti e autorevoli associazioni di consumatori francesi, e della sua rivista Que Choisir, del “sacré Institut” delle AOC, o Appellation d’origine, espressione di qualcosa come 470 aree vinicole determinate che rappresentano il 44 per cento del vino francese, accusate, senza mezzi termini, di non rappresentare più una garanzia di qualità o di autenticità per la produzione vitivinicola francese, è una vera bomba e meritava un approfondimento.
Questo dopo una debita lettura degli estratti della rivista disponibili on line e di alcuni articoli di reazione, carognetti niente male, apparsi sulla stampa britannica. Il risultato è questo articolo, pubblicato nello spazio delle news del sito Internet dell’A.I.S.
Un gruppo di professionisti rappresentativi della filiera vitivinicola francese, produttori, négociants, enologi, operanti in una ventina di appellations generiche rappresentative dei grandi bacini di produzione nazionali, hanno decretato, per il 40%, che l’AOC non garantisce più una qualità minima e per il 65% l’AOC non costituisce più una garanzia di tipicità e di rispondenza alle caratteristiche del terroir d’origine e la rivista ha chiesto un declassamento di tutti quei vini che pur figurando nelle AOC non presentano caratteristiche qualitative e una chiara rispondenza all’identità fissata nei disciplinari di produzione. Oppoffarbacco, a quando un’analoga richiesta di associazioni di consumatori italiane, organi di controllo, ministero, per i tanti, troppi vini Doc e Docg dalla qualità dubbia e dalle caratteristiche organolettiche in totale dispregio della storia, dell’identità, della credibilità, del legame con il terroir e con le uve previste, delle rispettive denominazioni ?

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy