Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

In taberna quando sumus...

Il Piazza Duomo porta ad Alba il gusto della grande cucina

Pubblicato

il

Alba, accogliente cittadina elegante (e ricca), universalmente nota come capitale del tartufo e dei grandi rossi di Langa, può contare da settembre, posti nella centralissima Piazza Risorgimento, su due nuovi locali, dalla formula completamente diversa, creati dall’impegno (anche economico) di due produttori di vino indubbiamente dinamici e intraprendenti come i fratelli Bruno e Marcello Ceretto, ben coadiuvati (all’insegna del ricambio generazionale) dai loro figli.

Al pian terreno é collocato una sorta di bistrot piemontese e langhetto, luminoso e allegro, La Piola, un posto simpatico, disimpegnato, dove chi ha poco tempo a disposizione è libero di gustare uno o più piatti del giorno, elencati a vista su una lavagnetta, accompagnati da ottimi vini serviti al bicchiere.


Al  piano superiore, invece, per i gourmet più raffinati ed esigenti, il giovane ma già esperto chef Enrico Crippa, rodatosi attraverso stage ed esperienze maturate in importanti locali italiani ed esteri, propone, in una cornice elegante e raffinata e in un’atmosfera rarefatta, da ristorante di gran classe, il Piazza Duomo, la propria personale cucina. Una cucina che abbina un intelligente e personale omaggio alla tradizione di Langa (e alle splendide materie prime locali), ma propone, contemporaneamente, piatti di calibrata creatività e fantasia.

Durante una vostra visita potrete pertanto spaziare dal menu della tradizione (offerto a 60 euro, vini esclusi), che propone, ad esempio, Verdure dei Vicini Orti al Vapore,  Bagna  Cauda Leggera, Merluzzo  al  verde, Musetto  di  maiale  in  Batsuà , Verze  in  carpione, Ravioli di patate e  porri, Fonduta al Raschera, Spalletta  di  vitello brasata, Spuma  alla  nocciola, e piccola  pasticceria, al menu degustazione (9 piatti a 90 euro).
Oppure scegliere alla carta piatti come Millefoglie di topinambur, Bagna Cauda leggera e Olio alle erbe, Risotto al profumo di limone, Cime di rapa e frutti di Mare, Finanziera  e  maccheroncini di riso, Sottofiletto  di  razza  piemontese  gratinato, Pescatrice alla Mugnaia, capperi, limone e prezzemolo.
E  molte altre cose, ve lo assicuro, originali e sfiziose. La carta dei vini offre grandi bottiglie piemontesi e di tutto il mondo (con uno speciale spazio per il Barolo), ed il servizio, impeccabile, e’ all’altezza di un locale, sono pronto a scommetterlo, di cui si parlerà a lungo e che porterà ulteriore lustro ad Alba.

Ristorante Piazza Duomo
Piazza Risorgimento 4  Alba CN
tel. 0173 3661676 Piola
fax 0173 442800
info@piazzaduomoalba.it
chiuso il lunedì

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

0 Commenti

  1. Andrea

    24/03/2006 at 21:48

    Sono stato alla Piola due volte quest’anno, molto buono e simpatico, grande battuta di fassone!!

  2. Luciano

    30/04/2007 at 13:51

    Due cene di seguito al Piola con menù diversi ed entrambe estremanente piacevoli.
    Tagliata di fassone ? Concordo. Grande!
    Filetti di trota in agrodolce? Fantastici!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy