Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

l'edicola enologica

Grandi Rossi di Sardegna: la meditata selezione di Piero Careddu

Pubblicato

il

Anche se ci dimentichiamo un po’ troppo spesso di lei, la Sardegna resta una delle regioni vinicole italiane più interessanti e autentiche e maggiormente in grado di esprimere una produzione fortemente rispettosa di una salda tradizione resa possibile dalla presenza di una serie di importanti vitigni autoctoni nonché di altri provenienti dal bacino del Mediterraneo.

Terra di bianchi sapidi ed eleganti, soprattutto base Vermentino, l’orgogliosa isola, di un vino unico ed inimitabile come la Vernaccia di Oristano, ma soprattutto patria di grandi rossi, base Cannonau, Carignano, ma anche espressione di altre uve meno note quali Bovale, Cagnulari, Pascale, che attentamente vinificati e affinati con sapienza, hanno raggiunto un livello qualitativo molto importante e grandi punte d’eccellenza.

Una nuova Sardegna del vino (e della cucina, perché le due cose non possono mai andare disgiunte) che meritava di essere raccontata e testimoniata con competenza, che aveva bisogno di un interprete che se ne facesse appassionato cantore.

Un ruolo impegnativo, sicuramente, ma che ha trovato in Piero Careddu sommelier ed enogastronomo e proprietario in Sassari del ristorante Antica Hostaria, il personaggio ideale, come dimostrano le pagine, dense di suggestioni, di entusiasmo enoico, di esperienza e di sottile suggestione, del volume, da lui curato, Selezione Grandi Rossi. Grandi vini e nuova cucina di Sardegna (180 pagine 16 euro) pubblicato per i tipi della Magnum Edizioni e impreziosito dalle belle immagini della fotografa Valeria Brandano.

In questo libro, corredato da appendici relative alla storia del vino in Sardegna, all’arrivo del flagello della fillossera nell’isola sul finire dell’Ottocento, ai vitigni Monica e Carignano, Careddu ci presenta, in forma di racconto, con un linguaggio descrittivo e molto suggestivo, diciotto vini rossi che a suo parere (evviva la libertà ed il coraggio di scegliere e di proporre una propria personale selezione) rappresentano oggi il meglio della produzione vinicola isolana in materia di vini rossi.

Lo fa in maniera originale e completa fornendo un’impeccabile scheda d’assaggio di ogni vino, una dedicata alla cantina produttrice, e poi abbinando ad ogni vino un piatto, di cui viene proposta dettagliatamente la ricetta e la “filosofia” che ha suggerito l’abbinamento. Il risultato é un viaggio appassionato a tappe, scandite dalla succulenza delle preparazioni (ravioli di cipolle rosse, carré di maialino, padellata di calamari, gnocchetti di semola, filetti di ombrina, coscia di lepre, ecc) attraverso riserve di Cannonau, Carignano e Cagnulari in purezza, tra vini divenuti ormai dei classici moderni come il Turriga ed il Terre Brune e altri tutti da scoprire (il Cannonau Josto Miglior degli Antichi Poderi di Jerzu, il Nebbiolo Dolmen della Cantina Gallura, il Luzzana di Cherchi, il Cagnulari di Feudi della Medusa, il Buio Rosso di Mesa, l’Essentija dei Fratelli Pala, ecc.) di cui Careddu ci fornisce la chiave di lettura.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. J. Gómez Pallarès

    19/02/2007 at 17:53

    Caro Franco, ho avuto la fortuna di esser a pranzo e a cena poche settimane fa da Piero Careddu a Sassari e ne ho scritto due post

    http://devinis.blogspot.com/2006/11/sardegna-nel-cuore-lantica-hostaria-de.html

    Il libro è bello, pieno di emozione e di amore per la terra sarda, cibo e vino inclusi, ma il ristorante e il pasto, e anche l’affabile cortesia di Pieru sono direttamente da un tempo quasi remoto, dove tutto era più gentile e amabile.
    Tante belle cose, caro amico.
    Joan

  2. Barbara

    20/02/2007 at 14:15

    Davvero interessante e ben scritto questo libro che ho avuto la fortuna di leggere anch’io. Il collega sommelier Careddu ha dato prova di grande professionalità oltre che amore per la sua terra e per i vini sardi, gli abbinamenti poi sono perfetti e le ricette spiegate nei minimi particolari. Per chi ama la Sardegna, le tradizioni e il legame con il territorio troverà in questo volume tantissimi spunti interessanti, indirizzi utili per degustazioni, assaggi enogastronomici, all’insegna della qualità.
    Saluti, Barbara.

  3. Terry Hughes

    27/02/2007 at 01:40

    Mi piacciono molto i vini della Sardegna, e spero di trovare questo libro quando arrivo in Italia per il Vinitaly.

    Cosa interessante (?) — c’e’ un cameriere / sommelier a un bel ristorante sardo newyorkese, “‘Assenzio,” di nome Filippo Careddu. Parente o “coincidenza” ?

    Saluti da New York.

  4. buio rosso

    14/10/2007 at 15:01

    dove? e come posso aquistare qesto fantastico vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy