Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Ultimo minuto

Un vino per ogni azzurro: un’idea di Gianni Mura

Pubblicato

il

Segnalo l’originale idea di un grande giornalista sportivo, Gianni Mura, ottimo gastronomo e buon conoscitore di vini, di abbinare al nome di ognuno degli azzurri che hanno sconfitto la Germania e si accingono a sfidare Madame la France nella finale dei mondiali di calcio, e al loro allenatore, un vino, commentando, con lo stile classico di Mura le proprie scelte, che lui stesso definisce “personali e dunque discutibili”. Ad esempio quando definisce “elegante, quasi aristocratico”, il Lagrein altoatesino, che se proprio qualcosa non ha è l’eleganza…
Peccato, nessun calciatore, viene abbinato al Barolo, ma di calciatori di classe eccelsa e aristocratica forse questa Nazionale di “gregari”, umile e compatta, forse non ne ha proprio nessuno…
L’articolo è sulla Repubblica di oggi.


BUFFON
Barbera.
Vitigno molto versatile che abbraccia sia lo spumeggiare di Buffon, la sua faccia scanzonata, sia la solidità, il volume, la classe, l’impegno profondo che mette tra i pali.
ZAMBROTTA Cabernet.Tutti i vini hanno richiami vegetali (fiori, frutti) ma già al primo corso da sommelier si impara che tra tutti è il Cabernet (meno Internet, più Cabernet) il più erboso ed erbaceo.
CANNAVARO Cannonau. Vino scelto per assonanza, ma non solo. Ho pensato alle statuette nuragiche, ha una forte gradazione unita a una forte personalità. Un vino non facile, che va affrontato col dovuto rispetto.
MATERAZZI Nero d’Avola. Anche qui ha inciso l’assonanza. E’ un vino di carattere deciso che ha rilanciato le quotazioni della Sicilia in bottiglia. Se non ci stai molto attento, ti stende. Come Materazzi, appunto.
GROSSO Lacrima di Morro d’Alba. Vino rosso marchigiano, purtroppo poco conosciuto, è quello in cui più si sente il profumo di rosa (canina, per l’esattezza). Lo caratterizza l’eleganza fruttata.
CAMORANESI Malvasia piacentina. Come altri bianchi piacentini (Ortrugo, Trebbiano) tende a perdere briosità quando s’allontana dalla sua zona. Esattamente come Camoranesi quando cerca gloria al centro.
GATTUSO Primitivo. Non è un aggettivo, ma un vinone del Sud bello, buono e spesso, di quelli che per anni hanno dato forza e colore a quelli più pallidi del Nord e anche ai francesi. Ancora sangue, metaforicamente.
PIRLO Erbaluce di Caluso.Bianco, naturalmente. Piemontese, poco noto, può essere spumante, fermo o passito. Elegante, aggraziato. E poi, parlando di uno che deve illuminare, potevo farmi sfuggire l’Erbaluce ?
PERROTTA Cacc’e Mmitte. Ovvero, togli e metti. Vedi fare e disfare. E’ un rosso pugliese che, in purezza, dà ottimi risultati. Negli anni passati, come molti suoi confratelli, era usato soprattutto come vino da taglio.
TOTTI Franciacorta rosé. Inevitabile un vino mosso, con la spuma «ch’esce, ricresce, friccica, finisce» per dirla con Trilussa. Ho scelto un rosé da Pinot nero perché Totti è anche corpo, non solo spuma.
TONI Chianti Classico. Di solo Sangiovese, se possibile. Di quello in cui senti la viola mammola, ma anche l’iris. Vino che può essere ottimo o pessimo, senza vie di mezzo. Come, per i critici, le partite di Toni.
IAQUINTA Tazzelenghe. E’ un rosso friulano che Iaquinta avrà conosciuto, a Udine. Tradotto alla lettera, «attaccalingua». E’ un po’ rasposo e per questo non piace a tutti. Ma questa ruvidità è anche il suo pregio.
GILARDINO Lagrein Dunkel. Vino altoatesino non notissimo, ma lo diventerà, come Gilardino. E’ un vino elegante, quasi aristocratico. Ma non costoso. E’ sferico come un pallone, senza spigoli. Profondo.

DEL PIERO Cartizze. Nato a San Vendemmiano, Del Piero è astemio. Gli abbino il Cartizze, cioè il top del Prosecco, altro vino col botto, ma senza eccessi. Delizioso, invitante (glicine, note agrumate) con una venuzza amabile.

LIPPI Raboso del Piave. Raboso è una derivazione di rabbioso e sta a indicare il carattere difficile di questo rosso veneto. Il Piave poi, in questi giorni ci sta bene comunque: colore tricolore.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. diego

    07/07/2006 at 11:07

    Speriamo che non sia una sfida enoica perchè i francesi, su questo, sono ancora superiori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy