Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Ultimo minuto

I vini di Pelissero in abbinamento all’arte fotografica di Guido Larari

Pubblicato

il

Interessante iniziativa dell’azienda agricola Pelissero di Treiso, sempre molto attenta a legare il discorso sul vino ad iniziative di carattere culturale.
Dopo aver realizzato una sinergia con la Long Now Foundation fondata dal celebre musicista Brian Eno, da cui era nato il Langhe rosso Long Now, i Pelissero (Giorgio e la sorella Cristina) hanno cavato dal cappello del mago un’altra brillante idea.
Legare il nome dell’azienda a quello di uno dei massimi interpreti della fotografia italiana di oggi, a quel Guido Harari considerato tra i maestri di quella particolare espressione della fotografia rappresentata dal ritratto di protagonisti della scena musicale italiana ed internazionale.

Un fotografo di grande fama, Harari, che nel corso della sua lunga carriera ha ritratto musicisti come Paolo Conte, Joni Mitchell, Bob Dylan, Lou Reed, Patty Smith, Bob Marley, BB King, Tom Waits, oltre ad artisti italiani quali Vasco Rossi, Gianna Nannini e Fabrizio De André.

Pelissero ha dunque pensato di promuovere una mostra di opere di Harari, aperta dal 31 maggio al 22 luglio (apertura dal martedì al sabato, dalle 11 alle 20), presso la Galleria ArteUtopia di Milano (via Gian Giacomo Mora 5) la cui inaugurazione si svolgerà martedì 30 maggio dalle 18.30 alle 20.30.

In questa occasione in una speciale Blue Room l’arte di Harari e dei musicisti da lui ritratti si abbinerà dunque ai Barbaresco e ai vini di Langa prodotti dai Pelissero.

Per informazioni:
Azienda agricola Pelissero

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy