Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enovarie

Dov’è l’errore ? Mourinho se ne va, quando toccherà (non é mai troppo tardi) a Mancini ?

Pubblicato

il

La notizia – extra vino – di oggi è che un fighetto, presuntuoso, arrogante e sopravvalutato, tale José Mourinho, si è tolto dai piedi, anche se il comunicato dice che “Il Chelsea Football Club e José Mourinho hanno accettato di separarsi di comune accordo”, consentendo alla squadra londinese del Chelsea di poter finalmente decollare.
Questo mentre ieri sera, a Istanbul, un altro fighetto, arrogante e sopravvalutato, tale Mancini Roberto, un passato da grande giocatore, un futuro da allenatore tutto da costruire, dava l’ennesima dimostrazione di non sapere dare uno straccio di gioco alla Beneamata (l’Inter) e di condurre, in malomodo, una masnada di mercenari senza arte né parte, né orgoglio.
Ieri sera Mancini era in panchina, mentre la telecronaca della partita trasmessa da Rai Uno vedeva come commentatore il “grande antipatico”, Fabio Capello.
Come è possibile che il simpatico e generoso patron – presidente (che magari essendo adesso libero Mourinho potrebbe pensare di accalappiarselo aggiungendo un’altra perla alla sua collezione di stravaganze calcistiche) lasci libero l’ex vincente conducator del Milan, del Real Madrid (anche della Juventus, purtroppo…), e continui a tenersi come “allenatore” l’azzimato fighetto di Jesi ? Insomma, dov’è l’errore ?

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. andrea gori

    20/09/2007 at 10:44

    troppo amore per i cosiddetti fenomeni, vedi Recoba, Ronaldo…e in genere troppi soldi da spendere! a me mancini non piaceva neanche quando era alla fiorentina quindi sposo la tua causa. non ne posso più di fare queste figure in campo INTERnazionale!
    e al fantacalcio mi sono pure preso Stankovic Materazzi e Chivu…

  2. Mario Crosta

    20/09/2007 at 10:47

    Franchissimo, che Capello sia sempre stato un grande giocatore ed un grande allenatore non e’ un mistero, viene dalla terra che ci ha dato quei Bearzot e quei Rocco che anche in passato i nostri Moratti hanno ignorato. Hai fatto bene a scrivere questo post, l’Inter in campo ha bisogno di maschi e non di signorine

  3. Marco Arturi

    20/09/2007 at 10:55

    Franco, la gente come Capello (un certo Lippi te lo ricorderai) non va bene all’Inter di Moratti perchè rischia di stropicciare le figurine Panini. Le strapazza, toglie loro l’inquadratura. E non va bene neppure un mister come Spalletti (che quest’anno, lo dico da tempo, vincerà il campionato) o Prandelli, gente che ha bisogno di un po’ di tempo per costruire un progetto e alla quale puoi anche permetterti di far mancare il centravanti della nazionale campione del mondo senza che per questo il progetto vada a farsi benedire. I mister di Roma e Fiorentina sono come vini da invecchiamento, ai quali devi lasciare tempo per esprimersi. Mancini e Mourinho somigliano invece a quei vini dal sapore “internazionale”, che sono pronti subito ma che dopo due sorsi ti hanno già stufato. Però fa molto più fico ordinarli al ristorante.

  4. Marco Arturi

    20/09/2007 at 10:59

    P.S.: Per la cronaca, io sono genoano. Quindi guardo a queste vicende “dal basso” e in modo disinteressato. Ah, dimenticavo che simpatizzo per il Livorno. Sorprendente, eh?

  5. Diego

    20/09/2007 at 11:20

    Gentile Sig. Ziliani
    da interista quale sono, dire che Mancini sia il male dell’Inter è come nascondersi dietro un dito.
    Siamo al cospetto di una squadra che non ha un blocco italiano (alla base del gioco brillante di Milan e Roma, vedasi Pirlo, Aquilani, De Rossi), che non ha giocatori di qualità in mezzo al campo (solo muscolari e quindi chi lo costruisce il gioco?), che ha un gruppo argentino di giocatori i cui limiti sono evidenti (guardare i risultati della nazionale argentina per capire), che ha tenuto in rosa un certo Recoba credo per 9 anni mentre ha venduto Roberto Carlos dopo un anno e Ronaldo dopo tre.
    Ben prima di Mancini, che bene o male, risulati alla mano, è l’allenatore più vincente dell’Inter dai tempi di Herrera, senza scomodare Capello, che oltretutto a livello internazionale ha fatto peggio di Mourinho, l’Inter è stata allenata, tra gli altri, da un certo Lippi, che è l’allenatore più vincente della storia del calcio mondiale: fallì anche lui, allora dov’è l’errore? Sarà mica la società?

  6. alan

    20/09/2007 at 12:41

    Certo che questa inter e’ ben strana…
    Che la simpatia della squadra dipenda da questo?

  7. frillo

    20/09/2007 at 17:49

    parliamo di vino l’è meglio vai…

  8. LUCIANO

    04/10/2007 at 01:56

    Cose da pazzi!! Il mancio nn si tocca… siamo sempre i migliori… ADESSO CREDO CHE NE SIATE CONVINTI… COM’è LONTANO IL 20 STTTEMBRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy