Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Enoriflessioni

Vins d’Alsace: uno splendido esempio di gioco di squadra a Milano

Pubblicato

il

Ottimo e soprattutto ben organizzato banco d’assaggio di vini alsaziani, ieri a Milano, pensato dai responsabili milanesi dell’efficientissima Sopexa in tandem con il Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace (sito Internet)

Nella bella cornice del Westin Palace, dalle 14 alle 19, si sono potute degustare e confrontare tutte le tipologie dei vini di questa splendida, storica zona vinicola francese di confine, dai Crémant d’Alsace a Riesling, Sylvaner, Tokay Pinot gris (oggi già definiti da tutti esclusivamente Pinot gris), Gewürztraminer, Pinot blanc, Pinot noir (piacevoli ma molto più vicini allo stile Alto Adige che a quello Bourgogne), Muscat, Klevener de Heilingenstein (una chicca, solo 45 gli ettari vitati), per poi arrivare ai Grand Cru e alle Vendanges tardives e Séléctions de grains nobles.

Nomi noti e meno noti, cantine già affermate e altre emergenti, vignerons indipendenti e Caves Vinicoles, tutti insieme, a fare squadra compatta per mostrare al pubblico milanese e lombardo veneto (avvistati amici provenienti da Sondrio, Como, Pavia, Verona) formato da ristoratori, enotecari, sommelier, distributori e giornalisti quale ricca gamma di vini e quale duttilità di utilizzo a tavola i Vins d’Alsace possano sciorinare.

Tornerò presto a raccontare, in questa ed in altre sedi, le mie migliori “trouvailles”, le conferme e le sorprese, i coup de coeur avuti da alcuni “vins émotion” (soprattutto i Riesling ed i Gewürztraminer che raccontano dei terroir d’origine e declinano con orgoglio i loro tesori di mineralità) che ho avuto il grande piacere di degustare.
Al banco d’assaggio e nel corso di una cena, in un noto ristorante stellato milanese, dove i responsabili Sopexa, da Ettore Zanoli a Julien Blondet ai loro collaboratori, hanno avuto la gentilezza d’invitarmi. E dove il discorso, sui vins d’Alsace, la loro identità, le loro ambizioni, le possibilità d’imporsi anche sul difficile mercato italiano, è piacevolmente continuato coinvolgendo un paio di colleghi giornalisti e alcuni produttori.

Un plauso particolare voglio riservarlo, veramente puntuale, preciso, documentato ed esemplare nello svolgere, con competenza, il proprio ruolo, voglio riservarlo, pubblicamente, a Thierry Fritsch, membro del Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace, regista della degustazione e nostra ottima compagnia nei confronti della cena.
Responsabile del servizio formazione del CIVA e “conférencier”, impegnato a raccontare la viticoltura alsacienne in tutto il mondo, Fritsch ci ha dimostrato quel che i francesi sanno fare splendidamente: trovare personaggi competenti che sappiano fare comunicazione, formazione e informazione e abbiano la capacità di saper raccontare ai loro interlocutori le tante splendide cose che i Vins d’Alsace hanno da offrire.
Bravo Thierry, bravo C.I.V.A (e brava la Sopexa, ça va sans dire…): chapeau bas !

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. diego

    01/06/2006 at 10:54

    Mi unisco ai tuoi apprezzamenti.
    C’ero anche io peraltro arrivato sul tardi (alle 17:00) e i vini erano ancora in temperatura e le aziende ancora molto disponibili.

    Veramente una bella serata.
    Ho assaggiato la produzione di 7/8 aziende e devo dire che la qualità media mi è sembrata veramente notevole. Personalmente sono rimasto affascinato in particolare dai Pinot Gris e dai Gewurtztarminer di Clement Klur, Domaine Albert Mann, Earl Jean-Marc Bernhard. Oltre ai grains nobles di Domaine Schoffit.

    Peraltro i prezzi di questi produttori (non di Trimbach ovviamente!) sono anche molto accessibili….

  2. Franco Ziliani

    01/06/2006 at 12:25

    letto il mio post Thierry Fritsch mi ha telefonato da Colmar per ringraziarmi per quanto ho scritto ma ha voluto cogliere l’occasione per complimentarsi per la curiosità, l’attenzione e la preparazione degli appassionati italiani presenti al banco d’assaggio di lunedì. Mi sembra quindi giusto rendere partecipi di questo apprezzamento anche i lettori di Vino al Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy