Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Indignazioni

Degrado e abbandono in via Mendicità istruita a Bra

Pubblicato

il

Sul numero del 28 marzo del settimanale Bra oggi si dà conto di una lettera di protesta, inviata all’Amministrazione comunale di Bra, in cui residenti e ed esercenti denunciano pubblicamente la situazione di degrado e di abbandono in cui versa via Mendicità istruita.

Il cahier des doléances é ricco e comprende proteste per "il parcheggio indiscriminato di automobili che sostano giornate intere spesso anche sui marciapiedi, rendendo difficoltoso il traffico dei pedoni", per lo spostamento dei dissuasori viari "sradicati e spostati a seconda delle necessità da automobilisti senza scrupoli", per lo spostamento sui marciapiedi delle fioriere, per il "comportamento incivile dei proprietari di cani che, abitualmente, nelle uscite diurne e serali sporcano marciapiedi, fioriere e portoni degli edifici con le urine e gli escrementi dei loro animali".
La lettera informa che le "tre vie parallele e successive, via Gianolio, via Moffa di Lisio e via Rambaudi" sono ordinate e pulite, quasi fossero "vie d’élite", mentre via Mendicità é abbandonata a se stessa.
Domanda: ma via Mendicità istruita non é forse la stessa via dove, al numero 14 se non erro, c’é la sede nazionale della premiata Associazione denominata Slow Food ?
Ma se la via é la stessa, perché mai i signori della chiocciola, sempre così impegnati a dare vita a costosi presidi per la difesa di alimenti in via d’estinzione e a sostenere battaglie in difesa di comunità lontane non dedicano un pizzico della loro attenzione alla via dove hanno sede i loro uffici ?
Dedicarsi di Bra forse non fa abbastanza fino per loro ?

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy