Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Libiam nei lieti calici

Igt Salento rosso Malia 2003 Duca Guarini

Pubblicato

il

Secondo la nuova, indispensabile edizione del compendio Vitigni d’Italia (le varietà tradizionali per la produzione di vini moderni) curato dal trio di cattedratici Calò, Scienza e Costacurta e pubblicato da Edagricole (920 pagg. 99 euro), la Malvasia nera di Brindisi “oltre che per la produzione di vino rosato per le sue caratteristiche di polpa croccante, buccia sottile e sapore semplice e dolce é utilizzata come uva da mensa” e “raramente vinificata in purezza entra solitamente in uvaggio con altre varietà locali quali Negro amaro e Sussumaniello” entrando nella compostone di diverse Doc salentine.
Cose verissime, eppure c’é chi quest’uva, credendo evidentemente alle sue attitudini enologiche, da tempo insiste a vinificarla da sola (trovando recentemente degli imitatori), ottenendo ottimi risultati.

E’ questo, il caso, dell’Azienda Agraria Duca Carlo Guarini di Scorrano, paese adagiato su una piccola altura nel centro del Salento ad una trentina di chilometri da Lecce, che conta su 70 ettari di vigneto impiantati in gran parte a Negroamaro, Primitivo, Malvasia nera, Montepulciano, su un terreno sabbioso e limoso e su 256 ettari di oliveto.
La Duca Carlo Guarini la Malvasia nera, da una resa contenuta in 90 quintali per ettaro, la vinificano da sola, macerandola sulle bucce per 9 giorni e scegliendo, per l’affinamento, solo l’acciaio e non il legno. E ne producono quasi ventimila bottiglie, che contano su un nucleo solido di estimatori.

Sebbene figlio di un’annata caldissima il Malia 2003 é eccellente, perché la zona dove sono posti i vigneti ha goduto del fresco e delle brezze provenienti dal mare, assicurando una sorprendente freschezza e un bel corredo acido, che è la spina dorsale di ogni vino che si rispetti.
Colore rubino fitto, ma splendente, questa Malvasia nera si fa apprezzare per il naso fitto carnoso, di bella densità e lunghezza aromatica, con note di frutta nera ben matura, liquirizia, terra, accenno di cuoio e di spezie e per una grande ricchezza di sapore, una vivace articolazione, un frutto nervoso e sapido sul palato, dove il vino si dispone vivo, con una piacevolezza che favorisce la beva.
Ecco la Puglia del vino che piu’ mi piace !

Azienda Agraria Duca Carlo Guarini
Largo Frisari 1, Scorrano (LE)
Tel. 0836.460288
Prezzo in enoteca: 12 euro circa
email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy